Geekissimo

Quanto valgono i dati rubati su internet? Ecco un incredibile tariffario!

 
Daniele Semeraro ([email protected])
10 maggio 2008
5 commenti
Criminali

Le informazioni personali di ognuno di noi, è ovvio, sono senza prezzo. Ma tutto ha un prezzo e tutto ha un mercato… anche i dati (magari rubati) del vostro conto in banca. L’ha scoperto la McAfee Avert Labs, che ha pubblicato una lista che i criminali utilizzano per acquistare e vendere numeri di carte di credito, password per il login ai conti e altri dati rubati sul Web.

Una scoperta fatta quasi per caso, quando i ricercatori sono incappati in un sito che proponeva, a un prezzo molto alto, “dati di alta qualità”. E andiamolo a vedere, allora, questo tariffario. Un conto in banca presso la Washington Mutual Bank, negli Stati Uniti, con un saldo in attivo di 14.400 dollari costa circa 600 euro, mentre un conto inglese alla Citibank con un saldo di diecimila pound costa 850 euro.


Andiamo avanti con gli esempi: l’acquisto più costoso è quello per i codici di accesso a un conto presso la banca francese Bnp Paribas: oltre 30mila euro di liquidità per “soli” 2.200 euro; nel database erano inoltre presenti banche spagnole e brasiliane (nessuna italiana – meno male). Ovviamente come in tutti gli acquisti esiste anche una garanzia: se l’acquirente non è in grado di entrare nel conto in banca con i codici forniti, entro 24 ore ouò richiedere i dati d’accesso (sempre rubati, ovviamente) a un altro conto.

Solo pochi giorni fa era stato scoperto un enorme server che conteneva più di 1,4 Gigabyte di dati e più di cinquemila “log files” rubati: tra questi, e-mail private e di lavoro, dati sui conti bancari e sull’assistenza medica di individui, istituzioni finanziarie e importanti società.

Via | C|Net News
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Internet e sicurezza, ecco la prossima generazione dei CAPTCHA

Internet e sicurezza, ecco la prossima generazione dei CAPTCHA

I sistemi automatizzati riescono in maniera sempre più semplice a decifrare i CAPTCHA (cioè quei piccoli indovinelli – letterali o matematici – che si propongono all’utente prima di postare su […]

Mac OS X hackerato più velocemente di Windows e Linux

Mac OS X hackerato più velocemente di Windows e Linux

Apple sbandiera ai quattro venti la sicurezza di Mac OS X in contrasto con le vulnerabilità dei sistemi operativi Windows. Ma durante il Pwn20wn, un contest di hacking, dove i […]

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Con gli attuali, immensi, ottimi servizi come Gmail, le nostre caselle di posta elettronica sono diventate ancora più preziose rispetto a quanto non lo fossero già qualche anno fa. Infatti […]

Il sito della AvSoft Technologies “hackerato”

Il sito della AvSoft Technologies “hackerato”

Un avviso a tutti i naviganti (sembro la signorina del 1530 ), il sito web della compagnia d’antivirus AvSoft Technologies è stato “hackerato”, defacciato, crackato ditelo come vi pare, ma […]

Keylogger Hardware: la nostra privacy non è mai al sicuro

Keylogger Hardware: la nostra privacy non è mai al sicuro

Proprio recentemente abbiamo parlato del problema dei computer “pubblici”, e di come cercare di proteggere al meglio la nostra privacy quando si è costretti ad utilizzarli. Abbiamo visto come sia […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

 

  • #1shivanking

    che schifo! ma come fanno questi siti a rimanere online? questa gente fa veramente schifo! Senza fare quasi niente prende i guadagni delle altre persone… e le condanne sono sempre lievi..

    10 Mag 2008, 1:55 pm Rispondi|Quota
  • #2freekevin

    entro 24 ore ouò… può

    scoreggete l’errore..lol

    10 Mag 2008, 10:31 pm Rispondi|Quota
  • #3k7

    questo è vero come fanno a esistere questi siti, nessuno controlla…

    11 Mag 2008, 2:31 pm Rispondi|Quota
  • #4shivanking

    davvero… possibile che nessuno li controlla?

    11 Mag 2008, 5:20 pm Rispondi|Quota
  • #5Gabo

    da non credere xD… bello! 😀

    10 Giu 2008, 8:51 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Quanto valgono i dati rubati su internet? Ecco un incredibile tariffario!