Geekissimo

I provider potrebbero iniziare a bloccare “amichevolmente” i contenuti protetti da copyright. Ennesima invasione della privacy?

 
Daniele Semeraro ([email protected])
11 Gennaio 2008
10 commenti
Pirateria

Rappresentanti di At&t e di altri importanti internet provider stanno discutendo la possibilità di filtrare, a livello di rete, i trasferimenti di materiale coperti da copyright ai computer degli utenti. “Dobbiamo farlo – ha spiegato un portavoce di At&t – e dobbiamo solo trovare un metodo gentile per iniziare a farlo”. Fino ad ora i provider internet hanno agito un po’ come delle autostrade a pedaggio: noi paghiamo e viaggiamo liberamente in rete. Per fare una metafora, ora è come se le autostrade iniziassero a voler avere una propria rete di poliziotti e controllori.

A richiedere questo servizio sono ovviamente le major proprietarie di film e musica e le case produttrici di software, che si dichiarano stanche di vedere il loro materiale illegalmente distribuito su internet. Il filtraggio, dicono, già avviene su YouTube o Soapbox: che ci vuole a inserirlo anche a livello di provider? Quello che chiedono – insomma – è di iniziare ad analizzare a campione i pacchetti digitali trasmessi da tutti gli utenti e scoprire se qualcuno sta trasmettendo o ricevendo materiale protetto da copyright.


“Non è un segreto che quello che stiamo facendo per combattere la pirateria non funziona”, ha spiegato James Cicconi, senior vice president, external & legal affairs di At&t. “Per questo siamo molto interessati, insieme agli enti che proteggono il diritto d’autore, a implementare una tecnologia a livello di rete” per fermare questa piaga. L’unica soluzione, ha poi spiegato a margine della conferenza, è che i provider abbiano un approccio soft, delicato con la materia, non bloccando la connessione ma ad esempio inviando una lettera amichevole per avvisare l’utente (della serie, uomo avvisato mezzo salvato) che quello che sta facendo è illegale.

Le organizzazioni che tutelano i diritti civili su internet si stanno già muovendo per scongiurare che il Grande Fratello entri ancor di più nelle nostre case. Filtrare il materiale, infatti, significherebbe un’enorme invasione della privacy da parte dei provider, che ovviamente potrebbero spesso e volentieri fallire e bloccare contenuti di cui siamo proprietari. Sinceramente per una volta mi è un po’ difficile schierarmi a favore dell’uno o dell’altro punto di vista, perché ognuno – a modo suo – ha ragione e poi, soprattutto, perché la pirateria è un reato. Cosa ne pensate? Farebbero bene le major a chiedere ai provider un controllo per proteggere il loro materiale?

Via | Slashdot
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
La home-page di Google è illegale?

La home-page di Google è illegale?

Guai giudiziari per Google, accusata di violare le leggi californiane a causa della sua riluttanza ad inserire direttamente nella home page un link alla pagina della politica sulla privacy. “A […]

La Comcast, importante provider internet, inverte la rotta e non perseguirà più chi scarica illegalmente. L’inizio di una nuova era?

La Comcast, importante provider internet, inverte la rotta e non perseguirà più chi scarica illegalmente. L’inizio di una nuova era?

Ultimamente in numerose occasioni (qui, qui o qui solo per fare qualche esempio) ci siamo occupati del comportamento dei provider nei confronti degli utenti “pizzicati” nel fare largo uso di […]

P2P Anonimo: scarica e condividi senza essere “spiato”

P2P Anonimo: scarica e condividi senza essere “spiato”

Anche se il file sharing ha contenuti perfettamente legali, non è bello sapere di poter essere spiati da pirati informatici. Per questo, viene in nostro aiuto l’ I2P, meglio conosciuto […]

Condannato a 9 anni di prigione il super-spammatore mondiale

Condannato a 9 anni di prigione il super-spammatore mondiale

La notizia sta facendo, piano piano, il giro del mondo. La Corte Suprema della Virginia, negli Stati Uniti, a ha condannato a nove anni di carcere Jeremy Jaynes, accusato di […]

Uk: i provider combattano la pirateria, altrimenti saranno sanzionati

Uk: i provider combattano la pirateria, altrimenti saranno sanzionati

Gli internet service provider dovranno compiere azioni concrete per impedire i download illegali, altrimenti subiranno sanzioni legali. È questo il pensiero del governo inglese, dopo che alcune ricerche hanno accertato […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Andrea9002

    Uno po’ come metterlo “in quel posto” ma… notate bene: con la vaselina:)

    11 Gen 2008, 11:09 am Rispondi|Quota
  • #2smemorato

    Sarebbe una grande invasione della privacy, un modo autorizzato di spiarci in nome dei diritti d’autore. E’ora di finirla nel volerci imporre le loro decisioni contro la libertà digitale. Chi vuole scaricare sa i pro e i contro…. Pensassero a cambiare la legislazione sui diritti d’autore, siam nel 2008 è ora!!! Basta campare sulla nostra pelle.

    11 Gen 2008, 11:23 am Rispondi|Quota
  • #3Tychondriax

    Per definizione, il provider ha il compito di fornire accesso alla rete… Non è possibile che faccia anche da cane da guardia per ogni singolo bit che passa. Come scritto da smemorato, ognuno sa quando scarica i rischi che corre, e non sta al provider decidere cosa deve passare e cosa no.

    Senza contare che, se davvero vogliono attuare ciò confrontando i dati a campione, anche siti come last.fm o pandora, che permettono di “scaricare” (tra virgolette perchè comunque i dati scaricati non sono visibili all’utente) musica su pc in maniera gratuita e legale, o altri siti del genere, diventerebbero fonte di infrazione, o sbaglio?

    11 Gen 2008, 12:04 pm Rispondi|Quota
  • #4motumboe

    se dev’essere, sia… soprattutto per il software, così l’open source avrà sempre di più la meglio, dal momento che sarà più difficile piratare…

    11 Gen 2008, 3:14 pm Rispondi|Quota
  • #5Hernan

    mi sembra che sia arrivata l’ora di ribellarci. Noi paghiamo i provider (anche troppo , confrontando i prezzi con il resto d’europa), e loro ci offrono un servizio (scarso in tutta italia, per via di speculazioni mafiose durante il cablaggio delle città, usando fili di bassa qualità) , e quindi tutti possono usufruire dei contenuti che ci sono in rete, legali o non. Dopo secoli che l’uomo si batte per la libertà di parola, con la scusa di fermare la pirateria, ci vogliono spiare e farci sapere solo cosa fa comodo a loro. Internet fa paura ai potenti, perciò lo si vuole controllare come succede con giornali e tv. E poi sembra che nel 2008 parlare ancora di diritti d’autore pare ridicolo. I copyright bloccano la crescita e l’innovazione in tutti i settori, tutelare i creatori delle cose(film, musica, invenzioni, farmaci, ecc.) , menzionarli ogni volta che usiamo la loro creazione, e con la libertà di migliorare, provare, usare la loro creazione. I profitti se li faranno se il prodotto è di qualità (sale cinematografiche migliorabili, concerti , ecc.).
    Che la rete si muova prima che ci oscurino!!!

    11 Gen 2008, 4:33 pm Rispondi|Quota
  • #6scareface

    tanto la scappatoia si trova sicuro

    11 Gen 2008, 5:15 pm Rispondi|Quota
  • #7AciD34

    non preoccupatevi non sarà un problema…

    11 Gen 2008, 11:20 pm Rispondi|Quota
  • #8Yado

    con poche modifiche sui client + utilizzati e’ possibile oscurare (crittografando)i file , l’analisi dei pacchetti sarebbe totalmente inutile.
    E questo e’ solo uno dei molti modi per evitare che il ‘provider’ possa in qualche modo sapere cosa stiamo scaricando , sbagliano completamente approccio se credono davvero che simili metodi possano in qualche modo migliorare il problema pirateria.

    12 Gen 2008, 12:09 am Rispondi|Quota
  • #9aret

    do’ pienamente ragione a hernan, i nostri provider sono scadenti e quella ke i media chiamano diritti d’ autore è giusta ma nei casi i materiali siano di qualità ki nn paga il film ke va a vedere al cinema o il disco ke kompra in un negozio?

    13 Feb 2008, 5:11 pm Rispondi|Quota
  • #10~gidan~

    qui da noi in parte sta già succedendo da mesi.
    Molti providers (Libero, Tele2…) filtrano le connessioni e rallentano p2p, youtube e altro, pur non sapendo (si spera) cosa si sta trasferendo.
    E i server fasulli di emule, appartenenti a società pagate dalle major, si prendono tranquillamente la lista dei nostri files condivisi e il nostro indirizzo ip. Manca solo l’ultimo passo, che il provider dica loro chi aveva quell’ip in quel momento, e poi arriverà la letterina a casa.

    ps usate peerguardian e l’offuscamento

    17 Mar 2008, 2:14 am Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. I provider potrebbero iniziare a bloccare “amichevolmente” i contenuti protetti da copyright. Ennesima invasione della privacy?
  2. La Comcast, importante provider internet, inverte la rotta e non perseguirà più chi scarica illegalmente. L’inizio di una nuova era? - Geekissimo