Geekissimo

Come “adescare” i pedofili? Con falsi link

 
Daniele Semeraro ([email protected])
23 Marzo 2008
6 commenti
Pedofili

Qual è il metodo più semplice per acciuffare i pedofili, se non quello di “fregarli” con la loro stessa arma? È quello che sta facendo, con molto successo, in questi ultimi mesi l’Fbi, che sta utilizzando una serie di falsi link inseriti nei siti che ritiene più a rischio. In pratica, chi clicca sul link invece che andare a vedere filmati porno, viene diretto a un sito gestito dall’agenzia americana per la sicurezza, che così entra in possesso dei dati del presunto criminale.

Uno studente universitario, ad esempio, una notte dello scorso anno aveva cliccato su più di uno di questi link, e già la mattina dopo si è trovato a casa gli agenti federali. Ora rischia quattro anni di prigione, ma il metodo – seppur ottimo per acciuffiare i criminali – rischia un po’ di generalizzare: in questo modo anche chi fa click per sbaglio su un link rischia di passare delle brutte giornate.


Per il momento il metodo dell’Fbi è stato considerato legittimo da diverse sentenze di tribunali federali. Tra l’altro, il link è davvero realistico e vengono descritte nel dettaglio (utilizzando lo stesso linguaggio dei pedofili) le scene contenute nel presunto video a cui rimandano. Il collegamento rimanda a un computer dell’agenzia a San Jose, in California, che identifica l’Ip della persona che si sta collegando. Dopodiché per l’Fbi è un attimo risalire al luogo fisico in cui risiede il computer incriminato.

Ho alcuni dubbi su questo metodo, che davvero rischia di mandare in carcere persone innocenti. E che fare, ad esempio, nel caso una persona utilizzi la rete wi-fi di un’altra? Che ne pensate? Può essere un buon metodo, oppure andrebbero studiate alternative migliori?
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Uomo licenziato perché un malware autoinstallatosi sul suo computer dell’ufficio aveva scaricato centinaia di immagini pedopornografiche

Uomo licenziato perché un malware autoinstallatosi sul suo computer dell’ufficio aveva scaricato centinaia di immagini pedopornografiche

Questa brutta avventura potrebbe essere presa ad esempio per una pubblicità di sistemi ritenuti più sicuri di Windows, come Mac Os X o Linux. Ma purtroppo è accaduta davvero. Il […]

La home-page di Google è illegale?

La home-page di Google è illegale?

Guai giudiziari per Google, accusata di violare le leggi californiane a causa della sua riluttanza ad inserire direttamente nella home page un link alla pagina della politica sulla privacy. “A […]

La piaga della pedofilia online continua ad avanzare: ogni giorno nascono 74 siti in più rispetto al 2007

La piaga della pedofilia online continua ad avanzare: ogni giorno nascono 74 siti in più rispetto al 2007

Brutte notizie, purtroppo, per quel che riguarda la lotta alla pedofilia online. Secondo l’associazione Telefono Arcobaleno, che da dodici anni combatte contro questo fenomeno, ogni giorno nascono 74 siti in […]

Internet aiuta il moltiplicarsi della pedofilia. Parola di alcuni esperti spagnoli

Internet aiuta il moltiplicarsi della pedofilia. Parola di alcuni esperti spagnoli

Negli ultimi tempi – lo dimostrano anche i tanti arresti di questi giorni – la pedofilia è cresciuta in maniera esponenziale in tutto il mondo. Secondo alcuni esperti, una delle […]

I tecnici dei computer possono guardare nei nostri hard-disk?

I tecnici dei computer possono guardare nei nostri hard-disk?

La domanda ce la saremo fatta tutti almeno una volta nella vita, se abbiamo dovuto mettere il nostro computer in mano altrui per una riparazione o un’installazione di nuovo hardware. […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Giuliano

    E’ sicuramente un ottimo metodo per avere un’idea di “dove” indagare, non di “chi” prendere nello specifico: un IP identifica un accesso, se qualcuno si siede al mio pc e lo sua per fare cose illecite o se ho una connessione wi-fi non protetta e la sfruttano, io ho colpe di incauta custodia, al più, non certo di pedopornografia, ma l’indirizzo IP è comunque il mio

    23 Mar 2008, 10:38 am Rispondi|Quota
  • #2Micheluzzo

    Secondo me è una buona idea… anche se giustamente poi vanno fatti anche ulteriori controlli…

    23 Mar 2008, 11:57 am Rispondi|Quota
  • #3Gabry

    Se ti sequestrano il pc ed hai anche altri 8 giga di pedo-porno credo sia una prova abbastanza schiacciante…

    Se no non credo possano essere incriminati per un click… A me se capitasse un link ad un video pedo-pornografico credo ci cliccherei per vedere se è vero e segnalare tutto alle autorità competenti…

    23 Mar 2008, 12:21 pm Rispondi|Quota
  • #4Brillo

    andare a beccare chi carica i video no vero???

    23 Mar 2008, 4:27 pm Rispondi|Quota
  • #5ciny2

    Ma che idiozia unica….. questo è l’ennesimo metodo idiota che serve solo a fare paura a gente che non centra nulla.

    24 Mar 2008, 11:48 am Rispondi|Quota
  • #6stefano

    il metodo dovrebbe essere perfezionato per essere sicuri di beccare uno di questi infami. Purtroppo in italia anche se vengono presi gli fanno ben poco.

    16 Mar 2009, 9:00 am Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Come “adescare” i pedofili? Con falsi link