Geekissimo

La biblioteca dell’università del Michigan e Google book search. Una storia d’amore

 
Daniele Semeraro ([email protected])
30 Novembre 2007
1 commento
Biblioteca

Chi l’ha detto che tutti i bibliotecari e tutte le biblioteche sono contrari al progetto di Google di scannerizzare milioni di libri e metterli online disponibili a tutti gli studiosi e i lettori del mondo? Paul Courant, direttore della biblioteca dell’università del Michigan, ha le idee molto chiare. “L’università del Michigan e le altre biblioteche che stanno partecipando al progetto – ci tiene a precisare – stanno cambiando il mondo. In meglio“.

Google, in particolare, digitalizzerà sette milioni di testi nella sola biblioteca del Michigan, e il costo per l’università sarà pari a zero. Non solo: l’ateneo ovviamente continuerà a detenere i diritti sui libri, e avrà anche una copia elettronica di tutta la digitalizzazione. Un’opera di preservazione che, se affidata a una società esterna, sarebbe costata migliaia di Dollari.


L’esperienza degli ultimi anni, continua Courant, ci dice che abbiamo davanti a noi una generazione di studenti che non sono capaci, o non hanno voglia, di fare ricerche su testi “normali”, ma sono invece molto più avvantaggiati e facilitati nel cercare in rete. Poi ammette di non capire l’ostilità di molte altre biblioteche: “Google non ha alcun controllo sui nostri libri – spiega – e dopo averli scannerizzati e trattati con molta cura, i libri tornano da noi”.

Molti, dicevamo, si stanno invece schierando contro questo progetto: Siva Vaidhyanathan, docente dell’università della Virginia, sta ad esempio scrivendo un libro molto critico nei confronti del progetto: secondo lui le istituzioni pubbliche non dovrebbero stringere accordi di questo tipo con società private e “eccessivamente dominanti nei loro campi”, come appunto Google. E poi, sempre secondo il docente, digitalizzare tutti questi libri significa infrangere le regole mondiali di copyright. Nel frattempo la polemica continua, e Google continua a digitalizzare libri. Come vi schierate? Grande opportunità per studenti e studiosi di tutto il mondo, o grave perdita economica per case editrici e autori?

Via | Ars Technica
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Google Earth aggiunge le News

Google Earth aggiunge le News

Auspicato da molti è finalmente giunto il matrimonio tra Google News e Google Earth, questo rappresenta una svolta importantissima, un passo in avanti verso un geobrowser. Come sappiamo Google News […]

Non si vive di solo Google! 7 motori di ricerca alternativi da prendere in considerazione

Non si vive di solo Google! 7 motori di ricerca alternativi da prendere in considerazione

Ovviamente il titolo è volutamente provocatorio, Google è il migliore in assoluto nel suo campo e non si discute (anche se qualcuno gli preferisce Yahoo!, soprattutto oltreoceano), ma da bravi […]

Google alla conquista dei social network, forse

Google alla conquista dei social network, forse

Google possiede già un social network: orkut, ma questo ha successo solamente in Brasile e India, non ha molto seguito infatti nel mercato più importante ovvero quello degli Stati Uniti. […]

Le donazioni non bastano, e se Wikipedia si affidasse alle entrate pubblicitarie?

Le donazioni non bastano, e se Wikipedia si affidasse alle entrate pubblicitarie?

Ultimamente Wikipedia è particolarmente sotto pressione a causa delle critiche sollevate da più sedi accademiche in merito soprattutto ai contenuti dell’enciclopedia, e da ciò è scaturita una divisione tra gli […]

Le migliori 25 estensioni per Firefox per aumentare la propria produttività

Le migliori 25 estensioni per Firefox per aumentare la propria produttività

Chi lavora utilizzando il web sa benissimo cosa vuol dire perdere la concentrazione, ed automaticamente il proprio livello di produttività a causa di piccole o grandi distrazioni che, sommate tra […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento