Geekissimo

FBI chiude i tre principali siti americani di Poker

 
Denis Dosi
18 Aprile 2011
4 commenti

In Italia è compito della polizia postale, in America è intervenuta direttamente l’FBI nel bloccare una frode finanziaria partita direttamente dalla rete. Il 15 Aprile sono stati chiusi tre tra i principali siti di poker online statunitensi: Full Tilt Poker, Pokerstars e Absolute Poker. Provando a collegarsi ad uno dei suddetti domini, viene mostrato il banner di sequestro/chiusura dello spazio.

L’indagine, con inizio due anni fa, ha portato all’emissione di 11 mandati d’arresto. L’ipotesi è che, questi servizi online, abbiano aggirato le leggi americane (in particolare la normativa UIGEA) sulle transazioni, grazie alla compartecipazione di alcuni istituti di credito.

Tale decreto vieta alle banche di accettare transazioni da siti di gioco online registrati all’estero, verso utenti americani; inoltre, la normativa impedisce ad istituti di credito e a società bancarie online (come Paypal) di eseguire transazioni per altre aziende che offrono servizi di gioco online/d’azzardo. In seguito all’approvazione dell’UIGEA si ebbe una grandissima diminuzione di domini dedicati al poker, mentre, la maggior parte delle aziende, si trasferì all’estero dedicandosi al mercato d’oltreoceano; ad esempio, Pokerstars ha sede nell’isola di Man (Regno Unito), Full Tilt è gestito dall’isola di Alderney (Regno unito) mentre Absolute Poker ha sede in Costa Rica.

I siti in questione hanno aggirato la legge ingannando, inizialmente, alcune banche sull’origine delle transazioni eseguite; nel momento in cui Pokestars e soci hanno intuito che i propri inganni stavano per essere scoperti, hanno immediatamente chiuso i propri conti, dirottandoli verso agenzie minori, promettendo grandissimi investimenti se li avessero appoggiati nel raggiro della normativa.

Il risultato di queste operazioni è stato l’arresto dei dirigenti dei principali siti, ma soprattutto dei piccoli istituti di credito che, nel momento di crisi, avevano chiuso un occhio pur di poter “continuare a vivere“. Collegandosi ai domini attualmente sotto sequestro, i player americani hanno solamente visualizzato il banner di avviso creato direttamente dal Bureau; in seguito ad un’iniziale incredulità, vi è stata la corsa a verificare il proprio conto online, con il timore di vederlo bloccato.

Non è ancora chiaro cosa accadrà ai vari depositi dei giocatori su questi siti, dal canto suo Pokerstars assicura che tutti i player riavranno ogni singolo centesimo disponibile nell’account. Oltre che da utenti furiosi, gli amministratori dovranno difendersi, in un vero e proprio tribunale, dalle accuse di: frode Bancaria e riciclaggio di denaro. Tre dei ricercati sono già stati catturati, i restanti otto hanno le ore contate; nel frattempo, le autorità statunitensi parlando di sanzioni che potrebbero arrivare sino a 3 miliardi di dollari.

Via | ReadWriteWeb

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Le chiavette 3G e 4G possono mettere a rischio la sicurezza dell’OS

Le chiavette 3G e 4G possono mettere a rischio la sicurezza dell’OS

Nel software precaricato su quelle che sono le comunissime chiavette utilizzate a mò di modem per connettersi ad internet sono presenti numerose vulnerabilità che, a quanto pare, possono essere sfruttate […]

GMail, ora il protocollo HTTPS è attivo di default

GMail, ora il protocollo HTTPS è attivo di default

Si sa, quando si parla di Internet la sicurezza non è mai troppa, e premunirci con tutti i mezzi a nostra disposizione per evitare di incappare in situazioni alquanto spiacevoli […]

Sicurezza: protezione hardware usb

Sicurezza: protezione hardware usb

Il discorso che affronteremo oggi è incentrato sulla sicurezza. Soprattutto nel momento in cui magari non vogliamo che il nostro caro e amato computer venga utilizzato da terzi. La modifica […]

ZamZom per individuare gli intrusi connessi alla nostra rete

ZamZom per individuare gli intrusi connessi alla nostra rete

Quando si ha un router, si è più o meno intimoriti dall’idea che qualcuno (un vicino di casa o un semplice ma furbacchione passante dotato di uno smartphone) possa “attaccarsi” […]

SecurityTube: qualche video sulla sicurezza non fa mai male!

SecurityTube: qualche video sulla sicurezza non fa mai male!

Per quanto utili siano guide ed articoli vari, talvolta, specie se in campo informatico, è bene consultare anche un altro tipo di risorse, i video, per far si che quanto […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento