Geekissimo

OneSwarm: il P2P sicuro

 
Andrea Guida (@naqern)
22 Aprile 2009
5 commenti

L’altro giorno, analizzando insieme la condanna inflitta agli amministratori di “The Pirate Bay, è prepotentemente tornato alla ribalta il problema relativo alla sicurezza e alla privacy degli utenti sulle reti P2P. Un problema che l’amico Quique ci ha prontamente consigliato di risolvere sfruttando il servizio OneSwarm ideato dagli studenti Tomas Isdal, Michael Piatek, Arvind Krishnamurthy e Tom Anderson dell’Università di Washington, che quest’oggi abbiamo deciso di presentarvi in maniera un po’ più dettagliata e “critica”.

Siamo infatti al cospetto di uno dei maggiori esponenti del mondo F2F (friend to friend), quello che secondo molti sostituirà relativamente presto il peer to peer. Principali tratti caratteristici di quest’ultimo: la possibilità di scaricare e far scaricare file agli altri utenti con il massimo grado di privacy, consentendo l’accesso solo ai propri amici (magari pescati al volo dalla lista dei contatti di gTalk), agli amici dei propri amici e agli amici degli amici dei propri amici. Un gruppo abbastanza ampio di persone ragionevolmente fidate che opera su di una rete sicura che non sbandiera a destra e a manca l’indirizzo IP degli utenti, insomma.


.

Come potete ben vedere nel video che campeggia qui sopra, OneSwarm ha un’interfaccia web-based estremamente semplice da utilizzare e può essere utilizzato liberamente su tutti i maggiori sistemi operativi. Consente di avere un’anteprima “al volo” dei file in download (convertendo, ad esempio, spezzoni di video in flash, in modo da non necessitare di codec aggiuntivi).

Maggior difetto del sistema, almeno per ora, la scarsa popolazione della rete F2F e la conseguente penuria di file rintracciabili in quest’ultima. In secondo piano, ma nemmeno tanto, c’è poi l’impossibilità di controllare la banda riservata a ciascun file in download.

Ad ogni modo, se casi di cronaca come quello di “The Pirate Bay” continueranno tristemente a verificarsi in giro per il mondo, potete starne sicuri: il grado di diffusione di questa tipologia di servizi aumenterà vertiginosamente a stretto giro.

Allora, che aspettate a provare questo OneSwarm e farci sapere cosa ne pensate?

Via | MakeUseOf
Categorie: Freeware, P2P
Tags: f2f,  oneswarm,  P2P,  Privacy,  Sicurezza, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Sendoid: iSendr si evolve ed ora consente di trasferire file tramite P2P anche direttamente dal desktop

Sendoid: iSendr si evolve ed ora consente di trasferire file tramite P2P anche direttamente dal desktop

Ricordate quando, mesi addietro, avevamo dato uno sguardo a iSendr? Bhe, qualora la risposta fosse negativa è allora il caso di rinfrescarsi le idee (coloro che, invece, ne hanno memoria, […]

I migliori 10 download manager per ogni esigenza

I migliori 10 download manager per ogni esigenza

Senza dei download manager di fiducia, la vita di ogni geek, degno di tale definizione, non sarebbe più la stessa. Sì, ma cosa fare se non si ha ancora una […]

Guida ai client BitTorrent più utilizzati

Guida ai client BitTorrent più utilizzati

Come abbiamo già detto molte volte, il protocollo Torrent per la condivisione dei file in rete sta conoscendo in quest’ultimo periodo uno sviluppo senza precedenti, sempre più utenti si avvicinano […]

Windows Live Messenger, 4 ottimi strumenti per la sicurezza e le emoticon

Windows Live Messenger, 4 ottimi strumenti per la sicurezza e le emoticon

Windows Live Messenger non ha davvero bisogno di presentazioni: utilizzato anche da chi non può definirsi veramente geek, è infatti uno dei software di instant messaging più utilizzati del mondo. […]

Tutte le partite di calcio di Serie A e Champions, gratis su internet.

Tutte le partite di calcio di Serie A e Champions, gratis su internet.

La scorsa settimana, tutto pronto per vedermi una partita di calcio della serie A, vado ad accendere Mediaset Preminum e sullo schermo leggo una scritta “Tessera Scaduta”, la estraggo, guardo […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1white-rabbit

    Molto meglio usare ANts a stò punto.. 🙂

    22 Apr 2009, 1:30 pm Rispondi|Quota
  • #2corrado

    @white rabbit:
    per quali ragioni sarebbe meglio usare ants? in che cose oneswarm difetta nei suoi confronti?
    Non conosco nessuno dei due, e mi interesserebbe capire la bontà di questi strumenti.
    Grazie 🙂

    22 Apr 2009, 2:58 pm Rispondi|Quota
  • #3quique

    Fa davvero piacere che voi redattori teniate molto in considerazione il pensiero e il parere degli utenti 😉

    23 Apr 2009, 2:09 pm Rispondi|Quota
  • quique dice:

    Fa davvero piacere che voi redattori teniate molto in considerazione il pensiero e il parere degli utenti

    Ci sono redattori e redattori.
    Naqern è uno di quelli con la R maiuscola! 😉

    23 Apr 2009, 2:44 pm Rispondi|Quota
  • #5vinnie costante

    Che cosa inutile, hanno scoperto l’acqua calda.
    La rete deve essere sicura a priori, non ti puoi basare sul fatto che tra gli amici, amici degli amici, amici degli amici degli amici non ci sia un infiltrato.
    Questo programma fa pena, molto meglio ants come dicevano sopra a questo punto.

    24 Ott 2009, 4:22 pm Rispondi|Quota