Geekissimo

50 posti in cui si usa Linux e noi non lo sappiamo

 
Andrea Guida (@naqern)
26 Marzo 2010
18 commenti

Secondo gli ultimi dati di NetMarketShare, Linux è utilizzato da circa l’1% dell’utenza mondiale. Un numero piccolo, non c’è dubbio. Ma che ci crediate o no, di questo 1% fanno parte importantissime aziende, organizzazioni ed enti pubblici, spesso insospettabili, che hanno deciso di abbandonare Windows in favore del sistema del pinguino.

Non ci credete? E allora date un’occhiata alla curiosa lista pubblicata dal sito Internet Focus in cui sono elencati 50 posti in cui si usa Linux e noi non lo sappiamo. Qui sotto ne trovate uno stralcio contenente le voci più interessanti. Leggete e poi ci dite se siete rimasti sorpresi o meno.
  • Novell: l’arcinota azienda americana fornitrice di software e servizi ha annunciato nel lontano 2006 l’adozione di Linux al posto di Windows sui computer desktop dei dipendenti. Ad aprile 2009 erano già più di 5.000 i dipendenti Novell passati al sistema del pinguino.
  • Google: il colosso di Mountain View utilizza Linux sui suoi server. E a giudicare dai risultati ottenuti la scelta è stata lungimirante!
  • IBM: altro colosso del mondo informatico, altro gruppo che usa l’OS del pinguino sia sui server che sui computer desktop dei dipendenti.
  • Panasonic: dopo aver abbandonato Windows NT, che non si sposava bene con le esigenze dell’azienda (soprattutto per il mancato supporto a un sistema di voicemail, pare) il gigante dell’elettronica di consumo nipponico ha deciso di fare il grande salto e si è buttato sull’open source.

  • Virgin: una delle più importanti compagnie di volo low-cost degli USA utilizza Linux per gestire il sistema di intrattenimento (denominato RED) dei suoi aerei.
  • Cisco Systems: dopo essersi stancata di Microsoft Active Directory, anche quella che – leggendo testualmente da Wikipedia – è una delle aziende leader nella fornitura di apparati di networking è passata nel “magico 1%” di utilizzatori del sistema del pinguino.
  • Amazon: lo store digitale più importante del mondo utilizza Linux dal 2000 per… tutto.
  • Peugeot: la casa automobilistica francese nel 2007 ha annunciato l’utilizzo di 20.000 copie di Linux (Novell) per i computer desktop e di 2.500 copie di SuSe Linux Enterprise Server.
  • Wikipedia: dopo essere passata per Red Hat e Fedora, nel 2008 Wikimedia (la fondazione che sta dietro Wikipedia) ha adottato Ubuntu su tutte le sue macchine.
  • Borsa di New York: incredibile ma vero, il tempio del capitalismo americano dal 2008 utilizza Red Hat Enterprise.
  • Toyota: anche quest’altra importantissima casa automobilistica usa Linux per connettere le concessionarie con le fabbriche.
  • CERN: l’Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare di Ginevra (quella che secondo qualche genio della carta stampata avrebbe dovuto far inghiottire la Terra da un buco nero non più tardi di un anno fa) utilizza l’OS di Tux in molti dei suoi marchingegni… e non sono i forni a microonde.
  • Internet Archive (archive.org): molti dei server su cui è basata questa popolarissima macchina del tempo di Internet, che permette di visualizzare i siti Web com’erano una volta, sono basati su Linux.
  • Dipartimento di Difesa USA: quella presso il dipartimento di difesa a stelle e strisce è stata definita da Linux.com come l’installazione base di Red Hat Linux più ampia della storia. Mica male?
  • Città di Monaco: l’amministrazione dell’elegante cittadina tedesca, nel 2005 ha deciso di migrare 14.000 computer desktop da Windows a Linux (Debian).
  • Spagna: il governo spagnolo è uno dei maggiori supporter dei sistemi open source in Europa. Dal 2002 nel Paese della corrida (e della Barriales, che non è male) viene utilizzata una versione modificata di Debian denominata LinEx in molti uffici amministrativi, giornali ed aziende.
  • Parlamento francese: il Parlamento transalpino è passato da Windows a Ubuntu nel 2006.
  • Industrial and Commercial Bank of China: oltre 20.000 filiali di una delle banche più importanti della Cina (di proprietà dello Stato, ovviamente) usano Linux.
  • Cuba: qui si usa la distro personalizzata Nova Linux, ne abbiamo parlato abbondantemente in questo vecchio post.
  • Bolzano: anche in Italia delle amministrazioni hanno pensato di passare al sistemone a sorgente aperto. È il caso di Bolzano, che dal 2005 vede tutte le sue scuole (almeno quelle pubbliche) equipaggiate con una distro personalizzata di Linux.
Allora, sorpresi da questa “strana” diffusione del sistema del pinguino?

[Photo Credits | Extra Ketchup su Flickr]
Categorie: Curiosità, Linux
Tags: cultura geek,  Fedora,  red hat, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Linux raggiunge l’88.6% di diffusione… nel mercato dei supercomputer

Linux raggiunge l’88.6% di diffusione… nel mercato dei supercomputer

Probabilmente nemmeno i sogni più audaci di Linus Torvalds avrebbero contemplato qualcosa del genere, ma Linux ha raggiunto una fetta di mercato dell’88.6%. Ok, è vero, ci riferiamo solo alla […]

Cultura Geek: Jugene, viaggio al centro del supercomputer europeo

Cultura Geek: Jugene, viaggio al centro del supercomputer europeo

Assicurare all’Europa un accesso indipendente a tecnologie chiave per il ventunesimo secolo, studiare i cambiamenti climatici, le proteine e le cellule, dar vita a nuovi semiconduttori e scoprire come possono […]

Ecco i primi test su Ubuntu 8.10 e Fedora Core 10!

Ecco i primi test su Ubuntu 8.10 e Fedora Core 10!

Come tutti sappiamo, ogni 6 mesi, è rilasciata una nuova versione una delle molte distro linux disponibili in rete. Recentemente è stata rilasciata la nuova versione di Ubuntu e di […]

Fedora, riaperti i repository per effettuare gli update di Fedora 8 e 9

Fedora, riaperti i repository per effettuare gli update di Fedora 8 e 9

Ieri sono stati riaperti i repository con tutti gli update di Fedora. Probabilmente non tutti gli utenti della distribuzione si sono accorti che, dal 14 agosto, data in cui i […]

Rilasciata la prima beta di Open Office 3.0

Rilasciata la prima beta di Open Office 3.0

Come tutti sappiamo, Open Office, è un ottima alternativa gratuita e, soprattutto, open source al noto software di casa Microdoft: Office; sviluppato in XML. Oggi, esso è giunto alla prima […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1pincopallino89

    certo che mettere Novell fra le aziende che usano Linux mi sembra stupido… è come mettere Canonical in questa lista !! cioè… Novel produce un OS con Linux e mi sembra logico che utilizzi quello… e come dire che alla Microsoft tutti usano Windows sul pc !!

    26 Mar 2010, 9:51 am Rispondi|Quota
    • #2Christian Micocci

      Sicuro che la Microsoft utilizzi Windows?

      Secondo me lo stesso Bill Gates usa Linux, o addirittura… MAC! xD

      26 Mar 2010, 3:40 pm Rispondi|Quota
  • #3Pippo

    Interessante questa lista, anche se "strano" lo sostituirei con "logico" data la superiore affidabilità di quel'os.

    26 Mar 2010, 10:06 am Rispondi|Quota
  • #4Claudio_BZ

    Se nelle scuole è stato installato Linux, a Bolzano in tutta l'amministrazione provinciale (30.000 posti lavori) non sono state rinnovate le licenze di Microsoft Office ed è stata installata la suite OpenOffice, il tutto con un bel risparmio e gli stessi risultati. Per il S.O. è stato più difficile e si è deciso ancora di tenere Windows in quanto la formazione su Linux a tutto il personale costa ancora troppo.

    26 Mar 2010, 11:07 am Rispondi|Quota
  • #5Igni97

    Google lo sapevo, ma la Borsa di New York proprio non me la aspettavo!

    26 Mar 2010, 11:33 am Rispondi|Quota
  • #6pepo

    scusate ma la nasa dove la mettiamo? (eh si, linux powered…)

    26 Mar 2010, 1:43 pm Rispondi|Quota
  • #7mirkojax

    Mah, secondo me inserire google e ibm solo perche' usano linux sui server non vale..

    I server che usano linux sono la norma.. e penso che in questo settore linux e' largamente usato, altro che 1%

    Personalmente ho sempre un sacco di problemi con php perche' l'hosting che ho uso un server windows 😐

    26 Mar 2010, 12:55 pm Rispondi|Quota
  • #8Alien

    Si, mettere novell è assurdo, loro sono i "produttori" di suse, desktop e server… è come se mettavate red hat xD

    Comunque ora sono in UK e vedo che è molto più diffuso linux qua. Difatti mi sono trovato subito a mio agio!

    26 Mar 2010, 2:09 pm Rispondi|Quota
  • #9Max121

    Infatti è risaputo che in ambito server linux regna, il problema è in ambito Desktop!

    26 Mar 2010, 2:14 pm Rispondi|Quota
  • #10Alex

    Strana? Perché strana?
    In particolare non mi è piaciuto il commento alla Borsa di New York. Sembra che vogliate sottintendere che Linux è anti-capitalistico, cosa che non è per niente (e RH Enterprise costa i suoi bei soldini).

    Per quanto riguarda gli altri… Novell produce una distribuzione (SuSE), Google fa Android (oltre a usare Linux in tutti i server), IBM ha fatto anche pubblicità in TV per Linux, Amazon e Wikipedia l'hanno sempre detto che usano Linux, ecc.

    Non mi sembrano particolarmente eclatanti come notizie. 🙂

    Bye.

    26 Mar 2010, 2:46 pm Rispondi|Quota
  • #11Don Tommaso Scicchitano

    ti se dimenticato il Vaticano, o meglio tutto il serve con cui si gestisce vatican.va è linux
    http://www.podtech.net/scobleshow/technology/1363
    grazie

    26 Mar 2010, 5:06 pm Rispondi|Quota
  • #12John

    Un dubbio che ho sempre avuto: come è possibile che un sistema con sorgenti aperti quale Linux possa essere più sicuro di un sistema con sorgenti non aperti come Windows?
    Un primo metodo di sicurezza è quello di proteggere i propri dati e sorgenti con la segretezza (come fanno i sistemi militari).
    Che ne pensate?

    26 Mar 2010, 4:19 pm Rispondi|Quota
    • #13ott0disk

      è possibile,anzi è logico,perchè quando si parla di amministrazioni pubbliche grandi aziende ecc. che puntano molto sulla sicurezza e sull affidabilità,chi progetta la loro rete di pc si fa carico anche di garantirne la sicurezza,mi spiego,se tu installi win vista in un azienda automaticamente ti stai fidando delle misure di sicurezza di quel SO,che non sono il max detto tra noi,mentre se installi un server linux,un amministratore molto esperto puo arrivare a modificare il codice sorgente e ottimizzarlo per i pc della tua azienda,per esempio togliendo tutte le funzioni non necessarie ecc.

      27 Mar 2010, 11:34 am Rispondi|Quota
  • #14PDM ( k3asd )

    Il sistema utilizzato non è Linux ma Gnu/Linux. Linux nella fattispecie si riferisce al kernel, che, benchè importante, non costituisce l'intero sistema. Questa nomenclatura è fondamentale.

    26 Mar 2010, 11:07 pm Rispondi|Quota
  • #15Silver D

    Se si utilizzasse anche qui in italia nelle amministrazioni pubbliche linux sai quanti soldi si rispamierebbe….

    27 Mar 2010, 10:16 am Rispondi|Quota
  • #16Alex

    @John
    Quella che citi è la Security through Obscurity (trovi infiniti riferimenti in rete) e si contrappone al Security by Design.

    Ti basti pensare che il sistema crittografico più sicuro (eccetto le backdoor imposte dalla NSA americana) è PGP (e il suo collega GPG) che si basano su algoritmi e codici completamente pubblici, analizzati, commentati e insegnati in qualsiasi università.

    Un software chiuso è vero che non fa vedere i suoi difetti (e quindi implica l'ammissione di averne 😉 ) ma appena qualcuno li scopre, molto probabilmente li userà per trarne vantaggio.
    Dall'altra parte, in una comunità come quella open source, chi trova un difetto e lo segnala (e magari lo corregge) diventa una specie di "eroe", quindi tutti sono incoraggiati a rendere pubbliche le loro scoperte. Inoltre molti occhi sono meglio di due.

    Bye.

    27 Mar 2010, 10:51 am Rispondi|Quota
  • #17gabbro82

    salve,
    sono un bolzanino che lavora nella scuola e purtroppo devo confermare quanto detto: nelle scuole pubbliche viaggia a pieno regime una distro linux: ubuntu modificata apposta per le scuole: foot
    dico purtroppo perchè come operatore del sostegno nelle scuole il sistema, la distro, va benissimo, è perfetta in ogni suo punto e sopratutto ha un sacco di risorse gratuite e subito installabili e non ultimo fa risparmiare un sacco di soldi all'amministrazione
    ma c'è un però: moltissimi programmi, praticamente la totalità, che si utilizzavano in ambiente windows, sopratutto quelli d'ausilio o quelli educativi, in questo momento sono inutilizzabili, fermi dentro negli armadi
    e questo è un vero peccato perchè negli anni passati, sopratutto le sezioni di stegno delle varie scuole hanno fatto spendere molti euri per questi programi e ora per risparmiare altri euri questi programmi sono inutilizzabili
    non do di certo la colpa a linux o alle sue distro e men che meno all'amministrazione provinciale che giustamente doveva fare i suoi conti, dico solo che case produttrici di software rinomate e conosciute non si sono ancora adeguate e davvero non ne capisco il motivo
    sono a conoscenza che si possono usare degli emulatori come wine o virtual machine, ma vi assicuro che la maggior parte delle volte o non funzionano come devono o non vanno proprio
    quindi davvero evviva linux e le sue distro ma abasso a chi noin si è ancora adeguato….

    2 Apr 2010, 11:35 am Rispondi|Quota
  • #18Mattia Migliorini

    Google non utilizza Linux solo sui server, ma anche sui computer desktop dei dipendenti. In particolare, utilizza una versione modificata di Ubuntu, chiamata Goobuntu, dalla quale nel tempo Shuttleworth ha preso qualche novitá per modellare Ubuntu e renderla la grande distro che è ora.

    A conferma di questo vi è una foto scattata alla sede di Google di Zurigo, nella quale è possibile notare la detta distribuzione sullo schermo di una dipendente:
    https://www.officesnapshots.com/wp-content/uploads/2012/02/207_F4_office.jpg

    La foto è ta pubblicata, insieme a molte altre che vale la pena vedere, su Office Snapshots:
    http://www.officesnapshots.com/2012/02/17/awesome-previously-unpublished-photos-of-google-zurich/

    17 Mar 2012, 7:06 am Rispondi|Quota