Geekissimo

Twitter traccerà le app installate dagli utenti sullo smartphone

 
Martina Oliva
28 Novembre 2014
0 commenti

Nel corso delle ultime ore Twitter ha annunciato che ben presto inizierà a raccogliere le informazioni sulle applicazioni che gli utenti hanno scaricato sul loro smartphone a meno che ciò non venga negato in maniera esplicita dal proprietario dell’account sul social network e del dispositivo in uso. Detta in altri termini Twitter andrà automaticamente a curiosare all’interno dei device mobile dei suoi utenti in modo tale da poter conoscere meglio i gusti degli iscritti.

Foto che mostra l'app twitter aperta su iPhone

Allo stato attuale delle cose Twitter è in grado di conoscere le abitudini dei suoi utenti solo ed esclusivamente attraverso i loro tweet. Con la scelta fatta ora da Twitter il team del social network può invece andare a migliorare di gran lunga i consigli per i suoi iscritti relativamente a contenuti e persone da seguire.

Chiaramente la notizia ha fatto rapidamente il giro dell’intero web e così com’era già prevedibile ha cominciato a suscitare numerose polemiche. In molti hanno infatti iniziato a gridare allo scandalo etichettando l’azione di Twitter come una violazione della privacy.

Ad ogni modo la raccolta delle informazioni di Twitter si ferma alle applicazioni presenti all’interno dello smartphone tagliando fuori il loro utilizzo. Ad esempio se uno smartphone è installata l’app Spotify il team di Twitter sarà a conoscenza della cosa ma non della musica che viene ascoltata.

Il team di Twitter ha sottolineo che l’introduzione della nuova funzionalità in questione avverrà mediante un nuovo aggiornamento dell’app per iOS e Android in arrivo entro breve. Inoltre prima che venga iniziata la raccolta dei dati all’utente verrà mostrato un messaggio che fornirà info riguardo la nuova Policy indicando anche la possibilità di disabilitare la registrazione dei dati semplicemente accedendo al menu delle impostazioni dell’app.

[Photo Credits | Twin Design / Shutterstock.com]

Via | Re/code

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Apple farà pulizia su App Store, le app problematiche saranno rimosse

Apple farà pulizia su App Store, le app problematiche saranno rimosse

Apple ha introdotto nuove linee guida per App Store. A partire dal 7 settembre le app ritenute problematiche saranno rimosse dallo store digitale.

Google avrebbe potuto lanciare un’app simile a Periscope

Google avrebbe potuto lanciare un’app simile a Periscope

Sul fatto che Periscope sia l’applicazione del momento vi sono ormai ben pochi dubbi. Sono infatti in tanti, anzi in tantissimi coloro che ogni giorno si servono della famosa app di mamma […]

Google Glass, confermata l’esistenza di un app store

Google Glass, confermata l’esistenza di un app store

Nel 2014, presumibilmente nella prima parte dell’anno, i Google Glass, gli occhiali per la realtà aumnetata del colosso delle ricerche in rete, faranno il loro debutto sul mercato. Così come […]

Microsoft offre 100.000 dollari e oltre per ogni app Windows Phone

Microsoft offre 100.000 dollari e oltre per ogni app Windows Phone

Il Windows Phone Store, il marketplace del sistema operativo mobile di casa Microsoft, prossimamente toccherà quota 150 mila app. Per raggiungere il più presto possibile questo ed anche altri importanti […]

Nuove norme per la privacy sulle app: i big del settore mobile si accordano

Nuove norme per la privacy sulle app: i big del settore mobile si accordano

Tenendo conto del continuo insorgere di polemiche, specie nel corso delle ultime settimane, tra produttori e sviluppatori di applicazioni per device mobile relativamente alla trasmissione ai responsabili dei dati sensibili […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento