Geekissimo

Il 60% degli utenti Photoshop sono Pirati!

 
Romolo Ganzerli (Seroban)
31 marzo 2008
18 commenti

Quando si parla di pirateria si allude spesso al download di file MP3 e film, dimenticando quella che probabilmente è la parte più sviluppata e da un lato anche preoccupante, la pirateria dei Software.
Epice Edits Weblog ha effettuato recentemente un sondaggio, chiamando in causa tutti i grafici e i fotografici e chiedendo loro quali, tra i programmi di grafica da loro utilizzati, sono copie piratate dell’ originale.

Il risultato è stato sotto un certo punto di vista sorprendente.
Che ci sia un grande utilizzo di software piratati non è mai stato un segreto, ma una così alta percentuale di “pirati” ha lasciato di stucco anche gli stessi autori del sondaggio.
Photoshop: il programma di grafica più completo ed utilizzato al mondo è diffuso sotto forma di copie piratate per il 58%, ciò significa che per ogni copia originale c’è la rispettiva copia non autentica. Prezzo Versione completa: € 1.078,80


Lightroom: anche se non conosciuto e diffuso come Photoshop, anche lightroom vanta numerose copie piratate, ben il 55% del totale. Eppure, il prezzo di Lightroom è di gran lunga inferiore. Prezzo Versione completa: € 174 + IVA

Altri Software: discorso non molto diverso per gli altri software utilizzati dai grafici, circa il 40% di questi sono piratati.

Interessante notare come dal sondaggio emerga che circa il 64% dei votanti fa un regolare utilizzo di software freeware, shareware ed opensource.
Stando ai risultati del sondaggio, non è tanto il prezzo del prodotto ad influenzare il numero di copie piratate, bensì un modo di fare, quasi una corrente di pensiero.
Se posso avere gratis Photoshop, perchè non dovrei avere anche Lightroom e altre decine di software diversi?

E voi cosa ne pensate di questi risultati? Sorpresi oppure ve li aspettavate?
Sarebbe anche interessante avere l’opinione di Adobe in merito all’argomento, visto e considerato che è l’azienda che ci perde maggiormente.
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
E chi l’ha detto che il peer to peer è illegale?

E chi l’ha detto che il peer to peer è illegale?

Inutile non dirlo il P2P viene utilizzato sopratutto per scopi illegali. Software come BitTorrent o LimeWire servono per scaricare file protetti da copyright. Ma come tutti i veri geeks sanno, […]

Il tuo PC è pronto per i filmati in alta definizione? Scoprilo così!

Il tuo PC è pronto per i filmati in alta definizione? Scoprilo così!

Chi si ricorda del passaggio qualitativo dell’audiovisivo dal magnetico (VHS) al digitale (DVD, MPEG4 ecc.), da bravo geek avrà ancora ben impresso nella sua mente lo stupore nel trovarsi di […]

Ecco le applicazioni Zen, l’ideale per non distrarsi quando si lavora al computer

Ecco le applicazioni Zen, l’ideale per non distrarsi quando si lavora al computer

Diciamocelo, ore ed ore di lavoro al computer non sono certo uno dei migliori incentivi alla concentrazione ed alla calma. Almeno finché non sono state inventate delle vere e proprie […]

Come liberare il più possibile lo schermo in Firefox

Come liberare il più possibile lo schermo in Firefox

Con l’andar del tempo e l’aumentare delle estensioni installate, Firefox tende a “mangiare” sempre più porzioni di schermo a causa dei miliardi di pulsanti integrati nelle varie toolbar e nella […]

Come riparare il MBR di Windows utilizzando Ubuntu

Come riparare il MBR di Windows utilizzando Ubuntu

Soprattutto i più geek, conoscono bene il piccolo/grande dramma che può rappresentare il danneggiamento del MBR (Master Boot Record) di Windows, ovvero, l’impossibilità di accedere ai propri sistemi operativi senza […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

 

  • #1dany

    Mia sorella si è iscritta ad architettura e photoshop è il suo pane quotidiano.
    Ma seriamente, come può un studentessa spendere 1000 euro, solo per photoshop?? Ma dove li trova?
    L’università in questo senso non da nessun aiuto.

    31 Mar 2008, 8:52 am Rispondi|Quota
  • #2Francesco d’Elia

    Diffcilmente chi lavora può fare a meno di Adobe.. Il problema è che costa troppo.. Se tutto regolare un Mac o un PC potrebbero arrivare a contenere circa Eur. 30.000 di software mentre lavorando con una cassetta di attrezzi da idraulico si spende meno e si guadagna di più.. Che ne dite..??

    31 Mar 2008, 9:28 am Rispondi|Quota
  • #3Nicola

    La prima volta che ho visto il prezzo di Photoshop su Win Magazine mi sono usciti gli occhi dalle orbite… Per non parlare degli altri software…

    31 Mar 2008, 9:47 am Rispondi|Quota
  • #4Alex

    L’investimento di 1000€ è un lusso che può permettersi solo uno col giro d’affari di Puccio Corona e, conoscendo il tipo, son sicuro che anche lui ha la sua bella copia pirata.
    Ho sempre cercato valide alternative OpenSource e devo dire che la rete è piena di software.
    Ho installato un paio di volte PhotoShop, ogni volta per disinstallarlo e fare spazio, tornando al caro vecchio Gimp.

    31 Mar 2008, 10:03 am Rispondi|Quota
  • #5ciny2

    software professionali come photoshop e autocad costano non poco, non è un caso che sono anche i più piratati, ma credo che un professionista che ha un’attività bella avviata non abbia poi problemi a comprare una nuova versione di photoshop, ma prima ovviamente NO.

    Consideriamo poi che la Adobe ha comprato micromedia, dispone della più completa suit per creazioni artistiche e web esistente…

    31 Mar 2008, 11:41 am Rispondi|Quota
  • #6pippo

    il primo e ultimo sw pagato è stato un gioco di scacchi x il C64.
    Raggranellati faticosamente i soldi mi sono recato al negozio chiedendo del gioco.
    Il commerciante ha rapidamente duplicato una cassetta sotto i miei occhi e l’ha infilata nella custodia con copertina auto-prodotta su carta gialla.
    Da allora ho fatto voto che non avrei MAI più speso una lira e che avrei imparato ad arrangiarmi!
    Con l’avvento dell’euro o rinnovato il voto fatto tanti anni fa, photoshop compreso.

    31 Mar 2008, 11:45 am Rispondi|Quota
  • #7cacchione

    In realtà adobe non fa quasi nulla per impedire che i propri prodotti vengano piratati. Insomma, come mai sproteggere alcuni videogame è una bella impresa mentre per la suite adobe basta un un codice seriale valido?

    La risposta è che in questo modo viene data la possibilità ai giovani di utilizzare i prodotti commerciali. Uno studente tra un’ alternativa open source e la spese di 1000 euro sceglierà la prima, ma se viene aggiunta la possibilità del software commerciale piratato solitamente privilegia quest’ultimo.

    Se non ci fosse la via illegale, quanti di noi utilizzeremo davvero Photoshop ed Office?

    31 Mar 2008, 11:59 am Rispondi|Quota
  • #8ioubuntu

    Io credo che le aziende VOGLIANO il software pirata!!! è un tipo di pubblicità molto valida!!! Ho trovato ottima questa iniziativa:
    http://linux.billera.eu/?page_id=162
    CIAO!!!

    31 Mar 2008, 1:33 pm Rispondi|Quota
  • #9w l’anonimato

    io penso solo una cosa. premettiamo che photoshop è molto buono, ha molte funzioni come illustrator o flash. valgono quel che costano però la gente non puo permetterselo. anche per una qualunque persona che lo vuole usare per casa…puo spendere 1000 euro per photoshop, 800 per flash e altri 900 per illustrator solo magari per farsi una paginetta su altervista? io penso che se costasse un po’ di meno il 20% lo avrebbe pirata.
    un’altra cosa c’è da dire: molta gente non usa the gimp e open office forse sl xkè nn li si fa conoscere, nn c’è il markio. secondo me basterebbe la voglia di qlke programmatore x aggiungere qualche funzione e in pochissimo tempo farlo diventare come photoshop. dobbiamo cambiare modo di pensare anche noi acquistatori (come cacchio si dice? {O_o}….

    31 Mar 2008, 3:18 pm Rispondi|Quota
  • #10w l’anonimato

    ed infine diciamocela tutta! ma è possibile che costi + 1 programma che un computer con windows?

    31 Mar 2008, 3:20 pm Rispondi|Quota
  • #11albymilan

    Io mi aspettavo una percentuale più alta, secondo me del 42% restante, un 20% abbondante ha mentito…

    31 Mar 2008, 3:30 pm Rispondi|Quota
  • #12Cheope

    Per chi lavora nell’IT, l’investimento iniziale per comprare un computer e il software a corredo è irrisorio rispetto a quello per intraprendere una qualsiasi altra attività commerciale o artigianale, perciò non diciamo ca….volate.
    Se io che faccio siti web sborso più o meno 1.000 euro di software ogni due anni, cosa dovrebbe dire uno che apre una carrozzeria e che quei soldi li spende solo per avere le autorizzazioni della ASL per aprire? Si spara?

    Chi lavora e guadagna con il software se lo deve pagare. Punto.

    Chi non vuole pagare € 1.000 per Photoshop perchè deve fare solo una paginetta su Altervista è perchè non ne ha bisogno. Invece di Photoshop si usa Gimp, oppure compra Photoshop Elements, che per un utonto fa tutto quello che gli serve e molto di più al modico prezzo di udite! udite! € 80,00.
    Chi sono i ladri?

    Photoshop non è mica per tutti, sapete. E non è l’unico programma di fotoritocco sulla Terra. E’ un programma professionale e sicuramente non tutti quelli che lo usano lo sanno usare al 100%. Per me quei soldi li vale. Certo, costa un occhio rispetto a quanto lo fanno pagare in America. Ma questo è un altro discorso.

    IMHO l’unica piaga è quella degli studenti e delle università. Adobe distribuisce pacchetti scontati per studenti, ma mi sembra solo in USA, perciò dovrebbe pensare ogni tanto anche agli altri mercati. Ma evidentemente il software pirata non gli fa così schifo, e quindi non fa niente.

    @ Francesco
    € 30.000? Ma sei fuori? Cambia rivenditore. Con quei soldi ti ci compri una BMW.

    @ w l’anonimato
    Direi proprio che non basta “qualche funzioncina in più” per far diventare Gimp come Photoshop. C’è un abisso in mezzo. Gimp è ottimo. Ma non abbastanza per essere usato in ambito professionale. E non è abbastanza semplice per essere usato dagli utonti, anche se nell’ultima versione hanno lavorato molto in questo senso.

    In ogni caso il problema non è una questione di prezzo, ma è la mentalità del fregare il prossimo che è deleteria in questo mondo. Se uso software pirata, sono uno sveglio, che si arrangia, mentre se lo pago sono sfigato. Se evado le tasse, sono un figo, mentre se le pago sono proprio un cretino.

    Per ogni copia di Photoshop pagata ce n’è una pirata? Chi se ne frega. Io ho la mia copia pagata con il sudore della fronte (anche se non ho certo il giro di Corona) e ho la coscienza a posto.
    Gli altri possono fare quello che vogliono.

    31 Mar 2008, 5:04 pm Rispondi|Quota
  • #13Massimo Marolda

    tanto appena aprono aviary, finisce il gioco 🙂

    31 Mar 2008, 5:11 pm Rispondi|Quota
  • #14helfodin

    dato interessante è che questa è solo la percentuale di un campione di professionisti.

    Comunque mi chiedo quanti invece utilizzino sia copie legali che illegali. Mi spiego: chi ha più computer (magari un portatile ed un fisso oppure un pc ed un mac) ha versioni legali per ogni macchina? Oppure chi ha una copia legale in ufficio pagata dall’azienda è ovvio che ne abbia anche una a casa.. ma è legale? Ed infine quanti sono i non professionisti (utonti e non) che usano i programmi adobe crackandoli non conoscendo alternative?

    31 Mar 2008, 8:25 pm Rispondi|Quota
  • #15mirkojax

    Ma che dite, se sei uno studente photoshop non costa 1000$ ma molto meno. Bella scusa per giustificarsi lo scarico illegale, idem come quella che i CD costano troppooooo

    Io quando ero studente ho comprato l’adobe creative suite cs3 per 500$ e lightroom a 99$. Photoshop CS3 da solo mi pare venga 299, ma magari comprare CS2 o CS, no? su ebay sicuramente ci sono.

    Poi c’e’ il doppio vantaggio di prenderlo originale quando sei studente perche’ in futuro puoi fare l’upgrade originale e spendendo meno. Anche se ci sono diverse opinioni a riguardo, Ho cercato nei forum di adobe e sembra legale usare i software anche quando non si e’ piu’ studente e si potra fare l’update su i prodotti educational.

    Essi ma piratato costa meno…

    1 Apr 2008, 1:36 pm Rispondi|Quota
  • #16Cheope

    Bravo mirkojax!
    Non sapevo che questi sconti ci fossero anche fuori dall’USA…

    1 Apr 2008, 5:42 pm Rispondi|Quota
  • #17mirkojax

    Cheope:

    The Adobe Education Store – Europe allows qualified education end users from Europe to purchase Education products and Student products at a reduced price…..

    Qualified education end users from Austria, Belgium, Denmark, Finland, France, Germany, Ireland, Italy,…

    E quindi si, ci sono sconti pure fuori dagli usa…

    2 Apr 2008, 12:40 am Rispondi|Quota
  • #18Bud

    Parere personale ma… se un programma lo usano tutti diventa uno standard. Se tutti sanno usare quello, quando verrà il momento di comprarlo tutti lo faranno se porano permetterselo.
    Se porti on line Photoshop e fai pagare micro crediti per l’uso commerciale, troverai acquirenti, perché è uno standard.
    Prova a farlo con altri software che nessuno ha mai usato ma che magari sono anche migliori in termini di usabilità…
    Anche qui la pirateria gioca un ruolo fondamentale nella diffusione dell’ABITUDINE all’ uso di un software. E quell’ABITUDINE genera profitto a luuuungo termine.

    16 Ott 2012, 4:05 pm Rispondi|Quota