Geekissimo

Italia, Governo pronto a investire per annullare il digital divide. Ci sperate davvero?

 
Andrea Guida (@naqern)
11 Giugno 2009
20 commenti

digital divide

La nostra classe politica, per motivi che è inutile star qui ad elencare, è una delle più riluttanti a comprendere le potenzialità di un mezzo come Internet, ma fa niente. Per i prossimi cinque minuti facciamo finta che ciò non sia vero e proviamo ad analizzare insieme le recenti dichiarazioni di Paolo Romani, vice ministro alle telecomunicazioni italiano: “Entro la fine del 2012, tutti gli italiani avranno la possibilità di connettersi ad Internet ad una velocità compresa tra 2 e 20 Megabit al secondo“.

Secondo quanto riportato dalla Reuters, infatti, il governo starebbe stanziando una cifra di oltre 1.400 miliardi di euro (con almeno 210 milioni da parte dei privati) per “Cancellare il digital divide nel Paese“. A redigere un rapporto sul quadro generale della banda larga in Italia è stato Francesco Caio, ex Olivetti, Merloni e Netscalibur, dal 2008 Responsabile del Gruppo di studio per la progettazione della rete a banda larga ultra-veloce nel Regno Unito (nonché Membro del Consiglio di Amministrazione della britannica Cable&Wireless), il quale ha tenuto a sottolineare l’importanza dell’intervento pubblico in un settore dove “Telecom Italia o altri gestori difficilmente accelereranno gli investimenti“.


Rispetto al passato (non più di una settimana fa, mica anni), fa piacere scoprire che qualcuno dei nostri “rappresentanti” ha finalmente capito che la banda larga può rappresentare anche un notevole ritorno economico per tutta la comunità nazionale. Richiamando degli studi Ocse che hanno fissato ad 1.45 il moltiplicatore congiunto del settore comunicazione sull’intera economa, Romani ha infatti dichiarato che “Investire un miliardo e mezzo in quest’ambito potrebbe portare ad un incremento di Pil di circa 2 miliardi“.

Questa nuova copertura della banda larga dovrebbe essere realizzata quasi interamente in fibra e vedrebbe lo Stato impegnato a “sganciare” 763,85 milioni per le opere civili, 617,66 milioni per la fornitura di software ed hardware e circa 89,81 milioni per opere di progettazione.

Insomma, i buoni propositi sembrano esserci tutti (per il ritorno economico, non perché a qualcuno sta a cuore il digital divide, sia chiaro) ma non dobbiamo mai dimenticare che ci troviamo nella terra delle incompiute e degli annunci ad effetto seguiti dal nulla.

Dobbiamo quindi sperare che questa sia davvero la volta buona per procedere ai fatti e non rimanere, come al solito, fanalino di coda nel mondo occidentale. Voi ci sperate?
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Windows 7, chiave OEM in black list e versione E non disponibile

Windows 7, chiave OEM in black list e versione E non disponibile

Salve cari lettori di Geekissimo, oggi volevo segnalarvi una news per coloro che avessero installato Windows 7 RTM e lo avessero convalidato tramite la crack reperibile in rete per l’attivazione […]

Cloud Computing: ci si può davvero fidare? Gli USA s’interrogano

Cloud Computing: ci si può davvero fidare? Gli USA s’interrogano

Tutti dicono che il futuro del mondo informatico si chiama cloud computing, ma c’è davvero da fidarsi di una tipologia di servizi che non permette ad aziende ed utenti di […]

“Dal prossimo anno pagelle solo online”. Ci sembra un po’ azzardato… e tra l’altro in Italia già si fa

“Dal prossimo anno pagelle solo online”. Ci sembra un po’ azzardato… e tra l’altro in Italia già si fa

Sta facendo molto parlare di sé, in questi ultimi giorni, l’annuncio del neo-ministro della Funziona pubblica, Renato Brunetta, secondo cui entro un anno, un anno e mezzo anche le pagelle […]

Giornalismo che cambia: il sito del New York Times diventa gratuito

Giornalismo che cambia: il sito del New York Times diventa gratuito

“Non so davvero se stamperemo ancora il Times tra cinque anni, e, se vuole proprio saperlo, non me ne importa. Internet è un posto meraviglioso e noi lì siamo leader. […]

Guadagnare online con le statistiche Pay Per Stats! Fanstastico, 1 euro ogni 1000 visite!

Guadagnare online con le statistiche Pay Per Stats! Fanstastico, 1 euro ogni 1000 visite!

Se avete un blog o un sito non perdete tempo e andate a registrarvi subito su Pay Per Stats, un nuovo sito italiano che offre statistiche rivoluzionarie! Si sono proprio […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1m1ko

    no. non ci spero nemmeno.

    11 Giu 2009, 10:04 am Rispondi|Quota
  • #2@nonimo

    Non è la prima volta che lo Stato fa di queste promesse…

    Io mi sono abituato a vivere in Italia, qui è tutto così!

    11 Giu 2009, 11:03 am Rispondi|Quota
  • #3Energia

    Propaganda, nulla di più.

    11 Giu 2009, 11:22 am Rispondi|Quota
  • #4dark0

    l’unica cosa che farà il governo è CENSURARCI! per poter far lavorare meglio la mafia!.
    farà solo quello.

    11 Giu 2009, 12:16 pm Rispondi|Quota
  • #5Red

    Se vado a 2 mega a finire ke mi faccio frate >_>”

    11 Giu 2009, 12:34 pm Rispondi|Quota
  • #6Matthew

    “sganciare” 763,85 milioni per le opere civili, 617,66 milioni per la fornitura di software ed hardware” … peccato che sono sempre soldi nostri… e nonostante questo continuiamo a pagare un canone mensile alla telecom per infrastrutture che ci appartengono di diritto… E’ sempre il solito circolo vizioso!

    11 Giu 2009, 2:02 pm Rispondi|Quota
  • #7Doozer

    NO, non ci crederò mai.

    11 Giu 2009, 2:07 pm Rispondi|Quota
  • #8Doozer

    NO, non ci crederò mai….Almeno fino a che al governo ci sarà certa gente

    11 Giu 2009, 2:08 pm Rispondi|Quota
  • #9Edoardo

    se nn sbaglio daranno anche caffé messicano di prima scelta gratis agli universitari e un HTC ad ogni maturando. Crisi? e de che … 😛

    11 Giu 2009, 2:10 pm Rispondi|Quota
  • #10danymally

    ormai ho perso le speranze sull’qabbattimento del digital divide in tutta italia… io a casa mia ho una bella adsl da 8 mega e va da dio… ad agrigento da mia nonna in paese hanno la 2 mega e va mooolto più lenta, e un pò fuori dal paese il telefono c’è per forza!

    11 Giu 2009, 2:53 pm Rispondi|Quota
  • #11forniture alberghiere

    Se quei 2 mbit sono necessari per usare la future tv digitale penso che lo faranno o perderanno audience e potere di controllo, si era parlato anche di 10 miliardi in futuro per aumentare la banda, vedremo..
    Ma intant oquesti 2 miliardi di aumento di pil quando si prevede arriveranno? dopo 6 mesi, 6 anni o quando?

    11 Giu 2009, 3:39 pm Rispondi|Quota
  • #12edimo

    forniture alberghiere dice:

    Se quei 2 mbit sono necessari per usare la future tv digitale penso che lo faranno o perderanno audience e potere di controllo, si era parlato anche di 10 miliardi in futuro per aumentare la banda, vedremo..
    Ma intant oquesti 2 miliardi di aumento di pil quando si prevede arriveranno? dopo 6 mesi, 6 anni o quando?

    concordissimooooooooo!!!!

    11 Giu 2009, 3:56 pm Rispondi|Quota
  • #13Andrea Guida (Naqern)

    @ forniture alberghiere: e chi lo sa. Spero solo non sia nel giro di una notte e nelle tasche sbagliate!

    11 Giu 2009, 5:43 pm Rispondi|Quota
  • #14Riccardo Messina

    Bé, non ci resta che sperare in un futuro migliore e ad un governo migliore, più attento alle esigenze di noi tutti e non solo all’economia, seppur molto importante.

    Se il governo era un altro ci avrei messo la mano sul fuoco… Anzi, no, le mani!

    11 Giu 2009, 5:58 pm Rispondi|Quota
  • #15Vinz

    Fin quando c’è qualcuuno al governo, in Italia c’è poco di cui essere felici. Non che con gli altri cambi molto. Penso che al potere ci dovrebbero andare i giovani, ma non come intende Silvio, nel senso che i giovani si fanno vedere e che lui comanda, ma nel senso che il presidente del consiglio dovrebbe avere 20-30 anni in meno, e i ministri siano davvero competenti per quanto riguarda il loro ruolo. Ho capito… sto sognando.

    11 Giu 2009, 7:18 pm Rispondi|Quota
  • #16matrisch

    Vinz dice:

    ortato dalla Reuters, infatti, il governo starebbe stanziando una cifra di oltre 1.400 miliardi di euro (con almeno 210 milioni da parte dei privati) per “Can

    GIUSTO!!

    11 Giu 2009, 7:50 pm Rispondi|Quota
  • #17Andrea Guida (Naqern)

    @ Riccardo Messina: beh, allora sei un inguaribile ottimista! 😀

    ciao… e speriamo bene! 😉

    11 Giu 2009, 9:13 pm Rispondi|Quota
  • #18SteveMaster!

    io comunque non mi lamenterei tanto…xkè in Italia sanno fare solo quello…voi siete già fortunati e dovete ritenervi tali..xkè qua in Venezuela vi assicuro che è peggio…altro che terzo mondo…qua c’è una dittatura e nessuno fa niente…il governo distrugge tutto quello che prende e qua il futuro non è garantito…

    QUINDI SMETTETELA! godetevi questo governo finchè potete..xkè se le cose dovessero cambiare saranno guai per l’Italia. rifletteteci pure.

    saluto, Stefano

    P.S. W Silvio! Tremonti e Brunetta

    11 Giu 2009, 9:42 pm Rispondi|Quota
  • #19flux

    certo che lo farà ovvio… è una questione troppo importante, ne va della ricchezza di tutti, politici compresi… non credo che lo facciano per noi, ma che lo facciano per loro… alla fine si farà

    11 Giu 2009, 10:38 pm Rispondi|Quota
  • #20Andrea Guida (Naqern)

    @ flux: infatti, l’ho scritto anche nel post… speriamo bene!

    ciao 😉

    12 Giu 2009, 5:48 am Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Adsl: Brunetta, banda larga per tutti | Finanza Live