Geekissimo

Synaptics lancia un sensore di impronte digitali standalone

 
Martina Oliva
13 luglio 2015
0 commenti

Nel corso degli ultimi giorni Synaptics ha annunciato quello che va a configurarsi come il primo lettore di impronte digitali standalone basato sulla tecnologia di autenticazione Match-in-Sensor.

Foto che mostra il logo di Synaptics

A differenza di quanto già disponibile sul mercato con questo sensore tutte le operazioni necessarie per verificare l’identità dell’utente vengono effettuate esclusivamente dal dispositivo, senza alcun intervento del computer e del sistema operativo. Se ne deduce quindi che i dati biometrici non possono essere rubati da nessuno.

La nuova soluzione Match-in-Sensor sfrutta un SoC che esegue tutte le operazioni di input/output (scansione dell’impronta e confronto con l’immagine di riferimento) andando ad isolare il sensore dal processore e dal sistema operativo. L’unico dato che viene comunicato al processore, in forma criptata, è il match score, vale a dire il punteggio assegnato al confronto tra l’impronta letta e l’impronta memorizzata.

Per il momento Synaptics non ha fornito ulteriori informazioni a riguardo ma di sicuro questa nuova tecnologia avrà un costo maggiore. Gli utenti dovrebbero però essere contenti di spendere qualche euro in più per un dispositivo che impedisce il furto dei propri dati sensibili, specie nel caso dell’esecuzione di transazioni finanziarie.

Da notare che allo stato attuale delle cose diversi notebook aziendali integrano uno scanner per le impronte. La diffusione degli scanner per le impronte risulta però aumentata soprattutto nel settore degli smartphone, in primis grazie alla popolarità dell’iPhone 5S e del Galaxy S5. La precedente soluzione Match-on-Host di Synaptics, al pari del Touch ID di Apple e del Sense ID di Qualcomm, conserva i dati biometrici in un’area isolata, ma sempre sul processore host, un meccanismo questo che per quanto sicuro possa apparire non garantisce però la totale impenetrabilità da parte di eventuali malware.

[Photo Credits | 360b / Shutterstock.com]

Via | SlashGear

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Dropbox, Project Infinite è una minaccia per la sicurezza?

Dropbox, Project Infinite è una minaccia per la sicurezza?

La tecnologia Project Infinite di Dropbox deve operare a livello di kernel. La cosa potrebbe tuttavia causare problemi in fatto di sicurezza.

Samsung, un nuovo smartwatch con caratteristiche all’avanguardia

Samsung, un nuovo smartwatch con caratteristiche all’avanguardia

Gli smartwatch, oramai è cosa ben chiara a tutti, rappresentano parte del futuro del mercato tech ed il fatto che buona parte dei colossi dell’IT abbia intenzione di entrare a far parte, […]

F-Secure, attacchi Java sempre più in aumento

F-Secure, attacchi Java sempre più in aumento

La software house F-Secure ha messo in guardia gli utenti sui pericoli che possono derivare dall’utilizzo di Java. L’ultimissimo Threat Report di F-Secure evidenzia infatti un notevole aumento degli exploit […]

PayPal, il lettore di impronte digitali renderà più sicuro l’iPhone 5S

PayPal, il lettore di impronte digitali renderà più sicuro l’iPhone 5S

Il lettore di impronte digitali, una tecnologia grazie alla quale incrementare la sicurezza e dire addio all’inserimento delle password, è una tra le maggiori novità che dovrebbero essere presenti sul […]

Mac OS X Lion, per un errore di programmazione le password vengono mostrate in chiaro

Mac OS X Lion, per un errore di programmazione le password vengono mostrate in chiaro

Stando a quanto emerso nel corso delle ultime ore Mac OS X Lion 10.7.3, ovvero l’ultima versione del sistema operativo Apple, presenterebbe una grave vulnerabilità relativamente alla funzione FileValut. Nel […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento