Geekissimo

Viva la libertà di espressione: riapre Wikileaks

 
Daniele Semeraro ([email protected])
2 marzo 2008
1 commento
Wikileaks

Ne avevamo parlato proprio qualche giorno fa: un giudice statunitense aveva creato molto scalpore dopo la decisione di chiudere il sito Wikileaks, specializzato nella pubblicazione di notizie riservate e fughe di notizie. Ebbene, la novità è che un giudice federale ha ribaltato la decisione, e consentirà al sito statunitense di riaprire a tutti gli effetti.

La decisione – ricordate? – era stata accompagnata da un grande scalpore per chi parlava di diritti violati e libertà di stampa e di opinione calpestata. E durante il dibattimento (che è durato oltre tre ore) proprio chi si appellava al primo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti è stato premiato: il giudice, infatti, ha pensato proprio al primo emendamento per giusitificare la propria decisione, spiegando che le misure intraprese non erano “costituzionalmente adeguate”.


Wikileaks, che prima era raggiungibile solo attraverso server fuori dagli Stati Uniti, ha da poche ore riottenuto indietro anche il dominio principale, il .org. A loro volta, gli avvocati della banca svizzera Julius Baer, che avevano citato in giudizio Wikileaks, hanno spiegato che esiste già un precedente del genere, nel quale il primo emendamento non era stato giudicato calpestato: alcuni anni fa la Corte suprema americana aveva infatti punito la messa in onda da parte di una radio locale di un’intercettazione telefonica.

In ogni caso, si tratta a mio avviso (almeno per ora, se la decisione non verrà di nuovo ribaltata) di un’importante vittoria che creerà sicuramente un importante precedente. Come avevate già scritto nei commenti, è impossibile tornare indietro di secoli: il giornalismo d’inchiesta, negli Stati Uniti come anche nel nostro Paese, deve continuare a poter denunciare le malefatte dei potenti , anche e soprattutto online.

Via | Slashdot
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Usa, un disegno di legge per rendere illegale il posting anonimo in internet

Usa, un disegno di legge per rendere illegale il posting anonimo in internet

Non preoccupatevi: per il momento, almeno in Italia, l’anonimato di chi utilizza internet non è a rischio. Ma forse negli Stati Uniti un pochino lo è. Un politico del Kentucky […]

Condannato a 9 anni di prigione il super-spammatore mondiale

Condannato a 9 anni di prigione il super-spammatore mondiale

La notizia sta facendo, piano piano, il giro del mondo. La Corte Suprema della Virginia, negli Stati Uniti, a ha condannato a nove anni di carcere Jeremy Jaynes, accusato di […]

Un giudice americano impone la chiusura di Wikileaks, famoso sito che ospita fughe di notizie

Un giudice americano impone la chiusura di Wikileaks, famoso sito che ospita fughe di notizie

Un giudice federale di San Francisco, Jeffrey White la Dynadot, ha decretato la chiusura immediata di Wikileaks, sito americano molto famoso perché alimentato quasi esclusivamente da fughe di notizie. La […]

Adobe spia i propri utenti?

Adobe spia i propri utenti?

La risposta sembra essere si. Grazie alla scoperta di un giovane blogger si è venuti a scoprire che le applicazioni CS3 mandano informazioni ad un IP che non è di […]

Anonimato e blog. Blogger americano anonimo combatte contro il suo comune per la libertà di espressione

Anonimato e blog. Blogger americano anonimo combatte contro il suo comune per la libertà di espressione

C’è una storia in questi giorni negli Stati Uniti che sta facendo molto parlare di sé. È la storia di un blogger del New Jersey che sta combattendo disperatamente contro […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

 

  • #1Micheluzzo

    Sono davvero contento per questo cambio di opinione della giustizia americana. Sono convinto che almeno su internet le censure non debbano esistere!!

    2 Mar 2008, 4:21 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Viva la libertà di espressione: riapre Wikileaks