Geekissimo

Wikileaks: governo cinese dietro attacchi hacker a Google

 
Andrea Guida (@naqern)
29 Novembre 2010
4 commenti

Oltre a sputtanare i leader politici di mezzo mondo, i rapporti segreti pubblicati ieri da Wikileaks hanno messo in luce le opinioni delle autorità americane sugli attacchi hacker ricevuti da Google in Cina.

Secondo quanto riportato dal sito di Julian Assange, alcuni contatti dell’ambasciata americana a Pechino avrebbero affermato che “L’hackeraggio di Google è stato parte di una campagna per il sabotaggio dei computer organizzata da funzionari, esperti di sicurezza e criminali informatici reclutati dal governo cinese”.

Con queste parole si confermerebbe, dunque, la responsabilità del regime di Hu Jintao nelle intrusioni che hanno preso di mira non solo gli account Gmail di alcuni dissidenti, ma anche i sistemi informatici di diverse aziende americane, il Dalai Lama e molti alleati degli USA. Sin dal 2002, pare.


In seguito ai suddetti attacchi, Google ha imbastito una serie di rapporti piuttosto altalenanti con le autorità di Pechino, fino ad arrivare al rifiuto della censura imposta dal regime comunista e al redirect di Google.cn su Google Hong Kong (dove non vigono le limitazioni presenti in Cina).

Adesso, però, bisognerà vedere se quest’annunciatissima fuga di notizie aiuterà “big G” a prendere delle decisioni più drastiche sul suo operato (es. l’abbandono della Cina) o se dalle parti di Mountain View si preferirà far finta di niente e proseguire nel fruttuoso business garantito dal Paese della Grande Muraglia.

Per il momento, nessun esponente di Google ha commentato quanto pubblicato da Wikileaks, ma qualcosa ci dice che alla fine uno dei “capoccioni” della “grande G” si esporrà e noi potremo finalmente saperne di più sul futuro dei rapporti Google-Cina.

Considerando che la pecunia non olet, noi non ci aspettiamo grossi sconquassamenti. Voi?

[Photo Credits | slettvet]
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Wikileaks, nuove rivelazioni sul caso Google-Cina

Wikileaks, nuove rivelazioni sul caso Google-Cina

Mentre continuano a rincorrersi le voci sul destino del suo fondatore, Julian Assange (che è ancora ricercato da mezzo mondo), il redivivo Wikileaks ha pubblicato nuove interessanti indiscrezioni sul caso […]

Google lascia la Cina, o quasi

Google lascia la Cina, o quasi

Le indiscrezioni trapelate la settimana scorsa si sono rivelate veritiere. Ieri Google ha mosso il primo vero passo verso l’abbandono della Cina, ma attenzione a pensare che il colosso di […]

Google ci ripensa ancora, al 99.9% via dalla Cina

Google ci ripensa ancora, al 99.9% via dalla Cina

Proprio come volevasi dimostrare, la telenovela relativa allo scontro tra Google e Governo cinese è tutt’altro che finita. E così, dopo che la situazione sembrava essersi stabilizzata, ecco ripiombare il […]

Google, adesso la Cina vuole oscurarlo e creare una Internet tutta sua

Google, adesso la Cina vuole oscurarlo e creare una Internet tutta sua

Come facilmente immaginabile, quello che è nato come uno scontro fra Google e regime cinese si è presto trasformato in braccio di ferro diplomatico fra Stati Uniti e Cina. A […]

Google VS Cina: tutta colpa di Microsoft… e dei profitti

Google VS Cina: tutta colpa di Microsoft… e dei profitti

Google ha cambiato idea, non andrà via dalla Cina. Ma si opporrà a qualsiasi forma di filtro. Microsoft, dal canto suo, si dice perplessa sull’atteggiamento di “big G” e annuncia […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1RETI

    Io eviterei di usare il verbo "sputtanare" in un sito come il vostro…

    29 Nov 2010, 12:30 pm Rispondi|Quota
    • #2Andrea Guida

      non è elegantissimo, lo so, ma a volte solo certi termini rendono bene l'idea di quello che si vuole dire.

      29 Nov 2010, 2:13 pm Rispondi|Quota
  • #3Arkimede 96

    Google comunque non abbandonerà mai completamente la Cina… sarebbe una perdita colossale!

    @RETI: concordo.

    29 Nov 2010, 4:01 pm Rispondi|Quota
  • #4RETI

    @ANDREA GUIDA:
    Se permetti un mio umile consiglio, io suggerirei:
    denunciare, accusare, colpevolizzare, incolpare, incriminare, infamare, calunniare, discriminare, denigrare, ecc…

    Dovreste capire che il vostro sito è frequentato, quindi dovreste dare grande importanza al linguaggio.

    29 Nov 2010, 7:56 pm Rispondi|Quota