Geekissimo

Proposta per un’unione dei blogger. Quanto è fattibile?

 
Daniele Semeraro ([email protected])
21 gennaio 2008
9 commenti
Sciopero

Sta facendo molto discutere nella blogosfera mondiale un interessante articolo pubblicato su Columbia Journalism Review (rivista della celeberrima scuola di giornalismo della Columbia University) secondo cui sarebbe necessaria e auspicabile un’unione dei blogger per rivendicare i diritti di coloro che scrivono su internet per lavoro e per passione. Nell’articolo si legge che la disputa tra gli sceneggiatori di film Tv e le industrie dei media che ha portato allo sciopero, che dura da mesi e che tanto sta danneggiando l’industria cinematografica americana, ha la sua origine nel Web.

Quello che gli sceneggiatori vorrebbero è ottenere un compenso extra quando i propri contenuti sono ritrasmessi su internet. Le case di distribuzione ovviamente non vogliono cedere e il compenso rimane sempre lo stesso. Ma perché internet, che ormai ha più utenti della televisione e dei giornali, non viene considerato così importante come televisioni e giornali? Il parallelismo con lo sciopero degli sceneggiatori secondo me è molto interessante, perché in un futuro non troppo lontano se le cose non cambieranno, anche i blogger potrebbero decidere di entrare in sciopero.


I blogger non fanno solo parte del mercato delle idee, ma guardano giustamente anche al profitto e si possono dividere fondamentalmente in tre categorie. Quelli più famosi, che grazie alle loro idee e alle loro capacità vengono notati e assunti dalle grandi società editoriali per continuare a scrivere il proprio blog e le proprie idee con il loro “marchio”, guadagnano le stesse cifre dei grandi giornalisti. Poi ci sono i freelance, che scrivono per blog più o meno famosi o per network di blog e ricevono paghe da fame e non hanno alcun diritto.

Infine ci sono quelli che si dilettano a scrivere sui blog e lo fanno come hobby. La proposta di un’unione si rivolge alla seconda categoria: si tratta di tutti coloro che cercano di guadagnare qualcosa con i loro articoli e il loro lavoro quotidiano e che però continuano a non avere diritti e ad avere contratti in nero. Per questo, conclude l’articolo, sarebbe auspicabile un’unione dei blogger, che lotti per i loro diritti e per i loro salari minimi. Sicuramente in Italia la situazione è un po’ diversa dagli Stati Uniti e spesso i blog e i network di blog (famosi e meno famosi) sono ancora a “conduzione familiare” e quindi si trovano a rispettare di più i propri lavoratori. Che ne pensate? Vi trovate d’accordo con questa proposta? O forse è ancora un po’ presto per un’unione o un sindacato?

Via | Slashdot
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
6 consigli utili per incentivare la propria creatività

6 consigli utili per incentivare la propria creatività

Oramai lo sapete benissimo: noi di Geekissimo amiamo dare una mano a chi ogni giorno, con tanto impegno e passione, da sfogo alla sua creatività scrivendo cose interessanti su blog […]

10 semplici consigli per ottimizzare il lavoro di blogger

10 semplici consigli per ottimizzare il lavoro di blogger

Chiunque gestisca uno o più blog, sa sicuramente quanto è difficile ottimizzare i tempi e riuscire a scrivere tutto al meglio, ovvero senza distrazioni di sorta. Oggi noi di Geekissimo […]

Adobe spia i propri utenti?

Adobe spia i propri utenti?

La risposta sembra essere si. Grazie alla scoperta di un giovane blogger si è venuti a scoprire che le applicazioni CS3 mandano informazioni ad un IP che non è di […]

Anonimato e blog. Blogger americano anonimo combatte contro il suo comune per la libertà di espressione

Anonimato e blog. Blogger americano anonimo combatte contro il suo comune per la libertà di espressione

C’è una storia in questi giorni negli Stati Uniti che sta facendo molto parlare di sé. È la storia di un blogger del New Jersey che sta combattendo disperatamente contro […]

Hai un blog? Aiuta uno studente

Hai un blog? Aiuta uno studente

Quando si parla di aiutare gli altri ognuno di noi ha un modo tutto suo. Chi fa beneficienza donando denaro, chi donando del tempo, chi facendo sacrifici. Dal blog di […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1amosgitai

    Beh, interessante, ma sarebbe necessario creare un sindacato di bloggers. Chi poi avrebbe diritto ad essere blogger???

    21 Gen 2008, 11:32 am Rispondi|Quota
  • #2Mace Windu

    Scioperate pure. Vivremo ugualmente. Le autostrade verrebbero risparmiate.

    21 Gen 2008, 1:12 pm Rispondi|Quota
  • #3Diego

    Sarebbe la fine del blog per passione, il tipo di blog che ha dato inizio a tutto. Incentivando i blog da cui si ricava un profitto ci sarà una grande diffusione di blog, ma al tempo stesso ne si decreterà la fine, riducendo la finalità dei nostri cari web logs a un mezzo di guadagno. Poi come dice amosdigital, che avrebbe il diritto di entrare nel sindacato? E vogliamo mettere tutti quegli orrendi scandali corruzioni e via dicendo che in istituzioni organizzate trovano terreno fertile?

    21 Gen 2008, 2:08 pm Rispondi|Quota
  • #4Uyulala

    Essendo una blogger della 3° categoria mi riesce difficile dare una risposta. Penso però che alla fine organizzare una sorta di ordine professionale (mi pare di capire che si tratti di questo) provocherà inevitabilmente un taglio fra quelli che, come me, scrivono per diletto e per hobby e quelli che scrivono con l’intento, fra le altre cose, di farne un lavoro. I secondi diventerebbero una forma specifica giornalisti. Non saprei dire se questo sia giusto o meno.
    La cosa che potrebbe essere controproducente semmai è che TUTTI i blogger per poter scrivere dovessero, nel caso, aggregarsi ad un ordine professionale. Questo si, mi seccherebbe assai.

    21 Gen 2008, 2:32 pm Rispondi|Quota
  • #5Masque

    Dopo aver letto i commenti il primo pensiero che ho avuto è stato: se si fa un’unione blogger potremmo trovarci anche i vari politici che usano il blog come strumento di comuncazione! Perchè si considererebbero anche loro blogger a tutti gli effetti!
    E qui sorgerebbero i problemi, e secondo me anche i conflitti di interesse.
    Secondo me sorgerebbe anche una questione di conflitti di interesse.. tra gli iscritti, perchè, come tutto purtroppo, nel preciso momento in cui una unione del genere dovessere prendere piede e diventare una eventuale forza inizierebbero ad arrivare richieste di schieramento! “con chi state voi? destra? sinistra? centro?”
    L’idea secondo me è ottima, e magari potrebbe anche dare spinta e possibilità a tutti quelli della terza categoria che vorrebbero entrare almeno nella seconda, ma ci sono dei dettagli non proprio piccoli da affinare..

    21 Gen 2008, 4:33 pm Rispondi|Quota
  • #6periclitor/Fabio

    Ci manca l’albo dei blogger.Il blog nasce come un qualcosa di “popolare” diverso dalle corporazioni fin’ora conosciute,un albo poi discriminatorio verso una parte di blogger lo trovo davvero assurdo,o vale per tutti o non creiamo una nuiova sigla sindacala inutile…
    Mio modestissimo parere naturalmente 🙂

    21 Gen 2008, 5:50 pm Rispondi|Quota
  • #7Rintintin

    Semplice..
    i bloggers che aderiranno diventarann i bloggers che hanno aderito
    e nascera’ la loroa alternativa naturale cioe’ i bloggers che non hanno adeirito
    Ma perche’ questo e’ un “lbog”?

    22 Gen 2008, 2:08 am Rispondi|Quota
  • #8Luca

    Ciao,
    la mia idea è la stessa del presente articolo, creare un grande blog in cui tutti i blogger possano riunirsi, aiutarsi e consigliarsi.

    Blogger vuol dire libertà, e quindi logicamente ki non è del “sindacato dei blogger” è comunque a tutti gli effetti un blogger. La mia idea è che il sindacato non dovrà MAI esserlo sul serio, nessuno dovrà MAI doversi tesserare, nessuno dovrà mai dare dati personali oltre allo pseudonimo con cui è conosciuto in internet. Per chi va, questo è l’indirizzo:

    http://www.sindacatodeiblogger.blogspot.com/

    Ciao!!!

    9 Mar 2008, 7:34 pm Rispondi|Quota
  • #9ottantotto

    Ciao! Ho letto solo adesso il tuo articolo, beh, anche io avevo fatto partire una iniziativa in cui riunire i blogger italiani… e ancora in parte il progetto è attivo. Si chiama comitiva blogger… Se vuoi saperne di più contattami, mi farebbe piacere che anche tu possa diventare uno dei nostri!

    6 Set 2008, 9:17 am Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Proposta per un’unione dei blogger. Quanto è fattibile?