Geekissimo

Proteggiamoci in rete con il file hosts

 
Andrea Guida (@naqern)
21 Agosto 2007
5 commenti
filehost.jpg

Forse non tutti lo sanno, ma in tutte le versioni di Windows c’è un file che, se ben modificato, permette di bloccare centinaia di pubblicità e “parassiti” vari provenienti dal web: il file hosts.

Una versione aggiornata ed ottimamente compilata di questo file, ideale per proteggerci al meglio, è disponibile su questo sito, ma adesso vediamo insieme come sostituirlo a quello di default (che non ci protegge da niente!).

Il file è presente in queste directory delle rispettive versioni di Windows (utile per fare un backup del file in questione prima di sovrascriverlo con quello “completo”):
Windows 98/Me: C:\Windows
Windows 2000: C:\WINNT\System32\Drivers\etc
Windows XP/Vista: C:\Windows\System32\Drivers\etc


Per installarlo da Windows 98 ad XP, basta scompattare l’archivio scaricato in qualsiasi cartella ed avviare il file “.bat” in esso contenuto.

La procedura per Windows Vista è leggermente diversa (causa UAC). Bisogna andare in “start”, digitare “shell:sendto” (senza virgolette) e dare l’invio. A questo punto, cliccate con il tasto destro del mouse e scegliete “Nuovo” > “Collegamento”, adesso nello spazio di destinazione scrivete “C:\Windows\System32\drivers\etc” cliccando su “avanti” e mettete un nome di vostra scelta (tipo “aggiornamento file hosts”).

A questo punto, non vi resta altro che scompattare l’archivio scaricato da MVPS.org in una qualsiasi cartella e, fare click destro sul file “hosts” selezionando “Invia a” > “aggiornamento file hosts” (o il nome che avete scelto prima). Confermate di voler sovrascrivere il file ed il gioco è fatto.
Categorie:
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Come resettare le password di Windows

Come resettare le password di Windows

Non è raro sentire di persone che hanno dimenticato la password d’accesso di un account Windows, e che questi il più delle volte, impossibilitati ad accedere al computer, abbiano optato […]

Come rimuovere i virus dalle penne USB

Come rimuovere i virus dalle penne USB

Un po come i cari, vecchi floppy disk, anche le penne USB di non sicurissima provenienza sono spesso vettori di fastidiosi quanto dannosi virus informatici. Molte delle minacce che “viaggiano […]

Windows, come evitare l’installazione automatica del SP1 per Vista e del SP3 per XP

Windows, come evitare l’installazione automatica del SP1 per Vista e del SP3 per XP

Da bravi geek sarete sicuramente al corrente del fatto che Microsoft è in procinto di “sfornare” per tutti noi utenti Windows due service pack molto importanti: Windows Vista service pack […]

Come riparare il MBR di Windows utilizzando Ubuntu

Come riparare il MBR di Windows utilizzando Ubuntu

Soprattutto i più geek, conoscono bene il piccolo/grande dramma che può rappresentare il danneggiamento del MBR (Master Boot Record) di Windows, ovvero, l’impossibilità di accedere ai propri sistemi operativi senza […]

Ripristinare le associazioni dei file cancellate dai virus

Ripristinare le associazioni dei file cancellate dai virus

Purtroppo i virus informatici non guardano in faccia a nessuno e, talvolta, a doverne fare le spese sono anche i geek più bravi ed “incalliti”. Tra le tipologie di virus […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Francesco

    ottimo, ho dato una spulciata all’elenco di Ip e hosts bloccati
    http://www.mvps.org/winhelp2002/hosts.txt
    e penso che se ne possa anche aggiungere altri..

    21 Ago 2007, 11:01 am Rispondi|Quota
  • #2bucefalo

    Davvero utile!
    Come si fa per vedere quali ip e siti blocca?
    Ciao

    21 Ago 2007, 8:47 pm Rispondi|Quota
  • #3Sbronzo di Riace

    Un file hosts non blocca gli IP. Il file Hosts serve per dire a Windows che un determinato sito è hostato in un determinato indirizzo IP. Scrivendo nel file hosts

    127.0.0.1 http://www.google.it

    si fa credere al computer che google si trovi all’indirizzo IP 127.0.0.1 (che è l’indirizzo predefinito del proprio computer). Non essendo vero che l’indirizzo Ip di google è quello, ecco che il browser non sarà in grado di visualizzare quel sito.
    Ovviamente è possibile usare il medesimo stratagemma facendo credere che all’indirizzo 127.0.0.1 siano hostati siti pubblicitari o contenenti malware bloccandone di fatto l’accesso.Per contro il file Hosts potrebbe essere sfruttato da un virus per reindirizzare il browser verso siti pericolosi o tentare di bloccare gli aggiornamenti dell’antivirus. Ad esempio se un virus scrivesse nel file Hosts:

    XXX.XXX.XXX.XXX http://www.poste.it

    il vostro browser andrebbe all’indirizzo IP xxx.xxx.xxx.xxx che ospita magari un finto sito poste.it. Anche digitando manualmente http://www.poste.it nel browser verrete portati su un falso sito delle poste. Nel phishing potete accorgervi che l’indirizzo finale è diverso, nel caso di utilizzo del file Hosts invece no. Il file hosts quindi può essere usato come un’arma a doppio taglio, dipende da chi la impugna.

    22 Ago 2007, 6:06 pm Rispondi|Quota
  • #4max

    Ottimo articolo!

    12 Dic 2010, 12:41 am Rispondi|Quota
  • #5schwarzerkreuz

    Ottimo l'articolo ed i commenti. Grazie a tutti.

    8 Mag 2011, 9:58 am Rispondi|Quota