Geekissimo

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

 
Andrea Guida (@naqern)
20 Febbraio 2008
16 commenti

Con gli attuali, immensi, ottimi servizi come Gmail, le nostre caselle di posta elettronica sono diventate ancora più preziose rispetto a quanto non lo fossero già qualche anno fa.

Infatti da informazioni bancarie a dati di login, passando per numeri di carta di credito ed altre informazioni più che sensibili, le e-mail sono uno dei mezzi più esposti al rischio spioni che, si sa, molto spesso hanno intenzioni tutt’altro che amichevoli nei nostri confronti.

E allora come fare a difenderci da questa serissima minaccia gratuitamente e scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica? Semplice, basta una registrazione, un file di testo ed il gioco è fatto. Provare per credere:

  1. Registrarsi gratuitamente a OneStatFree (immettendo anche nome ed URL di fantasia).
  2. Ad e-mail di conferma ricevuta, salvare sul computer l’allegato chiamato OneStatScript.txt e cancellare il messaggio (appuntando in precedenza i dati per effettuare poi il login a OneStatFree).

  3. Cambiare il nome e l’estensione del file scaricato in passwordlist.htm.
  4. Auto-inviarsi una nuova mail allegando il file appena modificato e mettendo come oggetto List of Passwords.

Ed ecco fatto il trappolone per scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica!

Da adesso in poi, basterà andare a controllare di tanto in tanto le statistiche di OneStatFree e verificare che nessuno sia andato a scartabellare nella nostra finta lista di password personali.

Nel malaugurato caso in cui si constatasse un accesso abusivo alla casella di posta, la migliore soluzione potrebbe essere quella di cambiare password ed appuntarsi i dati forniti da OneStatFree (IP, paese ecc.) per effettuare poi una denuncia alla polizia postale.

Fonte: MakeUseOf
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
7 nuovi trucchetti veloci per Gmail

7 nuovi trucchetti veloci per Gmail

Gmail, un solo nome che racchiude in se una marea di possibilità e funzioni, che giorno dopo giorno non smettono mai di sorprenderci ed aumentare, talvolta in modo veramente inaspettato. […]

Come passare da 1.000 a 0 e-mail da leggere in una sola giornata

Come passare da 1.000 a 0 e-mail da leggere in una sola giornata

Geek o non geek, studenti o professori, grandi professionisti o persone in cerca di occupazione, ormai quasi tutti hanno a che fare quotidianamente con la posta elettronica, ma talvolta il […]

Tutti i segreti per la ricerca dei messaggi in Gmail

Tutti i segreti per la ricerca dei messaggi in Gmail

Così come tutti gli altri ottimi servizi forniti da “big G”, anche Gmail riesce sempre a nascondere funzionalità molto utili che talvolta riescono a sfuggire anche ai veri geek. Proprio […]

10 nuovi trucchetti per Gmail

10 nuovi trucchetti per Gmail

Ed ecco che dopo avervi mostrato come inserire una firma Html multipla automatica in Gmail 2.0, oggi torniamo a parlarvi del celeberrimo servizio di webmail fornito da Google. Per essere […]

10 semplici consigli per ottimizzare il lavoro di blogger

10 semplici consigli per ottimizzare il lavoro di blogger

Chiunque gestisca uno o più blog, sa sicuramente quanto è difficile ottimizzare i tempi e riuscire a scrivere tutto al meglio, ovvero senza distrazioni di sorta. Oggi noi di Geekissimo […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1g3cko

    non avevo mai pensato di utilizzare un servizio di stat per constatare degli abusi sulla posta 🙂
    ma si potrebbe usare anche google analitycs a questo punto..

    20 Feb 2008, 1:30 pm Rispondi|Quota
  • #2Giuliano

    meraviglioso!

    20 Feb 2008, 1:34 pm Rispondi|Quota
  • #3Uyulala

    Grazie per questa dritta. Spero di poterla usare (son tantissime le cose utili che suggerisci e a volte non riesco a starci dietro)

    20 Feb 2008, 2:41 pm Rispondi|Quota
  • #4naqern

    Grazie a voi, ragazzi. 😉

    20 Feb 2008, 4:18 pm Rispondi|Quota
  • #5igor

    Una volta auto-spedito il file bisogna aprirlo?

    20 Feb 2008, 5:00 pm Rispondi|Quota
  • #6naqern

    @igor: no

    ciao 😉

    20 Feb 2008, 6:36 pm Rispondi|Quota
  • #7alb

    esistono provider che inviano un sms ogni volta che si entra nella casella email. senza bisogno che l’intruso apra alcun file 🙂

    21 Feb 2008, 3:17 pm Rispondi|Quota
  • #8marco

    ciao, grazie per il consiglio.
    una sola cosa non mi è chiara: dalle statistiche di onestat, dove verifico l’eventuale intrusione?
    grazie ancora
    🙂

    22 Feb 2008, 9:10 am Rispondi|Quota
  • #9NightFox

    @alb:

    Ciao, mi fai un esempio di provider o se puoi mi dai un link che mi informo meglio?

    Grazie mille

    F.

    4 Mar 2008, 3:38 pm Rispondi|Quota
  • #10NightFox

    @alb:
    Ciao, mi fai un esempio di provider o se puoi mi dai un link che mi informo meglio?

    Grazie mille

    F.

    4 Mar 2008, 4:50 pm Rispondi|Quota
  • #11Dariella

    ciao una domanda!una volta autospedito il messaggio lo possaimo aprire?l allegato no ma il messaggio si?

    7 Mar 2008, 2:04 pm Rispondi|Quota
  • #12Analyzer

    che cazzata, se è una persona furba non apre il file html, ma lo visualizza direttamente come testo.

    17 Apr 2008, 2:27 pm Rispondi|Quota
  • #13nickel22

    davvero interessante, è possibile farlo anche con google analytics? come? sarebbe ancora meglio per me..

    ciao e grazie della notizia 🙂

    16 Ago 2008, 9:13 pm Rispondi|Quota
  • #14Murray

    ciao! scusate la domanda magari supida… non sarebbe meglio salvare eventuali “dati sensibili” contenuti nelle mail con il vecchio caro metodo carta e penna?… e quindi eliminare la mail interessata? poi se uno vuole entrare nella mia mail e leggersi gli spam che mi arrivano o altre mail di poco peso, faccia pure…. (certo, può essere interessante anche sapere se qualcuno vi accede, questo è chiaro)

    13 Mar 2009, 2:24 pm Rispondi|Quota
  • #15Elekshake

    @ Analyzer:
    Per leggerla in formato testo deve sempre fare un accesso alla mail con l’ allegato e il fatto verrebbe registrato nelle statistiche
    @ Murray:
    Viviamo in un mondo dove ormai ci serve una memory card per salvare i voti scolastici e mettiamo una password anche nel microonde, tornare a carta e penna per molti è un trauma, assicuro io xD

    19 Ago 2009, 6:36 pm Rispondi|Quota
  • #16marzia

    ciao, grazie per il consiglio.

    la stessa domanda che ha fatto Marco…..
    una sola cosa non mi è chiara: dalle statistiche di onestat, dove verifico l'eventuale intrusione?

    grazie ancora

    🙂

    12 Mag 2010, 3:05 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Il meglio di Geekissimo - Gennaio e Febbraio 2008 « Bici, musica, computer e dintorni