Geekissimo

Immunet Protect, un nuovo antivirus gratuito e cloud based per sistemi Windows

 
Martina Oliva
21 agosto 2009
6 commenti

2009-08-20_114316

Oramai in internet sono presenti una gran quantità di antivirus gratuiti, tutti più o meno funzionali ed efficienti, pronti ad essere adattati alle esigenze di un utenza media.

Tra le novità di quest’anno, per quanto riguarda la sicurezza, è da poco in circolazione un interessante antivirus in versione beta che sembra promettere davvero bene: Immunet Protect.

Si tratta di una soluzione antivirus esclusiva per i sistemi operativi di casa Redmond, che sfruttando un sistema di protezione globale si integra in maniera perfetta con l’OS grazie al client desktop.

I produttori di Immunet Protect dichiarano infatti che un antivirus cloud based di questo tipo, sulla scia del già noto Panda Cloud Antivirus, può risultare molto più efficiente e funzionale di tutti gli altri presenti in circolazione proprio per questa sua caratteristica sopra elencata, grazie alla quale, in tempi quasi istantanei, è possibile individuare la minaccia, bloccarla e ricevere aggiornamenti.


Oltre a presentare tali caratteristiche, Immunet Protect si contraddistingue per alcuni semplici vantaggi che nel complesso fanno si che tale prodotto permetta di ottenere soddisfacenti livelli di protezione. Innanzitutto si tratta di uno strumento efficace ma allo stesso tempo estremamente leggero, infatti impiega all’incirca 32 MB di memoria nel corso della scansione, evitando quindi il sovraccarico del sistema operativo.

Immunet Protect si caratterizza poi per il suo essere in costante aggiornamento e per la possibilità, offerta agli utenti, di collaborare per contrastare la propagazione di file maligni.

Se avete quindi intenzione di provare questo neo antivirus, che tra l’altro presenta un interfaccia grafica abbastanza gradevole, altro non resta da fare se non effettuare il download dalla “apposita pagina” inserendo i vostri dati per effettuare la registrazione, o in alternativa è possibile connettersi al sito web del produttore sfruttando il vostro account di Facebook.

Al momento il sistema di sicurezza è compatibile esclusivamente con Windows Vista ed XP ma se non avete intenzione di attenere oltre e volete provare questo nuovo antivirus direttamente sul vostro Windows 7, l’unica opzione disponibile è quella di portare a termine il setup eseguendo il file di installazione in modalità per Vista.

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Tiny Notepad, un notepad alternativo e in stile Metro

Tiny Notepad, un notepad alternativo e in stile Metro

Windows 8, ovvero l’ultimissima versione del sistema operativo di casa Redmond, risulta caratterizzato, così come già ribadito altre volte e così come buona parte di voi appassionati lettori di Geekissimo […]

HaoZip, ottimo software freeware per comprimere file e non solo

HaoZip, ottimo software freeware per comprimere file e non solo

Per effettuare la compressione di file e cartelle la maggior parte degli utenti tende ad evitare l’utilizzo delle funzionalità offerte di default dal sistema operativo in uso e, in questo […]

XWidgets, tanti bellissimi widget personalizzabili da aggiungere al desktop di Windows

XWidgets, tanti bellissimi widget personalizzabili da aggiungere al desktop di Windows

Sia Windows Vista che Windows 7, come sicuramente ben sapranno tutti gli utenti che si servono dei due OS in questione, consentono di aggiungere appositi widget sul proprio desktop. L’assortimento […]

Fast User Switch, aggiungere un apposito pulsante alla taskbar per accedere alla schermata Cambia utente

Fast User Switch, aggiungere un apposito pulsante alla taskbar per accedere alla schermata Cambia utente

Chi, tra voi lettori di Geekissimo, si ritrova a dover condividere la propria postazione multimediale con altri utenti o, ancora, coloro che, per un motivo o per un altro, preferiscono […]

Express Menu, un supplemento al menu Start per accedere rapidamente a cartelle ed applicazioni

Express Menu, un supplemento al menu Start per accedere rapidamente a cartelle ed applicazioni

Sfruttando il menu Start di Windows 7 (ma anche quello di Vista) è possibile selezionare ed accedere rapidamente a quelle che sono le applicazioni di maggiore utilizzo in modo tale […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

 

  • #1pegaso

    Ummmh interessante.
    C’è qualcuno che ha fatto già delle prove, che lo ha provato sul campo?

    21 Ago 2009, 4:13 pm Rispondi|Quota
  • #2PaGoDa

    Io usavo Prevx 3.0 con licenza acquistata regolarmente, ma è pesante, nel senso che ogni volta che istalli un programma, lui esamina tutti i file che estrae prolungando di molto l’istallazione, ed addirittura bloccando qualsiasi funzione nel pc, dall’apertura di una cartella, all’apertura del task manager.

    Il database degli aggiornamenti, non risiede nel proprio pc, ma nei propri server dell’azienda produttrice dell’antivirus, garantendo una leggerezza in questo, ma Prevx è pesante nel modo in qui vi ho detto sopra.

    Comunque lo provo di sicuro, resta il fatto che per me il miglior freeware tra gli antivirus, resta Avira Antivir!!!

    21 Ago 2009, 6:58 pm Rispondi|Quota
  • #3PaGoDa

    Poi un altra cosa, se si dovesse fare una scansione del sistema a collegamento internet spento, non è possibile trovare nessuna minaccia, perchè il programma non può collegarsi con il database…Ci sono pro e contro con queste nuove formule di protezione secondo me……

    21 Ago 2009, 7:00 pm Rispondi|Quota
  • #4Massi

    Altra cavolata è il rilascio x le sole versioni 32bit. Quando impareranno che oggi non esistono più solo Windows a 32bit ma anche a 64bit sarà sempre troppo tardi.

    21 Ago 2009, 7:21 pm Rispondi|Quota
  • #5Elekshake

    @ Massi:
    Un vista impostato su basic (Senza l’ effetto trasparente per intenderci) viene riconosciuto come un vista a 32 bit

    22 Ago 2009, 2:14 pm Rispondi|Quota
  • #6DrGeeko

    @Pagoda credo ti sbagli, questi programmi hanno pur sempre un sistema di cache che risiede sul PC, vedi Panda Cloud. Comunque imho, cloud è migliore rispetto a immunet.

    27 Ago 2009, 11:07 am Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. diggita.it