Geekissimo

Microsoft si allea ufficialmente con One Laptop per Child: è la vera sconfitta del progetto?

 
Daniele Semeraro ([email protected])
17 Maggio 2008
6 commenti
Olpc

Microsoft ha ufficialmente annunciato di aver “unito le forze” insieme a One Laptop per Child, l’associazione che vuole abbattere il digital divide, soprattutto nei Paesi del terzo mondo, vendendo computer portatili per 100 dollari. Fino ad ora le macchine erano equipaggiate con versioni apposite di Linux; molte associazioni e nazioni (come l’Egitto, ad esempio), però, hanno chiesto di poter avere i computer con Windows Xp installato.

Molti hanno pensato si tratti di una mossa estrema per cercare di far decollare un po’ di più il progetto, che ultimamente non stava andando poi così bene: “Mentre è certamente vero che il progetto non sta andando come volevamo – ha ammesso l’ideatore, Nicholas Negroponte – è anche vero che certe nazioni nel mondo prima di ordinarci i computer chiedevano sempre insistentemente che sopra ci fosse installata una versione di Windows“.


Fino ad ora sono state vendute “solo” 600mila apparecchi, mentre entro 90 giorni, con la nuova mossa, dovrebbero esserne venduti altri 400mila: “Se offri la possibilità di dual-boot (cioè, immaginiamo, di scegliere se utilizzare Linux o Windows, ndr) – spiega ancora Negroponte – non c’è dubbio che la domanda sale”. Microsoft ha assicurato che Windows, così come la distribuzione Linux, supporterà pienamente tutte le funzioni del portatile Olpc, tranne la possibilità di condividere file e cartelle tra laptop dello stesso tipo.

Poter sfoggiare Windows perfettamente funzionante su un computer da 100 dollari, dunque, per il team di Olpc sembra un fattore molto importante per fare breccia nei cuori di associazioni benefiche e di governi internazionali pronti a sborsare centinaia di migliaia di dollari. A mio avviso, invece, si tratta della sconfitta del software libero e del progetto “One Laptop per Child”, di cui l’open-source era parte integrante.

Via | Bbc News
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Ecco le applicazioni Zen, l’ideale per non distrarsi quando si lavora al computer

Ecco le applicazioni Zen, l’ideale per non distrarsi quando si lavora al computer

Diciamocelo, ore ed ore di lavoro al computer non sono certo uno dei migliori incentivi alla concentrazione ed alla calma. Almeno finché non sono state inventate delle vere e proprie […]

La diffusione di Microsoft nelle scuole: alcune riflessioni

La diffusione di Microsoft nelle scuole: alcune riflessioni

In un economia sempre più globalizzata, le conoscenze e le competenze, rappresentano dei fattori distintivi e di molta importanza sia per le nazioni che per i singoli individui. Per fortuna […]

Come riparare il MBR di Windows utilizzando Ubuntu

Come riparare il MBR di Windows utilizzando Ubuntu

Soprattutto i più geek, conoscono bene il piccolo/grande dramma che può rappresentare il danneggiamento del MBR (Master Boot Record) di Windows, ovvero, l’impossibilità di accedere ai propri sistemi operativi senza […]

Tutte le alternative per Linux ai migliori software per Windows

Tutte le alternative per Linux ai migliori software per Windows

Ormai anche chi non è un vero geek incallito conosce (almeno per sentito dire) Linux ed il mondo del software libero. Il passare degli anni e la sempre più larga […]

Raddoppia l’utilizzo di Linux sui Pc desktop

Raddoppia l’utilizzo di Linux sui Pc desktop

L’utilizzo di Linux nei computer desktop sarebbe raddoppiato in un solo anno, passando dallo 0,37 per cento del 2006 a una penetrazione dello 0,81 quest’anno. Certo, non si tratta di […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Anto

    windowz è come il prezzemolo..andato a male xò..rovinerà sicuro questo progetto..

    17 Mag 2008, 9:49 am Rispondi|Quota
  • #2Micheluzzo

    Perfetto, hai avuto esattamente il mio stesso pensiero. Che schifo che schifo!

    17 Mag 2008, 10:16 am Rispondi|Quota
  • Non ho parole: windows per chi non ha soldi invece di Linux??? Ma questo è un delirio che non riesco a capire come possa essere accettato da chi “supervisiona la correttezza del progetto”… (e parla uno che vive solo di Linux!)

    17 Mag 2008, 11:11 am Rispondi|Quota
  • #4IoIO

    Windows ha fatto la mossa perfetta: teneti per voi la schifezza LINUX, e lasciate che un bambino africano possa usare gli stessi programmi di un suo coetaneo americano, europeo o giapponese.

    17 Mag 2008, 2:35 pm Rispondi|Quota
  • #5Zen

    e che male c’è a fornire un computer con il s.o. + conosciuto al mondo?
    Questo pc dovrebbe servire x imparare no?
    E allora che imparino un s.o. che viene usato in molte aziende e che possa servire a questi ragazzi in un futuro lavorativo.

    17 Mag 2008, 7:28 pm Rispondi|Quota
  • #6IoIO

    Bravo Zen!

    18 Mag 2008, 2:34 pm Rispondi|Quota