Geekissimo

Nuova truffa al bancomat, micidiale! Fate Attenzione!

 
Shor (Angelo Di Veroli)
29 Settembre 2008
20 commenti

Di truffe al bancomat se ne sono sentite tante, ma questa è davvero micidiale. Il lestofante prepara la trappola con una pellicola, facendo in modo di catturare la carta, e poi con la scusa di aiutare i malcapitati gli ruba anche il codice segreto! Bè ragazzi, c’è poco da dire, avvertite chiunque conoscete e mettetelo al corrente di questa nuova truffa bancomat!

Se volete potete inserire la presentazione nel vostro sito o blog inserendo questo codice:

<object style="margin:0px" width="425" height="355"><param name="movie" value="http://static.slideshare.net/swf/ssplayer2.swf?doc=truffabancomat1-1222558351798749-8&stripped_title=nuova-truffa-bancomat-micidiale-presentation" /><param name="allowFullScreen" value="true"/><param name="allowScriptAccess" value="always"/><embed src="http://static.slideshare.net/swf/ssplayer2.swf?doc=truffabancomat1-1222558351798749-8&stripped_title=nuova-truffa-bancomat-micidiale-presentation" type="application/x-shockwave-flash" allowscriptaccess="always" allowfullscreen="true" width="425" height="355"></embed></object>
Presentazione By <a href="http://www.geekissimo.com/2008/09/29/nuova-truffa-al-bancomat-micidiale-fate-attenzione/">Geekissimo</a>

Per chi non riuscisse a visualizzare le slide, ecco a voi anche il contenuto testuale:

Slide 1: FURTO AL BANCOMAT  In questa prima diapositiva si vede una persona che apparentement e sta facendo un’operazione al Bancomat.

Slide 2: Invece prepara una trappola  Quello che realmente sta facendo è mettere una trappola nel bancomat per \”catturare\” la carta al prossimo utente.

Slide 3: Attenzione pericolo in vista  Alterare un Bancomat è una cosa molto rischiosa. Chi lo fa lavora in squadra. Il “palo” avverte dell’arrivo di una persona o di un potenziale cliente.

Slide 4: La vittima  In questa diapositiva vediamo un cliente utilizzare il Bancomat, dopo che la trappola è stata sistemata. Inserisce la sua carta e comincia la sua operazione.

Slide 5: Scatta la trappola  La carta viene trattenuta, ed il cliente è sorpreso e confuso. Si chiede :”Come mai mi è stata trattenuta la carta? A chi posso chiedere spiegazioni?” (Aiuto?).

Slide 6: Un volenteroso “samaritano” si offre di aiutarlo.  E’ il ladro che si offre in suo aiuto. Quello che lui realmente sta tentando di fare non è aiutare il malcapitato cliente, ma bensì carpire il “codice segreto“ della carta dell’ignara vittima.

Slide 7: Viene a conoscenza del “PIN”  Il “buon Samaritano” convince la “vittima“. “Provi di nuovo, può darsi non ha digitato giusto il codice segreto”. L’operazione non si sblocca né pigiando “Enter” né “Annulla”

Slide 8: Non si sblocca la situazione. Lasciano il bancomat.  Dopo diversi tentativi la “vittima” si convince che la carta gli è stata prelevata dalla Banca. Lasciano così il Bancomat.

Slide 9: Recupero della CARTA  Appena la povera “vittima” si allontana, il ladro ritorna per recuperare la carta trattenuta dalla sua trappola. Adesso non solo ha la carta, ha pure il “codice segreto” che la “vittima\” gli ha rivelato inconsapevolmente.

Slide 10: La fuga  In possesso della carta e del PIN, il ladro preleva il massimo della disponibilità della carta e si da alla fuga.

Slide 11: LA TRAPPOLA  La “trappola” è fatta con un pezzo di pellicola usata per i raggi “X” che è il materiale preferito da questi ladri, anche per via del colore nero simile alla fessura del lettore del Bancomat.

Slide 12: Sistemazione della TRAPPOLA  Viene introdotta nella fessura del Bancomat. Per non inserire del tutto la pellicola nella fessura, le parti finali sono state piegate e incollate per meglio aderire alla superficie esterna della stessa fessura.

Slide 13: INVISIBILE  Una volta che le parti finali sono bene incollate e aderiscono perfettamente alla fessura, è quasi impossibile accorgersi di loro.

Slide 14: Come viene trattenuta la carta?  Le fenditure della pellicola sono tagliate in ambo i lati della trappola. Questo per evitare che la carta possa tornare indietro prima di aver effettuato o annullato ogni eventuale operazione.

Slide 15: Recupero della carta.  Appena la “vittima\” è andata via, il ladro recupera la carta, rimuovendo la trappola. Scolla le due punte incollate e tira fuori il pezzo di pellicola con all’interno la carta trattenuta.

Slide 16: RACCOMANDAZIONE  Se la carta Vi viene trattenuta, osservare bene il Bancomat ed in special modo la fessura dove si inserisce la carta. Se si dovessero vedere punte di pellicole per raggi X incollate alla fessura, staccarle, estrarre la trappola, recuperare la Carta ed avvisare immediatamente la Banca o la Polizia.

Slide 17: Cosa posso fare per aiutare a prevenire questa truffa? •Segnala questo articolo •Preleva il codice e inserisci questa presentazione nel tuo sito/blog •Parlane a tutte le persone che conosci www.geekissimo.com

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Microsoft: “Congratulazioni, hai vinto” è la truffa online più diffusa

Microsoft: “Congratulazioni, hai vinto” è la truffa online più diffusa

A tutti o comunque a molti sarà capitato, navigando online, di ritrovarsi dinanzi il fatidico messaggio “Congratulazioni, hai vinto” ed eventuali varianti. I più accorti avranno senz’altro evitato di cliccarci […]

Facebook affronta il problema delle identità rubate

Facebook affronta il problema delle identità rubate

La pubblicazione dei nostri dati, dei nostri contenuti, su profili, blog, social network, ha come uno dei suoi risultati qualcosa di scomodo e sempre più preoccupante, il furto di identità. […]

Condannato a 9 anni di prigione il super-spammatore mondiale

Condannato a 9 anni di prigione il super-spammatore mondiale

La notizia sta facendo, piano piano, il giro del mondo. La Corte Suprema della Virginia, negli Stati Uniti, a ha condannato a nove anni di carcere Jeremy Jaynes, accusato di […]

“Gli indirizzi Ip devono essere considerati dei dati personali”. Parola del commissario europeo

“Gli indirizzi Ip devono essere considerati dei dati personali”. Parola del commissario europeo

Gli indirizzi Ip, le classiche stringhe di numeri del tipo 194.20.345.233 (ho scritto un indirizzo a caso) che identificano i computer sulla rete, dovrebbero essere considerati alla stregua dei dati […]

Un “mega-filtro” mondiale contro i pedofili

Un “mega-filtro” mondiale contro i pedofili

Di pedofilia su internet si parla a periodi alterni. Durante l’inverno ci sono stati molti scandali legati a MySpace o Second Life, ora invece tutto tace. Ma in realtà il […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1MattSid

    Come mai il tizio registrato e nero, e anche quello che mostra la carte lo è? coincidenza?

    Era proprio indispensabile mettere ogni singolo passo dei dettagli “tecnici” della trappola?

    29 Set 2008, 2:56 pm Rispondi|Quota
  • #4AleTanz

    le immagini della telecamera di sicurezza sono datate 2001, quindi la notizia è un po’ vecchiotta 🙂
    ma fa sempre piacere essere al corrente di queste cose, per esempio io non ne sapevo nulla. Grazie mille 😉

    29 Set 2008, 2:57 pm Rispondi|Quota
  • #5Marcello

    Errata corrige: nel fotogramma, la data è del 2001!!!

    29 Set 2008, 2:57 pm Rispondi|Quota
  • #6Nexso

    @Shor: Bravo Shor, hai fatto benissimo a parlarne. Non ci si deve fidare di niente e di NESSUNO.

    29 Set 2008, 3:16 pm Rispondi|Quota
  • #7Lino

    Questo trucco è vecchio!!!! Comunque non avevo mai visto la pellicola adesiva. Se mi si dovesse bloccare la carta la prima cosa che farò e verificare che non ci sia la pellicola adesiva, se c’è recupero da solo la mia carta e dò una pizza in faccia al tipo che cerca di aiutarmi!!! 🙂

    29 Set 2008, 3:16 pm Rispondi|Quota
  • #8MondoForex

    Non mi sarei mai aspettato un trucco del genere… certo andarsene non è esattamente la cosa migliore.. sarebbe più normale non dare retta al ladro ed entrare a chiedere informazioni alla banca…

    29 Set 2008, 3:21 pm Rispondi|Quota
  • #9softcodex

    ma chi é quel pirla che in presenza di uno sconosciuto si mette a digitargli davanti il proprio pin? mah….

    29 Set 2008, 3:37 pm Rispondi|Quota
  • #10agvnn

    Sì sì, e oltre al codice gli dò anche indirizzo e codice fiscale… maddai…

    29 Set 2008, 4:01 pm Rispondi|Quota
  • #11Merlinox

    E dopo 7 anni e 18 giorni abbiamo trovato la soluzione al problema.
    Da, non male…

    29 Set 2008, 4:06 pm Rispondi|Quota
  • #12Shor

    Bè ragazzi io non lo conoscevo, magari ce ne saranno anche altri come me, che non ne erano a conoscenza…e ora lo sanno.

    29 Set 2008, 4:39 pm Rispondi|Quota
  • #13Merlinox

    Secondo me al giorno d’oggi l’unica soluzione valida è tornare al materasso 🙂

    29 Set 2008, 4:55 pm Rispondi|Quota
  • #14OXO

    Questa non lo conoscevo, ma il babbeo che cade in questo puerile tranello merita proprio di farsi prosciugare il conto…

    29 Set 2008, 5:55 pm Rispondi|Quota
  • #15kharim

    sono daccordissimo sul fatto di divulgare la notizia ma scusatemi veramnete xkè io essendo operatore grafico sono rimasto traumatizzato da quella cosa verde e gialla… .-.

    30 Set 2008, 6:03 am Rispondi|Quota
  • #16kharim

    Quote”
    sono daccordissimo sul fatto di divulgare la notizia ma scusatemi veramnete xkè io essendo operatore grafico sono rimasto traumatizzato da quella cosa verde e gialla… .-.
    —————————————————–
    Parlo della presenzazione, o più precisamente dallo sfondo…

    30 Set 2008, 6:05 am Rispondi|Quota
  • #17Dario Salvelli

    La notizia sarà vecchia ma io ad esempio non la conoscevo. Dubbi comunque sul mostrare tutti i dettagli tecnici.

    30 Set 2008, 11:30 am Rispondi|Quota
  • #18wazza

    Io penso che abbiano fatto bene a mostrare i dettagli così la prossima volta che la carta non esce sappiamo bene cosa fare.
    Ciao!

    30 Set 2008, 7:42 pm Rispondi|Quota
  • #19Forex

    Guardiamoci bene dai buoni smaritani appostati vicino ai bancomat..!

    27 Gen 2011, 4:41 pm Rispondi|Quota
  • #20Assicurazioni OnLine

    Anche io penso che abbiano fatto bene a mostrare i dettagli così la prossima volta che la carta non esce sappiamo bene cosa fare.

    23 Mar 2011, 9:37 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Lo sfogo » Blog Archive » Truffa al bancomat