Geekissimo

IL MONDO IN UN’APP: CRESCE LA GAMMA DEI SERVIZI

 
Martina Oliva
30 Ottobre 2019
0 commenti

L’evoluzione delle app: un nuovo modo di interagire col web

  

Internet ormai è praticamente dominato dalle app, di tutti i generi e per tutti i gusti degli utenti.

I motivi del crescente successo, in tutti i campi, delle applicazioni mobili sono da riscontrarsi soprattutto, a monte, nell’uso sempre più diffuso di smartphone e tablet, come confermano i dati globali, e relativi agli altri paesi del mondo e all’Italia nello specifico.

Nel mondo infatti, secondo un ricerca Deloitte (Global Mobile Consumer

Survey), a fronte del fatto che oltre metà della popolazione del globo è online, sono infatti sempre di più gli utenti del web possessori di uno smartphone (82 per cento) o magari anche di uno smartwatch (13 per cento), con un aumento percentuale di ben 4 punti soltanto tra il 2015 e il 2017.

Anche in Italia l’utilizzo di dispositivi mobili è piuttosto rilevante, e in crescita, fin dall’anno 2016, quando, secondo Eurispes, il 93 per cento degli utenti possedeva già un telefonino e la quota di utilizzo dei dispositivi mobili superava quello dei computer fissi con una percentuale di 64.5 % rispetto a 54.7%.

A questo dato è strettamente connesso quello collegato all’uso sempre più smodato delle app, come confermano i dati provenienti dai relativi store, secondo i quali:

 

  • nel negozio App Google Play nell’anno 2017 erano disponibili oltre 2,8 milioni di applicazioni
  • Apple, nello stesso anno, ha raggiunto i 40 miliardi di dollari di introito per le applicazioni mobili, con oltre 2 milioni di app di vario genere
  • Cina, Stati Uniti e Giappone sono tra i paesi che hanno principalmente contribuito al primato di spesa rispetto all’utilizzo delle varie app nel periodo considerato

 

Ma quali sono i principali settori di interesse riscontrati dalle varie ricerche in merito all’uso delle numerosissime app presenti sul mercato?

Sempre secondo l’inchiesta della società di analisi App Annie, sul podio delle app più scaricate su Google Play e tramite App Store ci sono quelle connesse al settore dei Giochi, del Business e dell’Istruzione, di poco seguite da quelle collegate ai settori: Stile di Vita, Intrattenimento, Viaggi, Libri, e oltre, fino ad arrivare a Musica, Social Network,  Notizie e altri ancora.

Al primo posto si classifica dunque il comparto dei giochi, almeno secondo la suddetta ricerca, con una percentuale di relative app scaricate nel 2017 del 18,4 per cento su Google Play e del 24,9 per cento su Apple Store. Non a caso sul web, a questo proposito, sono cresciuti portali e siti di comparazione che forniscono informazioni in merito, dove, tra l’altro, si può sapere anche dove scaricare l’app per ogni settore di interesse, come appunto quelle relative ai giochi e all’intrattenimento, che siano videogiochi o casinò online: ad esempio gli utenti possono trovare tutte le indicazioni su come scaricare la app Eurobet o quella di altri operatori virtuali come EuroGamer, anche a seconda del dispositivo utilizzato.

E lo stesso accade per gli altri settori principalmente graditi dagli utenti delle app, come nel caso dei libri – dato il fiorire di blog e portali specializzati nelle recensioni delle letture, come ad esempio QLibri e altri – e dei viaggi, le cui crescenti prenotazioni virtuali risentono anche delle opinioni degli utenti pubblicate in portali di ricerca e prenotazione, come TripAdvisor, su tutti.

Tutte le novità dal mondo delle app

 

Non mancano le novità, che dimostrano una costante evoluzione del settore e il relativo gradimento da parte degli utenti, nelle varie sfere di interesse, viste anche le crescenti installazioni delle stesse applicazioni per Android e per iOS.

Tra queste, alcune sono relative all’intrattenimento – che come si è visto è un volano importante del successo delle applicazioni mobili -, mentre altre sono utili ai servizi di vario genere, come ad esempio quello della gestione domestica. Tra queste ultime primeggiano le app che consentono di gestire le spese familiari, così da ottimizzare le risorse, come ad esempio iSpesa e Money Pro.

Anche le app per lo shopping virtuale conquistano il cuore degli internauti in versione “mobile”, come ad esempio AliExpress; lo stesso vale per Subway – in relazione alla categoria “cibo e bevande”-, per Uber in merito ai viaggi e per Spotify, in riferimento invece al settore “musica e audio”.

Ma non finisce qui. Sempre più frequenti sono anche le app specializzate per settore di interesse, da quelle che consentono di tracciare il traffico aereo fino a quelle che rendono possibile la postproduzione delle immagini, dedicate dunque a tutti gli appassionati di fotografia.

 

 

 

Categorie:
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Google, orsi polari a portata di Street View

Google, orsi polari a portata di Street View

Nel corso degli ultimi giorni al già ricchissimo database di Google Street View sono andati a sommarsi ulteriori scatti panoramici a 360 gradi interamente dedicati all’orso polare! In partnership con […]

Google Glass, donna aggredita perchè indossava gli occhiali di Big G

Google Glass, donna aggredita perchè indossava gli occhiali di Big G

I Google Glass, è oramai cosa certa, una volta giunti sul mercato risulteranno senz’altro molto utili in svariati campi e per lo svolgimento di più e più attività ma… non […]

YouTube: layout ritoccato, playlist in risalto

YouTube: layout ritoccato, playlist in risalto

Mediante un apposito post pubblicato, nel corso delle ultime ore, sul blog ufficiale di YouTube il team alle spalle del celebre servizio video ha annunciato l’introduzione di tutta una serie […]

Le chiavette 3G e 4G possono mettere a rischio la sicurezza dell’OS

Le chiavette 3G e 4G possono mettere a rischio la sicurezza dell’OS

Nel software precaricato su quelle che sono le comunissime chiavette utilizzate a mò di modem per connettersi ad internet sono presenti numerose vulnerabilità che, a quanto pare, possono essere sfruttate […]

Google Reader, il papà dei feed RSS non ne sentirà la mancanza

Google Reader, il papà dei feed RSS non ne sentirà la mancanza

Avete mai sentito parlare di Dave Winer? Si tratta di una delle persone a cui dobbiamo l’esistenza dei feed RSS. Su Wikipedia trovate informazioni più dettagliate su quello che ha […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento