Geekissimo

“Internet? È roba vecchia”. Parola dei suoi creatori

 
Daniele Semeraro ([email protected])
6 Ottobre 2007
13 commenti
Word

Avete capito bene: secondo i pionieri della Rete, internet sarebbe ormai un’infrastruttura obsoleta. A rivelarlo un articolo del Wall Street Journal. Nel 1969 Larry Roberts del Pentagon’s Advanced Research Projects Agency progettò un programma, destinato agli enti di ricerca, chiamato ARPAnet che avrebbe permesso a più computer di restare connessi tra loro anche a distanza. Per le decadi successive, Roberts ha provato, spendendo circa 340 milioni di Dollari, a migliorare la sua stessa tecnologia, arrivando però al punto che oggi come oggi è obsoleta.

“Non possiamo più contare su questa tecnologia, che è vecchia di quarant’anni” ha spiegato il programmatore che ora ha 69 anni. La sua ultima invenzione è un “router di flusso”, che non fa altro che analizzare il traffico di rete convogliando su “strade” diverse dati di pagine Web, e-mail, telefonate VoIP, e così via. Ma Roberts non è l’unico tra i “creatori” della rete a pensarla così.


Dello stesso avviso Len Bosack, cinquantacinquenne co-fondatore di Cisco Systems: “La rete così com’è oggi – ha spiegato – è abbastanza inadeguata; per questo abbiamo annunciato di voler creare un sistema che permetta alle grandi aziende di collegarsi ai cavi sottomarini che hanno una velocità cento volte migliore delle attuali infrastrutture”. Il dibattito, dunque, è acceso, soprattutto in questi ultimi anni in cui più volte si è parlato di sovraccarico della Rete, dovuto principalmente all’avanzare della tecnologia e alle sempre più utilizzate telefonate low-cost via internet.

“La Rete non è stata fatta per permettere alle persone di guardare la televisione – ha spiegato Roberts – e lo so, perché l’ho creata io”. E se pensiamo che gli accessi, secondo una ricerca, dovrebbero aumentare del 264 per cento entro il 2011, sono sempre di più gli esperti che teorizzano che, prima o poi, potrebbe esserci un grande crash globale di internet.

Via | Slashdot
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Usa, un disegno di legge per rendere illegale il posting anonimo in internet

Usa, un disegno di legge per rendere illegale il posting anonimo in internet

Non preoccupatevi: per il momento, almeno in Italia, l’anonimato di chi utilizza internet non è a rischio. Ma forse negli Stati Uniti un pochino lo è. Un politico del Kentucky […]

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Con gli attuali, immensi, ottimi servizi come Gmail, le nostre caselle di posta elettronica sono diventate ancora più preziose rispetto a quanto non lo fossero già qualche anno fa. Infatti […]

Internet aiuta il moltiplicarsi della pedofilia. Parola di alcuni esperti spagnoli

Internet aiuta il moltiplicarsi della pedofilia. Parola di alcuni esperti spagnoli

Negli ultimi tempi – lo dimostrano anche i tanti arresti di questi giorni – la pedofilia è cresciuta in maniera esponenziale in tutto il mondo. Secondo alcuni esperti, una delle […]

Internet collasserà nel 2010. O no?

Internet collasserà nel 2010. O no?

Ultimamente sono in molti a parlare di una vicina morte (o collasso) di internet, dovuta al traffico eccessivo. Ultimamente sta facendo molto scalpore una ricerca pubblicata dal quotidiano statunitense Usa […]

Nel 2010 finiranno le combinazioni per gli indirizzi di rete. Come faremo?

Nel 2010 finiranno le combinazioni per gli indirizzi di rete. Come faremo?

I provider devono implementare quanto prima la nuova generazione di indirizzi di rete (IPv6), altrimenti intorno al 2010 internet non sarà più accessibile. Parola di Vint Cerf, uno dei pionieri […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Adivor

    Ormai è ora di aggiornare questa tecnologia….e le tecniche ci sono 😉

    6 Ott 2007, 9:29 am Rispondi|Quota
  • #2Manuel

    40 anni nel settore IT sono veramente tanti e probabilmente troppi 🙂

    6 Ott 2007, 12:26 pm Rispondi|Quota
  • #3ma va va va

    “progettò un programma”

    seeeeeee un programma
    ciaoooooo ne

    6 Ott 2007, 1:14 pm Rispondi|Quota
  • #4Daniele

    “Programma” è inteso come “iniziativa”, non come “software”. Non era chiaro?

    6 Ott 2007, 2:47 pm Rispondi|Quota
  • #5paoloc

    anche io sono convinto, comunque, che internet non è la televisione. se vogliamo fare un media che scopiazzi male un altro che già c’è siamo sulla cattiva strada. La televisione faccia la televisione (e con il digitale forse si può arrivare ad una qualche interazione tra utente e tv), internet faccia internet! (sembro o no monsieur La Palisse?)

    6 Ott 2007, 3:02 pm Rispondi|Quota
  • #6Uyulala

    oddio, se internet va in crash io dovrò farmi ricoverare in una comunità di recupero per tossicodipendenti!

    6 Ott 2007, 3:45 pm Rispondi|Quota
  • #7lucas

    cm al solito esagerati

    6 Ott 2007, 6:36 pm Rispondi|Quota
  • #8maddy54

    saremmo in molti a parer anche mio a chiedere di ricoverarci in una comunità di recupero per tossicodipendenti.

    6 Ott 2007, 9:01 pm Rispondi|Quota
  • #9GCM

    ok, ma non è forse vero che internet è un hub? quindi se crasha un hub se ne riforma subito un altro… o sbaglio?

    7 Ott 2007, 8:34 pm Rispondi|Quota
  • #10kika-chan

    Quoto semplicemente Uyulala!!!!…Mi hai tolto le parole di bocca…se crasha internet crasho anche io!XDXD

    7 Ott 2007, 11:18 pm Rispondi|Quota
  • #11Ruggero

    Sicuramente nn è una gradne idea dividere tra ki usa la rete x lavoro e chi x altro.. Delle nuove basi più potenti e capaci sono l’ideale. ma come?

    12 Ott 2007, 1:25 am Rispondi|Quota
  • #12cose

    uyulala ti faccio compagnia in clinica ahsisi

    12 Ott 2007, 8:10 am Rispondi|Quota
  • #13Uby

    Dividere le persone in categorie diverse in base a chi usa internet per lavoro e chi per casa/uso inappropriato mi sembra un pò troppo esagerato. Si andrebbe incontro ad avere una sorta di Internet classista, come se non bastasse quello che c’è nel mondo senza pixel. Si dovrebbe pensare a sensibilizzare la gente. Ma di sicuro, se ci proveremo, nessuno ci darebbe ascolto perchè penserebbe alla solita bufala, oppure direbbe che la stiamo sparando grossa. Magari quando internet crasherà tutto tornerà come prima, intendo che torneranno i vecchi Commodor 64 & famiglia. (xD) Per adesso cerchiamo di non preoccuparci. Creiamo un backup o un punto di ripristino per il nostro cervello, che serviranno al momento del crash. xD

    18 Nov 2008, 8:57 pm Rispondi|Quota