Geekissimo

Microsoft fa bandire i device Motorola con Android dalla Germania

 
Martina Oliva
31 Luglio 2012
0 commenti

Sentenza Microsoft Motorola Android

Durante gli ultimi giorni Microsoft ha ottenuto un’importante vittoria legale su Motorola Mobility che va a configurarsi come l’ennesimo colpo da parte della redmondiana a big G, alla be nota azienda statunitense impegnata in ambito mobile e, in primis, al sistema operativo Android.

La sentenza, firmata dal giudice Andreas Voss presso la Corte Regionale di Mannheim, fa infatti riferimento ad una violazione di brevetto che va a spianare la strada a Microsoft per agire contro Motorola Mobility.

Nello specifico, il brevetto finito nell’occhio del ciclone è quello siglato come EP0618540 e fa riferimento al file system FAT che viene utilizzato dai device prodotti e commercializzati da Motorola.

Come risultato dell’ingiunzione i dispositivi Motorola non potranno essere venduti sull’intero territorio della Germania.

L’ingiunzione, tuttavia, per poter essere effettivamente eseguita, necessita del pagamento, da parte di Microsoft, di 10 milioni di euro.


Soltando dopo il pagamento, che servirà da risarcimento se Motorola dovesse successivamente dimostrare che si è trattato di un’azione priva di merito, verranno messi al bando tutti i prodotti Android di Motorola.

La statunitense, inoltre, dovrà provvedere a risarcire i danni ma la relativa somma di denaro non è stata ancora resa nota.

Quindi, dinanzi alla sentenza in questione, a Motorola non restano molte scelte: o l’azienda provvederà a siglare la licenza offerta da Microsoft o, in alternativa, dovrà cambiare il file system che è attualmente in uso sui suoi device.

Ovviamente è molto probabile che Motorola presenti ricorso andando in tal modo a ritardare il blocco delle vendite.

Situazione di Motorola e di Android a parte appare opportuno sttolineare il fatto che la vicenda va inquadrata in un quadro ben più ampio entro il quale anche il mondo Xbox e quello di Windows risultano sotto attacco ed in attesa che si giunga a sentenza per quanto concerne i brevetti contestati, al contrario della vicenda in questione, dalla statunitense.

Photo Credits | Flickr

Via | Neowin

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Microsoft potrebbe bloccare le vendite dei device Motorola in Germania

Microsoft potrebbe bloccare le vendite dei device Motorola in Germania

Secondo quanto stabilito dalla Corte di Monaco di Baviera alcuni tablet e smartphone di Motorola violano un brevetto Microsoft ragion per cui dovranno essere ritirati dal mercato tedesco. Il brevetto […]

Apple VS Motorola: in Germania vince Cupertino

Apple VS Motorola: in Germania vince Cupertino

Con l’ultimissima vittoria legale che Apple è riuscita ad ottenere in Germania su Motorola ora la società controllata da Google sarà costretta a richiamare alcuni tra i suoi dispositivi di punta […]

Apple VS Motorola: il processo si conclude con un nulla di fatto

Apple VS Motorola: il processo si conclude con un nulla di fatto

Nel corso delle ultime ore è stata messa la parola fine ad uno degli episodi più caldi e datati della patent war che dall’oramai lontano 2010 andava anvati tra due […]

Motorola, Microsoft ed il blocco delle vendite di Xbox e Windows 7 in Germania

Motorola, Microsoft ed il blocco delle vendite di Xbox e Windows 7 in Germania

Motorola ha ottenuto la sua ennesima vittoria legale contro Microsoft risultando tutta incentrata su quelli che, ad oggi, vanno a configurarsi come il pomo della discordia per la maggior parte […]

Microsoft sventa il blocco delle vendite in Germania e si accorda con Motorola

Microsoft sventa il blocco delle vendite in Germania e si accorda con Motorola

Ad essere al centro delle oramai frequentissime diatribe brevettuali non sono soltanto Samsung ed Apple ma, negli ultimi tempi, anche il duo Microsoft-Motorola sembrerebbe essere sempre più presente in tal […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento