Geekissimo

Decreto Romani, indietro tutta

 
Andrea Guida (@naqern)
8 Febbraio 2010
9 commenti

Il pericolo è scampato, la figuraccia internazionale no. Con oltre trenta richieste di modifica, di cui il Governo si è fatto carico, il Parlamento italiano ha espresso parere favorevole sul decreto Romani, quello che voleva equiparare YouTube alle emittenti televisive. Ma le parti riguardanti il Web sono state quasi tutte rimosse.

In un documento di dieci pagine redatto da PDL e Lega, che stabilisce le condizioni a cui il decreto Romani verrà approvato, è infatti possibile scorgere la frase “blog, giornali on line, motori di ricerca restano liberi e la responsabilità editoriale non ricade sui provider che ospitano contenuti altrui”, che di fatto mette la parola fine sulla questione YouTube e censura.

Secondo le nuove disposizioni, dovranno invece registrarsi all’AGCOM (quindi non più al Ministero) e rispettare leggi simili a quelle delle emittenti TV i servizi di video on demand con liste di contenuti che vengono sfruttati commercialmente (es. quelli offerti da Alice di Telecom Italia).


Insomma, siamo al cospetto di una nuova marcia indietro resasi necessaria solo a causa dell’incompetenza del reparto geriatrico che, per nostra disgrazia, da una parte politica all’altra, poggia quotidianamente le terga sugli scranni delle sedi istituzionali italiane.

A quanto pare, chiedere che una legge riguardante un argomento delicato come il Web (che, detto tra noi, andrebbe trattato solo a livello internazionale e non nazionale) venga redatta da qualcuno con meno di sessant’anni sul groppone è chiedere troppo. Ma non dobbiamo rassegnarci.

Per ora il Web italiano è salvo. Teniamo duro il più possibile e prepariamoci alla prossima proposta di mostruosità legislativa con conseguente marcia indietro: il decreto che equipara i router Wi-Fi ai ripetitori radio-televisivi incombe!

[Via | La Stampa] [Photo Credits | jonsson su Flickr]
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
AGCOM e censura Internet: tutti i dettagli sulle norme approvate

AGCOM e censura Internet: tutti i dettagli sulle norme approvate

Con il solo voto contrario di Nicola D’Angelo e l’astensione di Michele Lauria, l’AGCOM ha approvato all’unanimità le nuove norme in materia di copyright e siti Web. Come accennato ieri, […]

AGCOM, decisione rimandata sulla censura del Web [aggiornato]

AGCOM, decisione rimandata sulla censura del Web [aggiornato]

Oggi è il 6 luglio 2011, la giornata in cui l’AGCOM (l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) avrebbe dovuto approvare e rendere operativa la delibera che l’avrebbe autorizzata ad oscurare […]

6 luglio 2011, la Rete in rivolta contro l’AGCOM che vuole oscurare i siti che violano il copyright

6 luglio 2011, la Rete in rivolta contro l’AGCOM che vuole oscurare i siti che violano il copyright

Soprattutto quando si parla di Internet, le istituzioni e le autorità di questo Paese non mancano mai di fare delle figure barbine al cospetto della platea internazionale. Scampata la figuraccia […]

Berlusconi vuole censurare Internet per favorire Mediaset, parla Wikileaks (aggiornato)

Berlusconi vuole censurare Internet per favorire Mediaset, parla Wikileaks (aggiornato)

Berlusconi vuole la regolamentazione di Internet, lo sostenevamo noi in uno dei post più commentati nella storia di Geekissimo, lo sosteneva – a quanto pare – anche l’ambasciatore USA a […]

Decreto Romani: censura sì, censura no, se famo du’ spaghi?

Decreto Romani: censura sì, censura no, se famo du’ spaghi?

Le dirette streaming sono uguali alle dirette televisive, pertanto devono sottostare alle stesse regole, anche se chi le allestisce non è ancora entrato nell’età della pubertà o guadagna in vent’anni […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Luca

    Temo che non sia solo questione di non capire di cosa stanno parlando, il problema è che Internet è libero, chiunque può esprimere la sua opinione e non c'è modo di fermarlo, così come si fa con la tv tradizionale, silurando chi è scomodo. E quindi, non potendo sottomettere, cercano di eliminare. A quando la proposta di una nuova internet privata italo-cinese?

    8 Feb 2010, 9:35 am Rispondi|Quota
  • #2dennyx1

    Ignoranti peggio delle capre. Ma almeno sapevano cos' è YouTube?? Ho dei seri dubbi.

    8 Feb 2010, 11:00 am Rispondi|Quota
  • #3Stefano

    Bene! E ora di filata a votare i soliti noti!!!

    8 Feb 2010, 11:17 am Rispondi|Quota
  • #4Silver D

    C'è tanta disinformazione qui in Italia sul mondo dell'informatica per non parlare poi di Internet. Facessero qualcosa di più utile anzichè varare proposte su leggi semi-proibizionistiche su Internet, leggi che verranno scartate noin prima di avere fatto una magra figura.

    Miei cari conservatori che state in governo, siamo nel 2010, capisco vogliate fare leggi su internet per prevenire abusi, ma abbiate almeno l'accortezza di fare cose sensate 🙂

    8 Feb 2010, 1:31 pm Rispondi|Quota
  • #5Guep

    La politica italiana è moooolto lontana dal nuovo modo di comunicare, non è retorica, è la realtà. Se ci mettiamo poi che l'italia non è granchè informatizzata…

    8 Feb 2010, 12:39 pm Rispondi|Quota
  • #6Lorenzo

    "il decreto che equipara i router Wi-Fi ai ripetitori radio-televisivi incombe!" ahahahahah lol=)

    8 Feb 2010, 1:03 pm Rispondi|Quota
  • #7gianji

    in italia si potrebbero attivare servizi come Hulu che permette di vedere trasmissioni televisive online anche in diretta.. affiancate da pubblicità dinamiche e mirate. avrebbero possibilità di fare repliche infinite di programmi tv e continuare a guadagnarci senza fare nulla.. invece puntano al nucleare che finirà tra 50anni, al ponte sullo stretto e al digitale terrestre…

    ma mettere come ministro delle innovazioni, telecomunicazioni ecc.. (ora sono sotto altri ministeri) in mano a due avvocati (scajola e brunetta) over 50 fa ridere… non sanno nemmeno cos'è l'Adsl.

    se fossi nelle iene, oltre a fare le domande sulla costituzione (si sa che non la conoscono visto che sono 20 anni che ci governano malissimo) gli farei provare ad accendere un computer o a inviare una email…

    8 Feb 2010, 7:17 pm Rispondi|Quota
  • #8Luca

    per fortuna il Web è ancora (quasi) libero…. ma con il governo che ci ritroviamo non ci vorrà molto prima che arrivi qualche altra proposta di legge astrusa quanto questa.

    8 Feb 2010, 9:41 pm Rispondi|Quota
  • #9Mymma

    Il web è libero?!?!? AHAHHAHA
    Ho un semplice blog e sono indagata perchè non sono iscritto all'albo dei giornalisti.
    CERCSI DISPERATAMENTE UN BRAVO LEGALE!!
    domenica.trif[email protected]

    8 Feb 2010, 10:47 pm Rispondi|Quota