Geekissimo

Recensione Duracell myGrid, il caricatore per cellulari e lettori MP3 senza fili

 
Andrea Guida (@naqern)
10 Settembre 2010
3 commenti

Da circa un paio di giorni, sto avendo modo di testare il nuovo Duracell myGrid. Per chi non ne avesse mai sentito parlare, myGrid è una “piastra” leggera e sottile (misura 20×15 cm per 113 g di peso) che permette di ricaricare cellulari e player MP3 senza fili, semplicemente applicando loro dei piccoli adattatori (o ponendoli in appositi case speciali) e appoggiandoli sulla superficie del caricatore, che a sua volta va collegato a una normale presa di corrente.

Il nuovo caricatore di Duracell permette di alimentare fino a quattro dispositivi contemporaneamente ed è estremamente sicuro: funzionando a induzione conduzione elettromagnetica (con basso voltaggio di elettricità), la piastra può essere toccata anche in fase di ricarica senza pericolo di prendere la scossa e se ci cade sopra dell’acqua non si rischia il corto circuito. Ci si può lasciare il proprio telefono appoggiato sopra per quanto si vuole, visto che al termine della ricarica la induzione conduzione di energia viene fermata automaticamente, e non c’è rischio di danneggiare dispositivi non compatibili appoggiati -per prova o per errore – sulla superficie del caricatore.

LA CONFEZIONE – nella confezione che ho ricevuto io, ho trovato: la piastra Duracell myGrid (sarebbe stato grottesco il contrario) con relativo adattatore CA per collegarlo alla presa della corrente; 4 Power Sleeve – ossia le custodie speciali a cui facevamo riferimento prima – disegnati su misura per Apple iPhone (3G e 3GS, ma non ci dovrebbero essere problemi con il 4), Apple iPod Touch (non i nuovi), BlackBerry Curve e BlackBerry Pearl; 5 Power Clip – ossia dei piccoli adattatori Mini-USB/Micro-USB/con connettore a punta che si collegano ai cellulari e a una specie di “spilla” adesiva che va messa dietro ai dispositivi prima di appoggiarli sulla piastra – e la “spilla” a cui abbiamo appena accennato.


La confezione di vendita di Duracell myGrid, tuttavia, non è come quella che mi è stata recapitata a casa. I Power Sleeve e i Power Clip vengono, infatti, commercializzati separatamente e non insieme alla piastra: ognuno deve acquistare quello compatibile con il suo cellulare/lettore MP3.

COME FUNZIONA – come detto a inizio post, il myGrid è molto facile da usare. Per i cellulari per cui è disponibile una custodia Power Sleeve, basta mettere il dispositivo nel “guscio” e appoggiarlo alla piastra. Per tutti gli altri (Nokia, Motorola e altri), bisogna invece attaccare il Power Clip adatto alla presa di alimentazione del telefono, collegare quest’ultimo alla famosa “spilla” di cui sopra e appoggiare il tutto sul myGrid.

I Power Sleeve sono davvero molto comodi e teoricamente si potrebbero anche tenere costantemente applicati al proprio telefono (anche se a livello di estetica e comodità non sono il massimo), mentre la procedura con i Power Clip è decisamente più meccanica ma comunque accettabile quando si hanno più dispositivi da ricaricare in contemporanea. Se volete scoprire se il vostro smartphone è compatibile con Duracell myGrid, date pure un’occhiata a questa lista. Il mio vecchio Samsung E2510, ad esempio, non lo è.

CONCLUSIONI – non c’è che dire, il Duracell myGrid fa tutto quello che promette, e lo fa anche bene. Quando si è in viaggio, elimina il fastidio di doversi portare dietro centinaia di caricatori e adattatori; entrare in stanza, appoggiare l’iPhone sulla piastra e vederlo ricaricare senza dover muovere un dito è uno dei piccoli piaceri della vita. Ma se devo essere sincero, per chi non ha più di uno smartphone e ha la possibilità di ricaricarlo a casa, secondo me il caro vecchio filo rimane sempre la prima scelta, sia per tempo (il myGrid a causa del basso voltaggio carica meno velocemente della presa elettrica) che per comodità.

Ciò detto, trovate tutte le informazioni su myGrid sul sito ufficiale di Duracell. Il prezzo di vendita al pubblico del dispositivo dovrebbe aggirarsi sugli 80 euro, quello degli accessori sui 30. Ed ora ecco un bel video del caricatore in azione: guardatelo e diteci cosa ne pensate.

Categorie: Recensioni
Tags: duracell,  Duracell myGrid, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Expo2015, Israele e il suo padiglione altamente tecnologico

Expo2015, Israele e il suo padiglione altamente tecnologico

La data del 1 maggio 2015 è sempre più vicina, manca circa un’anno all’appuntamento più importante per l’Italia, l’Expo2015. L’argomento proposto per questa edizione è  Nutrire il pianeta, energia per […]

Stonex STX-Ultra – La Recensione

Stonex STX-Ultra – La Recensione

In questi giorni abbiamo avuto il piacere di provare il top di gamma della casa italiana Stonex. STX-Ultra si presenta con una scatola molto ricca. Oltre alla classica manualistica, troviamo […]

Caricatore USB portatile 1800mAh Duracell

Caricatore USB portatile 1800mAh Duracell

In queste ore, abbiamo avuto il piacere di provare il nuovo pacchetto Duracell Power On, il quale comprende il “Caricatore USB Portatile 1800mAh” di Duracell. Il caricatore USB di Duracell […]

Risolvere gli errori di Msn-Messenger con Msn E-Fix

Risolvere gli errori di Msn-Messenger con Msn E-Fix

Msn Messenger mantiene saldamente la leadership nel settore dei client di instant messaging, ma tuttavia molti utenti lamentano che il software sia troppo spesso affetto dai più svariati problemi problemi. […]

Come creare un sito web di archivio video simile a YouTube

Come creare un sito web di archivio video simile a YouTube

Tutti oramai conoscono, chi più e chi meno, YouTube, noi ne abbiamo già parlato in abbondanza spiegandovi anche come scaricare video da YouTube, ma vi siete mai chiesti a cosa […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1arpet

    visto il numero limitato di marche supportate (come indicato sul sito), il costo, il numero di spille da poter perdere, le dimensioni delle power clip o delle power sleeve….penso sia uno strumento interessante, ma ancora non in grado di giustificare l'abbandono dei classici caricabatterie.

    10 Set 2010, 12:14 pm Rispondi|Quota
  • #2Giamba

    semplicemente superfluo:
    – l'adattatore è un ennesimo aggeggio da togliere e mettere che rischia di rompersi o perdersi
    – la ricarica lenta lo rende poco competitivo nei confronti del caricatore tradizionale
    – se la carica è a bassa tensione ci si può scordare di ricaricare mentre si parla
    – in viaggio il peso e l'ingombro non lo rendono migliore del caricatore tradizionale

    certo che se poi lo vediamo nell'ottica modaiola allora è un gran bel gadget, ma solo questo. è come vantarsi di avere il suv da 5 metri mentre cerchi parcheggio in centro.

    10 Set 2010, 11:49 pm Rispondi|Quota
  • #3Matteo Civera

    Molto interessante però non lo trovo così pratico.
    Probabilmente diventerà molto più appetibile quando integreranno direttamente nei telefoni la Power Sleeve.

    13 Set 2010, 9:20 am Rispondi|Quota