Geekissimo

Usa, un disegno di legge per rendere illegale il posting anonimo in internet

 
Daniele Semeraro ([email protected])
11 Marzo 2008
7 commenti
Anonimo

Non preoccupatevi: per il momento, almeno in Italia, l’anonimato di chi utilizza internet non è a rischio. Ma forse negli Stati Uniti un pochino lo è. Un politico del Kentucky ha infatti depositato una proposta di legge per rendere il posting anonimo su internet illegale.

Secondo quanto si legge nella proposta, chiunque voglia scrivere le proprie opinioni su un sito o un blog, deve registrare, su quel sito, il proprio vero nome, cognome, indirizzo fisico e indirizzo e-mail. Non è tutto: quando scriverà un articolo o commenterà un post di qualcun’altro dovrà sempre firmarsi col vero nome e cognome!


Se questa procedura viene infranta, il proprietario del sito dovrà pagare una multa di cinquecento dollari (per la prima volta che si commette il reato) e mille dollari (per ogni altra volta). La proposta di legge arriva dopo numerosi episodi di “bullismo digitale” avvenuti negli scorsi mesi nella parte orientale dello stato Usa.

Difficilmente, a mio parere, una legge simile entrerà in vigore (vi terremo informati sull’iter legislativo), anche perché internet è una rete talmente vasta e globale che la legge finirebbe per essere applicata solamente per i siti i cui server risiedono in Kentucky. In ogni caso mi sembra davvero il modo più sbagliato per risolvere il problema del bullismo. L’anonimato è infatti una delle garanzie-chiave della Rete, che è ormai uno dei pochi posti in cui non siamo ancora obbligati a dover essere per forza identificati attraverso le nostre vere generalità. Siete d’accordo?

Via | Abc
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
La home-page di Google è illegale?

La home-page di Google è illegale?

Guai giudiziari per Google, accusata di violare le leggi californiane a causa della sua riluttanza ad inserire direttamente nella home page un link alla pagina della politica sulla privacy. “A […]

Economia, sicurezza e privacy: il 41% delle grandi aziende ha addetti che monitorano tutta la posta elettronica e gli altri dati personali degli impiegati

Economia, sicurezza e privacy: il 41% delle grandi aziende ha addetti che monitorano tutta la posta elettronica e gli altri dati personali degli impiegati

Lo spionaggio di segreti tra le aziende esiste da sempre. Ma probabilmente la tecnologia ha aumentato i rischi, per le aziende, di perdere dati anche per colpa dei propri stessi […]

Il computer venduto su eBay con i dati segreti di un ministero Gb

Il computer venduto su eBay con i dati segreti di un ministero Gb

Vi è mai capitato di aprire un pacco acquistato su eBay e trovarvi dentro strane sorprese o oggetti particolari? Un tecnico informatico di Manchester, in Gran Bretagna, stava riparando un […]

Internet aiuta il moltiplicarsi della pedofilia. Parola di alcuni esperti spagnoli

Internet aiuta il moltiplicarsi della pedofilia. Parola di alcuni esperti spagnoli

Negli ultimi tempi – lo dimostrano anche i tanti arresti di questi giorni – la pedofilia è cresciuta in maniera esponenziale in tutto il mondo. Secondo alcuni esperti, una delle […]

“Internet? È roba vecchia”. Parola dei suoi creatori

“Internet? È roba vecchia”. Parola dei suoi creatori

Avete capito bene: secondo i pionieri della Rete, internet sarebbe ormai un’infrastruttura obsoleta. A rivelarlo un articolo del Wall Street Journal. Nel 1969 Larry Roberts del Pentagon’s Advanced Research Projects […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Micheluzzo

    Completamente d’accordo con te! W l’anonimato!!! Per la serie: ‘sti politici non sanno più che caz inventarsi

    11 Mar 2008, 11:19 am Rispondi|Quota
  • #2Federico

    Super d’accordo con Micheluzzo.

    11 Mar 2008, 12:07 pm Rispondi|Quota
  • #3Paolino

    Ma scusa, stai dicendo che attualmente, in italia, quando ci si registra su un sito che ci chiede le generalita’ possiamo mettere delle false generalita’?
    Altrimenti cosa vuol dire “uno dei pochi posti in cui non siamo ancora obbligati a dover essere per forza identificati attraverso le nostre vere generalità”?
    Rifrasando: se mi voglio registrare su un sito che mi chiede per poterlo fare le mie generalita’ posso, senza incorrere in problemi legali, dare delle generalita’ di fantasia (cioe’ false)?

    11 Mar 2008, 12:49 pm Rispondi|Quota
  • Sto dicendo che in Italia puoi tenere un blog senza dare le tue vere generalità, e quando commenti un blog di un altro puoi tranquillamente rimanere anonimo, senza dover inserire il tuo vero nome e cognome.

    Per quanto riguarda “uno dei pochi posti”, ho scritto che “la Rete […] è uno dei pochi posti in cui non siamo ancora obbligati a dover essere per forza identificati attraverso le nostre vere generalità”. Non sei d’accordo?

    11 Mar 2008, 2:56 pm Rispondi|Quota
  • #5Sopdu

    Vuoi dire che se dovessi inserire come generalità “Paolino Paperino, Shanghai”, qualcuno andrà a Shanghai a vedere se Paolino Paperino abita proprio lì e se è proprio lui ad essersi registrato e non il vicino di casa?

    11 Mar 2008, 5:49 pm Rispondi|Quota
  • #6andrebd23

    anchio sono molto d' accordo con te e spero per gli americani che questa legge non venga applicata

    12 Mar 2008, 12:17 am Rispondi|Quota
  • #7alex

    Quello che non riesco a spiegarmi è come si possa fare i bulli su internet: me lo spieghi con qualche link? Non saprei neanche cosa cercare con google per trovare notizie su questo presunto bullismo in rete.

    14 Mar 2008, 8:20 am Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Usa, un disegno di legge per rendere illegale il posting anonimo in internet