Geekissimo

Uomo licenziato perché un malware autoinstallatosi sul suo computer dell’ufficio aveva scaricato centinaia di immagini pedopornografiche

 
Daniele Semeraro ([email protected])
23 Giugno 2008
5 commenti
Mal di testa

Questa brutta avventura potrebbe essere presa ad esempio per una pubblicità di sistemi ritenuti più sicuri di Windows, come Mac Os X o Linux. Ma purtroppo è accaduta davvero. Il Massachusetts Department of Industrial Accidents ha licenziato un suo dipendente, il signor Michael Fiola, intraprendendo tra l’altro una procedura legale nei suoi confronti, in quanto all’interno dei suoi file temporanei internet del computer dell’ufficio erano presenti immagini chiaramente pedopornografiche.

“Il mio capo mi ha chiamato nel suo ufficio alle nove del mattino – ha spiegato Fiola ad alcuni quotidiani locali – e c’erano tutti, dal mio supervisore al direttore del personale. Senza permettermi di spiegare alcunché mi hanno dato la lettera di licenziamento, rimanendo in silenzio perché così aveva consigliato il loro legale”. Purtroppo, però, i legali (della difesa e dell’accusa, insieme) analizzando meglio il computer dell’uomo non hanno potuto far altro che arrendersi, in quanto non c’era alcuna prova del fatto che il dipendente avesse scaricato materiale illegale. Perché? Perché il materiale pedopornografico l’aveva scaricato un malware.


In particolare, un esperto forense d’informatica (che ha tenuto in consegna il laptop aziendale per circa un mese) ha spiegato in un report di trenta pagine che il software di protezione dai virus installato sul computer era obsoleto e “corrotto”, e per questo il sistema di Fiola era stato preso d’assalto da spammer e cracker che hanno bombardato il suo hard-disk con immagini pedopornografiche. Tra l’altro, sembra che questi virus risalissero all’anno precedente, quando il computer lo utilizzava un altro dipendente.

Al momento non sappiamo se l’uomo sarà reintrodotto al lavoro, ma immaginiamo di sì; anzi, probabilmente all’uomo converrebbe citare per danni l’azienda, anche se poi dovrebbe comunque trovarsi un altro lavoro. Una storia, dunque, degna della pubblicità e della fiction, ma purtroppo tutta vera. Vi siete mai trovati in una situazione imbarazzante per colpa di problemi simili? Io ricordo che una volta in un posto dove lavoravo una ragazza stava commentando un articolo appena scritto con il caporedattore, quando (per colpa di un malware presente sul computer) è apparsa all’improvviso – tra l’ilarità generale – una foto molto molto esplicita…

Si ringrazia l’utente dhammza di Flickr per l’immagine
Via | Slashdot
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
I domini più pericolosi del Web, secondo McAfee. Da evitare? Soprattutto Hong-Kong, Cina e Filippine

I domini più pericolosi del Web, secondo McAfee. Da evitare? Soprattutto Hong-Kong, Cina e Filippine

Quali sono i domini che tendono ad essere più pericolosi sul Web, per via dei tanti server “distributori” di malware? A stilare la speciale classifica è la McAfee, società produttrice […]

La piaga della pedofilia online continua ad avanzare: ogni giorno nascono 74 siti in più rispetto al 2007

La piaga della pedofilia online continua ad avanzare: ogni giorno nascono 74 siti in più rispetto al 2007

Brutte notizie, purtroppo, per quel che riguarda la lotta alla pedofilia online. Secondo l’associazione Telefono Arcobaleno, che da dodici anni combatte contro questo fenomeno, ogni giorno nascono 74 siti in […]

Come “adescare” i pedofili? Con falsi link

Come “adescare” i pedofili? Con falsi link

Qual è il metodo più semplice per acciuffare i pedofili, se non quello di “fregarli” con la loro stessa arma? È quello che sta facendo, con molto successo, in questi […]

Come rimuovere i virus dalle penne USB

Come rimuovere i virus dalle penne USB

Un po come i cari, vecchi floppy disk, anche le penne USB di non sicurissima provenienza sono spesso vettori di fastidiosi quanto dannosi virus informatici. Molte delle minacce che “viaggiano […]

Ripristinare le associazioni dei file cancellate dai virus

Ripristinare le associazioni dei file cancellate dai virus

Purtroppo i virus informatici non guardano in faccia a nessuno e, talvolta, a doverne fare le spese sono anche i geek più bravi ed “incalliti”. Tra le tipologie di virus […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Sagro

    Se è stato un malware è davvero una cosa TRISTE. Gente che si diverte a programmare “software” per nessuno scopo sensato e su tematiche così ripugnanti. Accettabili le immagini esplicite di donnine nude che ti vogliono far registrare ai loro siti o venderti pasticche miracolose, alla fine c’è lo scopo di venderti qualcosa anche se in modo infimo, ma questo qui….

    23 Giu 2008, 11:06 am Rispondi|Quota
  • #2Sanghino

    “Purtroppo, però, i legali (della difesa e dell’accusa, insieme) analizzando meglio il computer dell’uomo non hanno potuto far altro che arrendersi, in quanto non c’era alcuna prova del fatto che il dipendente avesse scaricato materiale illegale.”

    Non ho mica capito l’intento di quel “purtroppo” all’inizio di questo capoverso. Se l’uomo era innocente, e questo si comprende nel proseguo del post, sarebbe stato meglio dire “per fortuna”. Io credo che l’intento fosse quello di enfatizzare la posizione dell’accusa, in questo caso citare anche la difesa mi ha tratto in inganno ….

    23 Giu 2008, 11:55 am Rispondi|Quota
  • #3Man Without a Nick XD

    No comment

    Quoto Sagro

    23 Giu 2008, 12:37 pm Rispondi|Quota
  • #4David

    poveretto…ha ragione sagro

    23 Giu 2008, 1:40 pm Rispondi|Quota
  • #5Fabio

    Questa è una di quelle notizie che mi fanno chiedere: ma perché quelli che non hanno davvero bisogno di programmi particolari tipo Photoshop, CAD e via discorrendo continua ad usare windows? Mah!

    23 Giu 2008, 7:11 pm Rispondi|Quota