Geekissimo

La pirateria non danneggia l’industria dell’intrattenimento: parola della London School of Economics

 
Desiree Catani
4 Ottobre 2013
2 commenti

pirateria

Da anni le tre grandi industrie di intrattenimento (musica, film e videogiochi) accusano la pirateria delle loro enormi perdite, ma quanto c’è di vero in quest’affermazione? Un recente studio condotto dalla London School of Economics and Political Sciences (Università di Londra) ha esaminato quest’argomento ed ha messo in evidenza una conclusione del tutto diversa.


In particolare, tre professori del college hanno analizzato i profitti delle industrie ed hanno stilato un apposito rapporto che arriva ad una precisa conclusione: la pirateria non ha nessuna colpa.

La “Motion Picture Association of America’s (MPAA)” dichiarò che la pirateria on line stava completamente devastando l’industria del cinema, eppure Hollywood ha ottenuto ben 35 miliardi di dollari nel 2012, aumentando i guadagni del 6% rispetto al 2011. Questo è quanto si legge nella relazione londinese.

Nell’industria musicale il discorso è leggermente diverso. In questo caso, i ricavi si stanno effettivamente abbassando, ma nulla evidenzia che la causa principale sia la pirateria. Inoltre, dobbiamo considerare che gli stessi autori hanno dichiarato che il file-sharing può realmente beneficiare all’industria dell’intrattenimento.

Infine, il rapporto evidenzia anche che le politiche che cercano di limitare la pirateria (come quelle francesi) non riescono a migliorare la situazione.

Dobbiamo, inoltre, sottolineare che pochi mesi fa, la stessa Unione Europea ha pubblicato un rapporto molto simile a questo redatto dal college di Londra in cui, appunto, affermava che la pirateria non è dannosa per i proprietari di contenuti.

Che cosa ne pensate, la pirateria ha effettivamente danneggiato l’industria dello spettacolo?

[ Via | torrentfreak ]

[ Photo Credits | drumminhands ]

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Google,Yahoo e Microsoft: rimozione di alcuni Siti Pirata in corso

Google,Yahoo e Microsoft: rimozione di alcuni Siti Pirata in corso

La lotta contro la pirateria non si arresta, anche se la London School of Economics sostiene una teoria del tutto differente. Nel dicembre del 2011 furono avviate delle cause dalle […]

Google vuole combattere la pirateria con l’advertising

Google vuole combattere la pirateria con l’advertising

Che Google cerchi di darsi il più possibile da fare per combattere la pirateria non è sicuramente una novità ma che ora voglia farlo sfruttando l’advertising si. Secondo Google, infatti, […]

La RIAA spera nell’educazione dei bambini per combattere la Pirateria

La RIAA spera nell’educazione dei bambini per combattere la Pirateria

Sicuramente tutti voi conoscerete la RIAA, Record Industry Association of America, probabilmente la più famosa società il cui scopo è la tutela dei diritti digitali delle maggiori etichette discografiche, un […]

Quanto valgono i dati rubati su internet? Ecco un incredibile tariffario!

Quanto valgono i dati rubati su internet? Ecco un incredibile tariffario!

Le informazioni personali di ognuno di noi, è ovvio, sono senza prezzo. Ma tutto ha un prezzo e tutto ha un mercato… anche i dati (magari rubati) del vostro conto […]

I provider potrebbero iniziare a bloccare “amichevolmente” i contenuti protetti da copyright. Ennesima invasione della privacy?

I provider potrebbero iniziare a bloccare “amichevolmente” i contenuti protetti da copyright. Ennesima invasione della privacy?

Rappresentanti di At&t e di altri importanti internet provider stanno discutendo la possibilità di filtrare, a livello di rete, i trasferimenti di materiale coperti da copyright ai computer degli utenti. […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Alexander

    La pirateria danneggia il musicista.
    Compra solo musica originale.
    L’industria della musica sta andando in fallimento per colpa della pirateria.

    4 Ott 2013, 10:33 pm Rispondi|Quota
  • #2Carlo

    Parole al vento. Potrebbero metter queste relazioni sotto il loro naso ma continuerebbero ad accusare la pirateria. Non c’è più sordo di chi non vuol sentire.

    5 Ott 2013, 3:39 pm Rispondi|Quota