Geekissimo

User Account Control, stato dell’arte e promesse su Windows 7

 
Ivan Trapasso
12 Ottobre 2008
0 commenti

Cari lettori, abbiamo già parlato in questa sede del “leggendario” sistema operativo Windows 7, il probabile successore di Vista. La fame di rumors è davvero tanta e, come non mai, si cerca di lavorare per migliorare tutti quegli aspetti che nei sistemi operativi precedenti sono stati fonte di problemi e fastidi. Uno su tutti: User Account Control di Windows Vista. C’è chi, appena sente nominare la sigla UAC, si mette le mani nei capelli. Stiamo parlando del diabolico sistema con cui Windows Vista avvisa i suoi utenti dei movimenti nel computer impiegando fastidiosissime e numerosissime segnalazioni. Vediamo insieme lo stato dell’arte dell’UAC e cerchiamo di scoprire che intenzioni ha Microsoft per il futuro Windows 7.

Tenendo a mente i fastidi che ha provocato, ci chiediamo: a che pro è stato introdotto l’UAC? Quali vantaggi abbiamo tratto dal suo utilizzo? Sicuramente, questa funzionalità provoca allarmismi ed avvisi inutili, ma offre una protezione totale su qualsiasi movimento all’interno del nostro PC. Impostando un certo livello di sicurezza, dunque, è possibile avere sotto controllo tutta la situazione, sebbene ciò possa risultare noioso ed altamente fastidioso, specie se il fenomeno si ripete dopo brevi intervalli di tempo.


L’UAC ha costretto, poi, gli sviluppatori a riprogettare tutto il software, in modo da rendere minimi o nulli i comportamenti che avrebbero potuto provocare segnalazioni e conferme dell’utente. Supportati da un grafico, leggiamo insieme la progressiva diminuzione degli avvisi da Gennaio 2007 fino al rilascio del Service Pack 1:

Si osserva una progressiva diminuzione: del 39% a fine 2007 e, col rilascio di SP1, si arriva fino al 33%. Sono ancora oggi tante le applicazioni che chiedono conferme e generano avvisi di sicurezza, sebbene la categoria degli sviluppatori afferma di aver ridotto, da quando Vista è disponibile nella sua versione finale (quindi circa 20 mesi), il numero di applicazioni che generano avvisi dell’80%. Insomma, non tutto è perduto: gli avvisi sono in via di diminuzione, anche se continuano ad infastidire il lavoro. A questo proposito si esprime la squadra di sviluppatori di Windows 7: oltre a potenziare la sicurezza, promettono di ridurre gli inutili avvisi di sicurezza dell’UAC. Inoltre garantiscono una ristrutturazione delle finestre di dialogo degli avvisi, che punteranno a restituire informazioni ben più precise e pertinenti sulle applicazioni esaminate, in modo da distinguere velocemente quelle malevole da quelle ordinarie.

Insomma, l’UAC per Windows 7 sarà ben più piacevole da gestire e raggiungerà un buon livello di tolleranza da parte degli utenti se raggiungerà l’obiettivo imposto dagli sviluppatori: generare avvisi soltanto per questioni veramente importanti. A quel punto, Windows 7 continuerà a prendere le sembianze del sistema operativo perfetto. 😀 Buona domenica, a presto!

Via | Genbeta

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
WinPlusX: utilizzare Win+X anche su Windows XP, Vista e 7

WinPlusX: utilizzare Win+X anche su Windows XP, Vista e 7

Colo che stanno già testando le features di Windows 8, l’ultimisso sistema operativo reso disponibile da Microsoft, sicuramente avranno anche avuto modo di scoprire che sfruttando la combinazione di tasti […]

Guide di Windows 7, ancora da sistemare

Guide di Windows 7, ancora da sistemare

Sarà una mia impressione, ma Windows 7 sta attirando (meritatamente) l’attenzione degli utenti, che già lo hanno installato sui propri PC. Chi in dual boot, chi da USB, chi da […]

Windows 7: ecco come sarà il nuovo UAC

Windows 7: ecco come sarà il nuovo UAC

Come ormai ben saprete, nel correre incontro alle richieste dell’utenza Windows, casa Microsoft si è apprestata a modificare anche la tanto discussa funzionalità di controllo account utente introdotta in Vista. […]

Microsoft promette di inserire tools di diagnostica e di analisi delle performance in Windows 7 e 8. Sarà vero?

Microsoft promette di inserire tools di diagnostica e di analisi delle performance in Windows 7 e 8. Sarà vero?

Sin da sempre Microsoft ha cercato di raggiungere il top in quanto a prestazioni in ogni suo Sistema Operativo, ma bisogna ammettere che con Vista non ci è affatto riuscito. […]

Come sono cambiate le richieste hardware di Windows, da Windows 1.0 a Vista

Come sono cambiate le richieste hardware di Windows, da Windows 1.0 a Vista

Da quando è stata rilasciata la prima versione di Windows la tecnologia è cambiata radicalmente, ora è possibile fare cose che prima erano inimmaginabili (la tv sul telefonino!). Oggi guarderemo […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento