Geekissimo

Anonimato e blog. Blogger americano anonimo combatte contro il suo comune per la libertà di espressione

 
Daniele Semeraro ([email protected])
5 Dicembre 2007
6 commenti
Corte

C’è una storia in questi giorni negli Stati Uniti che sta facendo molto parlare di sé. È la storia di un blogger del New Jersey che sta combattendo disperatamente contro il suo stato, contro la magistratura (e anche contro Google) per vedersi riconosciuto il principio secondo cui i blogger possono scrivere anche in maniera anonima, anche senza rivelare il proprio nome e cognome.

La storia è più o meno questa: il blogger, conosciuto con il nick di daTruthSquad ha criticato un’azione legale del comune di Manalapan (New Jersey), così come i politici che l’hanno voluta intraprendere, nei confronti di un ex-procuratore generale che avrebbe contribuito all’acquisto di un terreno inquinato nel lontano 2005. La decisione ha scatenato un acceso dibattito nella stampa locale e tra i cittadini, e il blogger com’è giusto ha partecipato al dibattito scrivendo le proprie opinioni, in forma anonima, su un blog appositamente creato.


Il blog, in particolare, è stato aperto sulla piattaforma Blogspot, di Google. Il comune, allora, si è rivolto proprio a Google per chiedere l’identità del blogger e tutte le altre informazioni (come l’indirizzo e-mail o i post ancora in bozza!) per risalire a lui. daTruthSquad è attualmente accusato/a di falsa dichiarazione. Anche i blogger, così come ogni altra persona, spiegano le associazioni che lo/la stanno difendendo, possono avvalersi del Primo emendamento, che dà loro il diritto di parlare anche in maniera anonima, giudicando questa invasione della privacy da parte del comune inaccettabile.

Al momento il Comune non ha accolto la richiesta di sospendere la causa contro il blogger, e così il 21 dicembre le due parti in causa verranno ascoltate dal giudice. Una vicenda decisamente spinosa, che porta l’attenzione nei confronti di un fattore: è possibile criticare il potere essendo anonimi? A mio parere sì. Negli Stati Uniti vige il Primo emendamento come da noi esiste l’articolo 21 della Costituzione, che preserva la libertà di espressione e di critica da parte di ogni cittadino. Ognuno può scrivere quello che vuole nel rispetto della legge. In questo caso si trattava di una critica (costruttiva, ovviamente) nei confronti dell’azione del comune: perché sanzionare un’opinione? Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate a riguardo: siete d’accordo con me, oppure pensate che l’anonimato sul blog debba essere vietato?

Via | Slashdot.org
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Google progetta di aumentare i ricavi da Blogger

Google progetta di aumentare i ricavi da Blogger

Blogger, il notissimo servizio di free blogging acquistato da Google nel 2002, sta per compiere tra poco più di un mese 10 anni, essendo nato nell’agosto 1999 da una piccola […]

Nuove interessanti features per Blogger

Nuove interessanti features per Blogger

Blogspot è uno dei sistemi di blog publishing più utilizzati del web, forse il suo successo è legato al fatto che dietro a tutto questo c’è Google! Quest’ultimo da quando […]

Google Analytics per Blogs sarà presto una realtà

Google Analytics per Blogs sarà presto una realtà

Due anni fa, Google compro Measure Map, un software d’analisi per blog davvero molto intuitivo sviluppato da Jeffrey Veen. Il servizio di analisi di Google, Google Analytics, è stato sempre […]

Viva la libertà di espressione: riapre Wikileaks

Viva la libertà di espressione: riapre Wikileaks

Ne avevamo parlato proprio qualche giorno fa: un giudice statunitense aveva creato molto scalpore dopo la decisione di chiudere il sito Wikileaks, specializzato nella pubblicazione di notizie riservate e fughe […]

Su Blogger ora si possono schedulare gli articoli

Su Blogger ora si possono schedulare gli articoli

Blogger è il servizio di blog-hosting offerto da Google, che si basa su un ottima piattaforma come ad esempio quella di WordPress. Proprio qualche giorno fa, avevo scritto 6 trucchi […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Mat

    Giusto poter protestare senza dover dichiarare la propria identità. Un’opinione è un’opinione, rivelare la propria identità alle istituzioni che ti sono contro va solo a loro vantaggio. Ed è una violazione della privacy.

    5 Dic 2007, 9:11 am Rispondi|Quota
  • #2softcodex

    spero non si crei un precedente, altrimenti siamo fritti online.

    5 Dic 2007, 9:36 am Rispondi|Quota
  • #3Angelo

    L’anonimato è importantissimo per molte questioni!!!

    5 Dic 2007, 10:07 am Rispondi|Quota
  • #4Rambo Guerrazzi

    Considerate che il comune di Marsciano (PG) voleva oscurare il nostro blog… Se interessa questo è il resoconto dei fatti: http://casapiddu.wordpress.com/2007/03/31/scoop-la-polizia-sulle-tracce-di-rambo/

    5 Dic 2007, 11:07 am Rispondi|Quota
  • #5Moreno

    Dovrebbero spiegare a cosa serve loro conoscere l’identità di queso blogger.
    Non sono neanche intelligenti!
    La cosa “giusta” sarebbe rispondere alle sue “critiche” in modo da spiegare i propri punti di vista…ma si sa…sono politici!

    5 Dic 2007, 1:53 pm Rispondi|Quota
  • #6Hill

    “Ognuno può scrivere quello che vuole nel rispetto della legge.”

    Il fulcro della questione sta tutto in questa frase. Se il blogger ha diffuso notizie false (come gli viene contestato dal comune) ha violato la legge ed è giusto che per questo venga perseguito. Ma se quest’accusa dovesse rivelarsi falsa (cioè il blogger era in buona fede) non c’è alcun motivo per rivelare l’identità del blogger… anzi, QUESTO andrebbe contro la legge.
    Sinceramente, non avendo gli tutti gli elementi per dare una mia valutazione (tutto ciò che so di questo caso l’ho appreso dalle poche righe qui sopra), preferisco non inverire scontatamente contro l’autorità per pura solidarietà con un altro blogger. Non mi piace il giustizialismo della prima ora… Chi ha sbagliato in questa vicenda pagherà. (sperando in giudizio equo)

    5 Dic 2007, 6:42 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Anonimato e blog. Blogger americano anonimo combatte contro il suo comune per la libertà di espressione