Geekissimo

La home-page di Google è illegale?

 
Daniele Semeraro ([email protected])
6 Giugno 2008
3 commenti
GooglePrivacy

Guai giudiziari per Google, accusata di violare le leggi californiane a causa della sua riluttanza ad inserire direttamente nella home page un link alla pagina della politica sulla privacy. “A Google è stato chiesto di inserire la parola privacy, una parola di sole sette lettere, accanto agli altri link che portano alle pagine di informazioni sulla ricerca e sulla società. Una parola piccola che però nel mondo della privacy è molto importante”, ha spiegato Beth Givens della Privacy Rights Clearinghouse.

Tutto è partito da una segnalazione proveniente da alcuni blog del New York Times, secondo cui Google non si sarebbe adeguata all’Online Privacy Protection Act del 2003 (la legge californiana sulla privacy, per intenderci): la legge prevede che ogni sito che abbia dietro un’attività commerciale e raccolga informazioni private degli utenti debba segnalare bene in vista nella propria home page un link alla propria pagina che spiega la politica dell’azienda nei confronti della privacy.


Google dal canto suo si difende, spiegando che la politica sulla privacy è facilmente individuabile seguendo il link “About Google” in fondo alla home page, e che non aggiunge un altro link per “questioni estetiche”; le associazioni dei consumatori però non ci stanno, spiegando che trovare la pagina non è abbastanza intuitivo e non è semplicemente questione di un paio di click. C’è, insomma, una vera e propria guerra da parte delle associazioni dei consumatori nei confronti di Google, accusata (ne abbiamo parlato spessissimo) di conservare le nostre e-mail, i nostri indirizzi Ip insieme ai siti da noi visitati e un mucchio di altre informazioni sulle nostre abitudini online.

In effetti però abbiamo provato noi stessi a raggiungere la pagina della privacy di Google (tra l’altro molto ben fatta) e ci sono voluti… solamente due click. Il primo nella home page di Google (versione internazionale) su “About Google”; il secondo proprio in fondo al centro della pagina “About”: “Privacy policy”. Insomma: di certo non si trova all’interno della home page, ma con una ricerca di dieci secondi l’abbiamo trovata, sia nella versione inglese che in quella italiana. Tra l’altro, scrivendo “privacy policy” o “google privacy policy” nel campo di ricerca del motore, il primo risultato è sempre la pagina della politica sulla riservatezza di Google.

Via | The Register
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
“L’immagine della mia casa in Google Street View viola la mia privacy” e una coppia fa causa a Google

“L’immagine della mia casa in Google Street View viola la mia privacy” e una coppia fa causa a Google

Di cause frivole se ne fanno fin troppe ogni giorno, ormai ogni pretesto è diventato buono per chiamare davanti al tribunale qualcuno, e Google lo ha dovuto provare a sue […]

Usa, un disegno di legge per rendere illegale il posting anonimo in internet

Usa, un disegno di legge per rendere illegale il posting anonimo in internet

Non preoccupatevi: per il momento, almeno in Italia, l’anonimato di chi utilizza internet non è a rischio. Ma forse negli Stati Uniti un pochino lo è. Un politico del Kentucky […]

Condannato a 9 anni di prigione il super-spammatore mondiale

Condannato a 9 anni di prigione il super-spammatore mondiale

La notizia sta facendo, piano piano, il giro del mondo. La Corte Suprema della Virginia, negli Stati Uniti, a ha condannato a nove anni di carcere Jeremy Jaynes, accusato di […]

“Gli indirizzi Ip devono essere considerati dei dati personali”. Parola del commissario europeo

“Gli indirizzi Ip devono essere considerati dei dati personali”. Parola del commissario europeo

Gli indirizzi Ip, le classiche stringhe di numeri del tipo 194.20.345.233 (ho scritto un indirizzo a caso) che identificano i computer sulla rete, dovrebbero essere considerati alla stregua dei dati […]

Cercare nel Web in modo assolutamente anonimo? Qualcosa inizia a muoversi

Cercare nel Web in modo assolutamente anonimo? Qualcosa inizia a muoversi

I motori di ricerca – probabilmente lo sapevate già – conservano tutte le tracce delle nostre richieste e dei siti Web visitati per circa 18 mesi. L’archivio comprende indirizzi Ip, […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1softcodex

    che dietro tutto ci sia l’amico bill che vuole rompere un po’ di più?! 😉

    6 Giu 2008, 9:36 am Rispondi|Quota
  • #2ellogallo

    Su iGoogle c’è addirittura un link diretto…

    6 Giu 2008, 10:55 am Rispondi|Quota
  • #3thanks2world

    In Italia una azienda che non pubblica la propria partita iva in home page e’ passibile di multa, stessa cosa per la privacy … perche’ Google dovrebbe essere superiore alle altra aziende miliardi di dollari a parte?

    7 Giu 2008, 12:34 pm Rispondi|Quota