Geekissimo

I provider s’intromettono nell’home-page di Google per raggiungere i propri utenti. Ma tutto questo è legale?

 
Daniele Semeraro ([email protected])
12 Dicembre 2007
5 commenti
GoogHp

Per la maggior parte di noi i provider (Alice, Fastweb, Libero, etc…) non sono altro che intermediari tra il computer e la Rete. Paghiamo la nostra bolletta mensile, a volte utilizziamo la casella e-mail che ci viene da loro fornita, ma rimangono società abbastanza marginali (correggetemi se sbaglio) nella nostra “internet-experience”. Purtroppo, da parte loro, i provider non vogliono fare la parte degli “intermediari stupidi”, ma vorrebbero cercare di coinvolgere di più i propri utenti, magari offrendo loro servizi a pagamento.

Ebbene, il provider canadese Rogers sta testando un nuovo sistema (diciamolo subito: molto invasivo!) per inserire messaggi personalizzati e destinati all’utente nella parte alta dell’home-page di Google (ricordiamo che la home page di Google è forse il sito più utilizzato anche come pagina iniziale dei browser). Nell’immagine che ho messo sopra a questo post (ma qui la vedete ingrandita) potete vedere esattamente a cosa mi sto riferendo.


Nell’immagine, in particolare, Rogers ha inserito un messaggio abbastanza grande nella home page di Google per avvisare l’utente che sta per raggiungere il limite mensile del suo account. In molti si stanno schierando contro questa invasione della privacy e contro questo inserirsi all’interno delle pagine di altri siti. Per comunicare all’utente, non basterebbe far aprire una finestra di pop-up non appena si apre il browser? Non è tutto: sono in molti a ritenere che con questa invasione delle pagine di Google è come se il provider decidesse di essere più importante del nostro lavoro online.

Un portavoce di Rogers si è limitato a confermare che il provider sta effettuando nuovi esperimenti per comunicare con gli utenti e che questi avranno maggiori vantaggi nel ricevere questo tipo di comunicazioni in maniera così immediata, ma sono molte le voci (autorevoli e meno famose) della blogosfera che si stanno scagliando contro questa novità. Che, diciamolo, rischia di creare un bel precedente che potrebbe presto essere utilizzato dai provider per propinarci pubblicità. Che ne pensate? Ritenete questo uno strumento utile, oppure solo un’invasione del proprio lavoro?

Via | Techdirt
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Integrare Google Profiles con Latitude

Integrare Google Profiles con Latitude

Per chi volesse visualizzare la propria posizione, estratta utilizzando Google Latitude, sul proprio Google Profile, può seguire una semplice procedura ed abilitare l’integrazione tra questi due servizi. Vi basterà utilizzare […]

La home-page di Google è illegale?

La home-page di Google è illegale?

Guai giudiziari per Google, accusata di violare le leggi californiane a causa della sua riluttanza ad inserire direttamente nella home page un link alla pagina della politica sulla privacy. “A […]

Google AdSense modifica i termini e le condizioni del contratto con i clienti

Google AdSense modifica i termini e le condizioni del contratto con i clienti

Dopo più di due anni dall’ultimo aggiornamento, risalente al Novembre 2005, Google Adsense ha modificato alcuni termini e alcune condizioni del contratto con i propri clienti. La decisione è stata […]

I provider potrebbero iniziare a bloccare “amichevolmente” i contenuti protetti da copyright. Ennesima invasione della privacy?

I provider potrebbero iniziare a bloccare “amichevolmente” i contenuti protetti da copyright. Ennesima invasione della privacy?

Rappresentanti di At&t e di altri importanti internet provider stanno discutendo la possibilità di filtrare, a livello di rete, i trasferimenti di materiale coperti da copyright ai computer degli utenti. […]

Cercare nel Web in modo assolutamente anonimo? Qualcosa inizia a muoversi

Cercare nel Web in modo assolutamente anonimo? Qualcosa inizia a muoversi

I motori di ricerca – probabilmente lo sapevate già – conservano tutte le tracce delle nostre richieste e dei siti Web visitati per circa 18 mesi. L’archivio comprende indirizzi Ip, […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Rik il Guelfo Bianco

    potrebbe essere utile per comunicazioni di servizio mirate (del tipo: faremo dei lavori nella tua zona quindi se per caso non ti funziona internet domani è normale), ma comunque dovrebbe essere molto molto più piccolo, diciamo della grandezza della scritta Loading… di gmail, e soprattutto dovrebbe portare informazioni utili all’utente e non pubblicità o altro, e dovrebbe essere possibile per l’utente disattivarlo. A queste condizioni sarei daccordo, altrimenti cambierei immediatamente operatore.

    12 Dic 2007, 10:41 am Rispondi|Quota
  • #2Gnegnus

    Beh che sia fatto all'insaputa dell'utente non è giusto di certo.

    Però se fosse fornita come una feature aggiuntiva opzionale che informa quando si sta raggiungendo il limite mensile di traffico potrebbe essere utile a chi ha un contratto di quel tipo.

    Poi magari lo facessero anche un pò più piccolo… =)

    12 Dic 2007, 12:17 pm Rispondi|Quota
  • #3Neo Hardware

    Weramente una brutta cosa….

    12 Dic 2007, 2:42 pm Rispondi|Quota
  • #4mkln

    beh, fintantochè si dice all’utente – come nel caso dell’immagine postata – che sta per raggiungere il limite consentito dalla sua connessione non flat…. non ci vedo niente di male, anzi.
    certo se poi volessero mettere pubblicità o roba del genere, non sarebbe molto piacevole 😉

    12 Dic 2007, 7:48 pm Rispondi|Quota
  • #5Roberto Venturelli

    Per inviare questo tipo di messaggi esiste un “potentissimo strumento” che si chiama e-mail!!!
    Probabilmente i provider si sono accorti che la maggior parte dei loro messaggi è spazzatura e pertanto va a finire nello spam.
    Che il garante della privacy ci aiuti… 😉

    14 Dic 2007, 7:43 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. I provider s’intromettono nell’home-page di Google per raggiungere i propri utenti. Ma tutto questo è legale?