Geekissimo

RIOT, il software che traccia le attività degli utenti sui social network

 
Martina Oliva
13 febbraio 2013
0 commenti

RIOT tracciare attività utenti social network

È notizia dell’ultim’ora quella che una multinazionale a stelle e strisce ha realizzato un software in grado di tracciare le attività degli utenti e, in tal modo, di prevedere i comportamenti futuri degli stessi prelevando dati dai servizi di social networking.

Il software in questione prende il nome di RIOT, ovvero Rapid Information Overlay Technology, ed ha svilupparlo è stata la Raytheon, il quinto contractor al mondo nel settore della difesa e principale produttore di missili guidati.

Il software per il momento non è stato ancora venduto ma tra i possibili acquirenti c’è, a quanto pare, anche il governo degli Stati Uniti che, così com’è facile immaginare, potrebbe sfruttare questo potente tool per questioni di sicurezza nazionale.

Il software, infatti, è in grado di trasformare i social network, popolari o meno, in mezzi per la sorveglianza, per il monitoraggio e per il controllo delle attività, delle abitudini e dei movimenti degli utenti fornendo a chi d’interesse “un’istantanea” della vita di una specifica persona, il tutto in maniera abbastanza semplice e senza eccessivi sprechi di tempo.

Con RIOT, infatti, è possibile, ad esempio, visualizzare tutte le connessioni sociali e le relazioni tra le persone analizzando le conversazioni su Twitter e su Facebook mentre sfruttando i dati GPS di Foursquare possono essere visualizzati in forma grafica i luoghi più visitati unitamente all’ora esatta dei vari check-in.

Il funzionamento di RIOT è facilmente comprensibile osservando il video, visionabile cliccando qui, che il The Guardian ha ottenuto da un dipendente di Raytheon.

Nel video viene eseguita la scansione delle informazioni pubblicate da un collega del dipendente della Raytheon, un tale Nick, utilizzato, appunto, come cavia.

Considerando il suo modus operandi apparentemente potrebbe sembrare che RIOT violi la privacy degli utenti ma, in effetti, le cose non stanno così poiché il software non conserva informazioni sensibili e si basa soltanto su quelle che sono le informazioni rese pubbliche dagli stessi iscritti alle risorse social.

Tenendo però conto della poca trasparenza della maggior parte dei social network nella gestione dei dati personali degli utenti le informazioni rese pubbliche potrebbero essere molte di più di quanto un’iscritto a Facebook, a Twitter o ad un altro servizio a carattere social possa immaginare.

Photo Credits | FreeDigitalPhotos

 

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Apple VS Samsung: il ban non avrà effetti sul business di Cupertino

Apple VS Samsung: il ban non avrà effetti sul business di Cupertino

La decisione presa dall’International Trade Commission di bloccare l’importazione in terra a stelle e strisce dei vecchi modelli di iPhone e iPad per violazione di un brevetto Samsung a quanto […]

Microsoft: sotto accusa per corruzione, coinvolta anche l’Italia

Microsoft: sotto accusa per corruzione, coinvolta anche l’Italia

La notizia è stata data in primis dal Wall Street Journal e poi ha iniziato ad essere diffusa a tutta forza dai media nelle ore successive: le autorità federali a […]

Facebook Messenger, ora è possibile effettuare chiamate VoIP negli USA

Facebook Messenger, ora è possibile effettuare chiamate VoIP negli USA

All’inizio di gennaio Mark Zuckerberg ed il suo team avevano provveduto ad aggiornare l’app Facebook Messenger per device iOS ed Android introducendo la possibilità di inviare messaggi vocali ai propri […]

L’FBI spierà Facebook e Twitter

L’FBI spierà Facebook e Twitter

Nel nuovo piano di monitoraggio delle reti sociali dell’FBI contrassegnato dalla data 19 gennaio vengono illustrati quelli che sono i dettagli dell’attività nascosta delle agenzie governative mettendo in risalto come […]

L’attenzione della CIA è concentrata su Twitter, e non solo

L’attenzione della CIA è concentrata su Twitter, e non solo

Sono stati definiti, in tono scherzoso, “bibliotecari vendicativi” e passano buona parte del proprio tempo scandagliando Twitter alla ricerca di informazioni rilevanti per la madrepatria. No, non sono utenti troppo […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento