Geekissimo

Regole per la rete, a Londra si discute il futuro di internet

 
Martina Oliva
2 novembre 2011
0 commenti

A Londra, durante la conferenza organizzata da William Hague, si discute circa il futuro di internet cercando di costruire un'agenda per il futuro

È stata avviata ieri al Queen Elizabeth Conference Centre di Londra e terminerà oggi la conferenza internazionale dedicata al web durante la quale si è discusso e si continua a farlo tutt’ora circa quello che sarà il futuro di internet.

La conferenza è stata organizzata dal ministro degli Esteri William Hague ed oltre alla partecipazione di ben 60 paesi si sono uniti anche i maggiori innovatori del settore come nel caso di Jimmy Wales, fondatore di Wikipedia, Joanna Shields, presidente di Facebook, e Brad Johnson, vicepresidente di Cisco.

I temi caldi della conferenza sono stati la sicurezza e la libertà del web, unitamente alle grandi opportunità economiche che internet, allo stato attuale delle cose, offre e potrebbe offrire in misura maggiore.

Sostanzialmente, però, l’argomento centrale delle conferenza risulta esser stato il “No alla censura sul web” di Hague in quanto essendo internet un mondo in continua innovazione, sia da parte dei singoli che delle grandi aziende, il controllo statale, qualora applicato in maniera eccessiva, non soltanto andrebbe a risultare controproducente ma, per di più, letale relativamente allo sviluppo della grande rete, il che va a configurarsi come una chiara critica nei confronti, nello specifico, di Cina e Russia.

L’argomento è stato poi spostato sull’indiscussa pericolosità di internet e sui metodi grazie ai quali si ha la possibilità di difendersi dalle insidie della grande rete.

A detta del premier britannico David Cameron, in relazione ai numerosi e rilevanti attacchi informatici dell’ultimo anno, una possibile soluzione al problema potrebbe consistere nel ricercare un giusto equilibrio tra sicurezza e difesa dei diritti, una dichiarazione che, però, non è riuscita a convincere i suoi critici.

Nel corso della conferenza non è prevista la firma di accordi o di memorandum ma, comunque, si cercherà di costruire una sorta di agenda da prendere in considerazione per il futuro.

Photo Credits | Flickr

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Cina, Google ha interrotto la funzione anti-censura

Cina, Google ha interrotto la funzione anti-censura

 Il fatto che la Cina non sia un paese in cui la libertà d’espressione regna sovrana e che i cittadini siano costretti a vivere in un regine in cui spesso […]

The Web Index, l’Italia è ancora in ritardo

The Web Index, l’Italia è ancora in ritardo

Stando a quelli che sono i dati emersi dall’ultimo The Web Index, l’iniziativa di Tim Berners – Lee in base al quale viene calcolato l’indice globale sull’utilizzo del web e il […]

Web Lab, il laboratorio virtuale di Google al London Science Museum

Web Lab, il laboratorio virtuale di Google al London Science Museum

Google e lo Science Museum di Londra hanno unito le loro forze al fine di rendere disponibile una nuova ed interessantissima area del museo londinese dove i visitatori potranno interagire […]

Censura sul web, Reporter Senza Frontiere pubblica il suo report annuale

Censura sul web, Reporter Senza Frontiere pubblica il suo report annuale

Reporter Senza Frontiere, in concomitanza con la Giornata Mondiale contro la cyber-censura, ha pubblicato il suo report annuale di quelli che vengono identificati come i “Nemici di internet”, ovvero tutti […]

Come azzerare il Count-Down di Firefox prima dell’installazione di un Add-on

Come azzerare il Count-Down di Firefox prima dell’installazione di un Add-on

Torniamo a discutere sull’argomento Firefox, tema da molti affrontato soprattutto in Internet; se ne sente parlare infatti, su blog, siti vari, ecc.Oggi noi, vi presentiamo però, un piccolo trucchetto molto […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento