Geekissimo

cervello

cervello

La dipendenza da internet causa modifiche al cervello, lo dimostra un nuovo studio

Pubblicato il 13/01/2012 di: Martina Oliva 5 commenti
La dipendenza da internet causa modifiche al cervello, lo dimostra un nuovo studio

Che “il troppo stroppia” è oramai cosa ben risaputa e consolidata tanto quanto il vecchio detto ma a confermarne la sua veridicità anche relativamente al World Wide Web o, molto più semplicemente, internet, ci ha ben pensato il team di […]Continua a leggere

Il PageRank di Google? Funziona proprio come il nostro cervello

Pubblicato il 13/12/2007 di: Daniele Semeraro ([email protected]) 5 commenti
Il PageRank di Google? Funziona proprio come il nostro cervello

Abbiamo letto da un sacco di parti che Google, spesso, si comporta con un secondo cervello, o una “memoria di backup” per tanti di noi. Ma forse non era proprio uno scherzo. Le più recenti ricerche che indagano come il […]Continua a leggere

Geek-a-Cycle ™

Pubblicato il 23/11/2007 di: DanieleMD 10 commenti
Geek-a-Cycle ™

Tieniti in esercizio mentre lavori con la Geek-a-Cycle ™! Come si può facilmente intuire dal nome e dalla foto è stato prodotto un gadget per i geeks che vogliono allenare il corpo e la mente; un po’ di movimento fisico […]Continua a leggere

Grazie alla ballerina scoprirai se tu sei emisfero destro o sinistro

Pubblicato il 20/10/2007 di: Shor (Angelo Di Veroli) 124 commenti
Grazie alla ballerina scoprirai se tu sei emisfero destro o sinistro

Osservate bene la ballerina dell’immagine qui sopra, come vi sembra che giri? In senso orario o antiorario? Da come vedete l’immagine ruotare dipenderà se siete emisfero destro o sinistro. Io personalmente ho una prevalenza oraria, però ho trovato un metodo […]Continua a leggere

Microsoft ti leggerà il cervello

Pubblicato il 18/10/2007 di: Daniele Semeraro ([email protected]) 8 commenti
Microsoft ti leggerà il cervello

“Gli esseri umani spesso non riescono a descrivere in modo approfondito quello che provano e le loro azioni-reazioni. Per questo leggere direttamente dal loro cervello sarebbe un’opzione migliore”. Ad affermarlo non è uno psichiatra né un medico. Ma Microsoft. “È […]Continua a leggere