Geekissimo

Gli utenti di Windows 10 Home non potranno rifiutare gli aggiornamenti di Windows Update?

 
Andrea Guida (@naqern)
17 Luglio 2015
0 commenti

Qualche mese fa erano circolate delle voci secondo cui gli utenti di Windows 10 Home non avrebbero potuto rifiutare gli aggiornamenti di Windows Update. Ora, a poche ore dal rilascio della versione RTM del sistema, è stato pubblicato in Rete uno stralcio della licenza d’uso di Windows 10 che sembrerebbe avvalorare tale tesi.

The Software periodically checks for system and app updates, and downloads and installs them for you.

You may obtain updates only from Microsoft or authorised sources, and Microsoft may need to update your system to provide you with those updates.

By accepting this agreement, you agree to receive these types of automatic updates without any additional notice.

In poche parole, accettando la licenza d’uso del software, l’utente di Windows 10 acconsente al download degli aggiornamenti di Windows Update (e alla loro installazione sul computer) senza notifiche di alcun tipo.

Windows 10

Questo, almeno letteralmente, non significa che sarà impossibile rifiutare gli update. Tuttavia, secondo quanto riportato dai redattori di Neowin, le intenzioni di Microsoft vanno proprio in quella direzione: si vorrebbe limitare il potere decisionale dell’utente in favore di una maggiore sicurezza. Sicurezza derivata da aggiornamenti consegnati in maniera tempestiva dopo un periodo di test pubblico attraverso il programma Windows Insider (quindi non più al chiuso, nei laboratori Microsoft).

Quanto agli utenti della versione Professional di Windows 10, fanno fede le dichiarazioni del Senior Product Marketing Manager di Microsoft, Helen Harmetz, secondo cui questi ultimi potranno posticipare gli aggiornamenti fino a un periodo di 8 mesi, dopodiché perderanno la possibilità di scaricare gli update futuri. Solo gli utenti Enterprise della Long Term Service Branch, a quanto pare, potranno rifiutare gli aggiornamenti per periodi più estesi: si parla di 2 o 3 anni.

Che dire? Lo scenario appena delineato appare in totale armonia con il nuovo approccio alle release rapide e il nuovo concetto di “software come servizio” che Microsoft sta cercando di perpetrare, tuttavia fino a quando non ci saranno conferme ufficiali di quanto ora viene riportato come un “rumor” (avvalorato solo da alcuni “indizi” provenienti da Microsoft) non potremo esprimere giudizi definitivi in merito.

Contiamo di scoprire tutto quello che c’è da sapere sulla questione a breve, d’altronde il 29 luglio è dietro l’angolo e proprio in quella data (come ormai sanno pure i muri) Windows 10 verrà rilasciato ufficialmente al pubblico.

[Photo Credits | RoSonic / Shutterstock.com]

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Mercato sistemi operativi: Windows 10 raggiunge Windows 8.1 (o quasi)

Mercato sistemi operativi: Windows 10 raggiunge Windows 8.1 (o quasi)

Ce ne rendiamo conto. Questa rivelazione potrebbe lasciare nello sgomento centinaia di persone, ma è nostro dovere informarvi: con l’inizio del nuovo anno… è iniziato anche un nuovo mese! E […]

Windows 10, l’aggiornamento forzato è un bug

Windows 10, l’aggiornamento forzato è un bug

Sin dal momento del suo lancio Windows 10 è sempre stato proposto da Microsoft sotto forma di upgrade gratuito per il primo anno per tutti coloro che sono in possesso […]

Windows 10: primi problemi con gli aggiornamenti, KB3081424 non si installa

Windows 10: primi problemi con gli aggiornamenti, KB3081424 non si installa

Microsoft ha rilasciato il primo aggiornamento cumulativo per Windows 10, KB3081424, ma a quanto pare non tutti sono riusciti ad installarlo. Da Microsoft Answers a Neowin, sono molteplici le segnalazioni […]

Intel, Windows 10 non salverà il mercato PC

Intel, Windows 10 non salverà il mercato PC

È ormai da diverso tempo a questa parte che per il mercato dei computer è cominciato un periodo di forte declino che sembra non riuscire a trovare un lieto fine. […]

Windows 10: ecco tutte le edizioni (sì, saranno ancora molte!)

Windows 10: ecco tutte le edizioni (sì, saranno ancora molte!)

Sotto la gestione Nadella, Microsoft si è avveduta. Ha fatto tesoro delle critiche e ha dimostrato di saper raddrizzare la rotta su numerosi fronti: quello mobile, con il rilascio di […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento