Geekissimo

RapidShare diminuisce la velocità di download per gli utenti free

 
Andrea Guida (@naqern)
25 febbraio 2012
6 commenti

La stretta sui cyberlocker cominciata con la chiusura di MegaUpload e MegaVideo colpisce anche un servizio che fino ad ora era sembrato stranamente immune a tutto il caos scatenato dall’operazione dell’FBI: RapidShare. I responsabili del popolarissimo servizio di hosting hanno infatti deciso di chiudere i rubinetti per i pirati e limitare la velocità di download per gli utenti free, ossia per tutti coloro che non hanno sottoscritto un abbonamento a pagamento al sito.

RapidShare ha subito un forte aumento del traffico da parte degli utenti free e, purtroppo, anche un forte aumento di abusi nell’usi del servizio“, hanno dichiarato i responsabili del sito al sito TorrentFreak. “Da allora [da quando MegaUpload è stato chiuso], molti trasgressori del copyright hanno scelto RapidShare come nuovo hoster di fiducia per le loro attività illegali. Così abbiamo deciso di fare un passo doloroso ma efficace: ridurre la velocità di download per gli utenti free. Siamo certi che questa misura renderà RapidShare molto impopolare tra i pirati e quindi taglierà il traffico abusivo via“.


Dopo l’annuncio – a cui sono seguiti i fatti -, molti utenti hanno segnalato la completa indisponibilità del servizio che per determinati file restituiva l’errore 404. Tuttavia, pare si sia trattato di un problema di natura tecnica e non di una nuova mossa antipirateria da parte dei responsabili di RapidShare. Siamo ancora in attesa di ulteriori dettagli ma la situazione sembra essersi normalizzata.

Quanto alla velocità di download dei file da RapidShare, abbiamo fatto un paio di test ed, effettivamente, scaricando come utenti free, il download manager del nostro browser non è mai schizzato oltre la barriera dei 50 kB/s con un andamento generale al di sotto dei 40 kB/s. Praticamente inutilizzabile, anche se pare ci saranno delle eccezioni (ossia dei download con velocità sbloccata anche in modalità free) per gli uploader che dimostreranno la propria identità e la legittimità dei contenuti caricati.

[Via | Neowin]

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Rapidshare rimuove i limiti di velocità in download per gli utenti free

Rapidshare rimuove i limiti di velocità in download per gli utenti free

Già dall’inizio dell’anno corrente, conseguenzialmente alla chiusura di MegaUpload e a quella di MegaVideo, i responsabili di RapidShare, uno tra i più conosciuti ed utilizzati servizi di file hosting, avevano […]

RapidShare, il tribunale tedesco e l’applicazione dei filtri preventivi

RapidShare, il tribunale tedesco e l’applicazione dei filtri preventivi

Durante le ultime ore, a causa dell’insoddisfazione degli sforzi compiuti da RapidShare, il ben noto servizio di hosting remoto, nel mettersi d’accordo con i detentori di copyright, è giunta, direttamente […]

RobinFilm chiude i battenti

RobinFilm chiude i battenti

Dopo un periodo di relativa spensieratezza, sono cominciati tempi duri per gli amanti del download e dello streaming. Tutto è cominciato dalla chiusura di MegaUpload e MegaVideo da parte dell’FBI […]

Megaupload, il Partito Pirata Catalano prepara una “class action” globale contro la chiusura del servizio

Megaupload, il Partito Pirata Catalano prepara una “class action” globale contro la chiusura del servizio

Come facilmente prevedibile, la chiusura di MegaUpload da parte dell’FBI ha lasciato interdetti milioni di utenti, utenti che ora sono molto arrabbiati e non fanno nulla per nasconderlo. Su Twitter, […]

Panico fra i servizi di hosting: FileSonic non permette più di condividere file, FileServe e VideoBB chiudono i rubinetti

Panico fra i servizi di hosting: FileSonic non permette più di condividere file, FileServe e VideoBB chiudono i rubinetti

Come in molti temevano, la chiusura di MegaUpload e MegaVideo da parte dell’FBI ha avuto serie ripercussioni anche sugli altri servizi di hosting rimasti online. Il tintinnio delle manette che […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1andrea90rm

    ecco perchè..pensavo fosse un momento di congestione della rete..invece -.-

    25 Feb 2012, 10:30 am Rispondi|Quota
  • #2gladiator

    Ma bastaaaaaaaa co ste restrizioni…ste storie del copyright e menate varie! Porca miseria!! E allora perche su TUTTE le maggiori riviste di informatica ormai ti propinano DI TUTTO: persino come e DOVE scaricare TUTTO (e con tutto dico TUTTO?)……solita ipocrisia del commercio…e del maledetto “dio denaro” e della porca logica del profitto. -.-‘ poveri noi….

    25 Feb 2012, 8:41 pm Rispondi|Quota
  • #3TheQ.

    beh dai, hanno fatto milioni con la pirateria che ha incentivato account premium ed ora che hanno visto a cosa porta riducono la velocità tornando nell’ambito della legalità… e tenendosi i milioni guadagnati.

    25 Feb 2012, 10:19 pm Rispondi|Quota
  • #4Arcano

    Altri siti hanno completamente bloccato il download di utenti diversi da chi ha effettuato l’upload.
    La mossa di Rapidshare è di doppia valenza.
    In parte scongiurare di non finire come megaupload, dall’altra, vista la concorrenza eliminata, incentivare l’acquisizione degli account premium per scaricare più velocemente.
    Scaricare cosa? Contenuti pirata ovviamente sennò che motivo c’è di fare un account premium per scaricarti i tuoi file di cui hai già copia sul PC?

    26 Feb 2012, 11:41 am Rispondi|Quota
  • #5M4ik

    Ma come possono pensare che le persone PAGHINO UN ABBONAMENTO? Quando il web hosting ha un piede nella fossa? Tutti scenziati!

    26 Feb 2012, 12:55 pm Rispondi|Quota
  • #6sandroid

    Dovrebbero chiamarsi IpocritShare, si stanno facendo i milioni con la chiusura di Megaupload, e se non fosse per i pirati nessuno se li filerebbe di striscio. Non capisco come mai per il proprietario di Megaupload si e per quello di RapidShare no.

    2 Mar 2012, 12:25 pm Rispondi|Quota