Geekissimo

Skype, dal 2011 intercettare le conversazioni è facile

 
Martina Oliva
20 Marzo 2013
0 commenti

Skype facile intercettare conversazioni

Prima che Microsoft effettuasse l’acquisizione, avvenuta a maggio del 2011, di Skype, il client VoIP maggiormente utilizzato dall’utenza mondiale, intercettare le conversazioni era impossibile.

Adesso, invece, polizia e servizi di sicurezza nazionali hanno l’opportunità di ascoltare le chiamate VoIP e di leggere i messaggi privati degli utenti anche, in alcuni casi particolari, senza alcuna autorizzazione da parte del giudice.

La conferma, in tal senso, arriva dall’intervista rilasciata, proprio nel corso degli ultimi giorni, da due esperti di sicurezza russi al quotidiano Vedomosti.

Stando a quanto emerso, infatti, i servizi segreti sono in grado di ascoltare le chiamate telefoniche, di leggere il contenuto degli SMS e di localizzare la posizione dell’utente e per poter effettuare intercettazioni legali è sufficiente attivare un’apposita modalità di login per gli account coinvolti in modo tale che le chiavi di decrittazione vengano generate sui server di Skype e non sul computer, su smartphone o su tablet.

L’accesso può essere ottenuto dall’intelligence russa mediante una semplice richiesta e senza dover passare per il sistema giudiziario.

In tal senso, la FSB aveva chiesto a Microsoft il codice sorgente di Skype sostenendo che conoscere in maniera approfondita il servizio avrebbe permesso di ridurre all’osso i pericoli per la sicurezza nazionale ma non è sicuramente da escludere che l’obiettivo dell’ex KBG fosse quello di craccare il sistema di crittografia del client.

Alla richiesta dell’FSB, comunque, Microsoft diede risposta negativa alla quale sono poi seguite numerose denuncie contro Skype per sollecitare l’iscrizione al registro degli operatori telefonici grazie al quale accedere ai dati privati degli utenti diventa decisamente ben più semplice.

È importante sottolineare il fatto che prima che Skype diventasse parte di Microsoft veniva sfruttata un’architettura P2P, successivamente, invece, la redmondiana ha iniziato a sostituire i supernodi dinamici alla base del peer to peer con dei server propri.

Microsoft ha fatto sapere di aver messo in atto il cambiamento al fine di migliorare l’affidabilità del servizio ma in realtà l’utilizzo dei server permettere di intercettare le conversazioni.

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Windows 8.1 Preview, fino a 100 mila dollari per ogni bug scoperto

Windows 8.1 Preview, fino a 100 mila dollari per ogni bug scoperto

Nel corso delle ultime ore Microsoft ha annunciato una nuova iniziativa dedicata a tutti i ricercatori di sicurezza e agli hacker dell’intero globo terrestre il cui fine consiste nell’individuare le […]

Skype, in Francia dovrebbe essere considerato un operatore telefonico

Skype, in Francia dovrebbe essere considerato un operatore telefonico

In seguito al mancato rispetto dell’obbligo di registrazione come operatore di telecomunicazioni elettroniche la ARCEP (Autorité de Régulation des Communications Électroniques et des Postes), ovvero l’equivalente d’oltralpe della nostrana Agcom, […]

VoIP, Skype si aggiudica un terzo delle chiamate telefoniche globali

VoIP, Skype si aggiudica un terzo delle chiamate telefoniche globali

L’utilizzo dei client VoIP è sicuramente un gran successo, in particolare per le chiamate a lunga distanza, e la dimostrazione più evidente è quella data dal recente report pubblicato da […]

Skype, lettera aperta a Microsoft per far chiarezza sulla privacy degli utenti

Skype, lettera aperta a Microsoft per far chiarezza sulla privacy degli utenti

Microsoft dovrà fare chiarezza sulle garanzie di privacy per gli utenti Skype e sull’effettiva riservatezza delle conversazioni tenute dagli stessi in modo tale da poter far luce su quello che […]

Joachim Kempin attacca Steve Ballmer: occupa indegnamente la carica di CEO Microsoft

Joachim Kempin attacca Steve Ballmer: occupa indegnamente la carica di CEO Microsoft

Intervistato da Reuters in occasione della presentazione del suo libro “Resolve and Fortitude: Microsoft’s ‘Secret Power Broker’ Breaks his Silence”, Joachim Kempin, l’ex vice presidente del marketing di Microsoft, ha dichiarato […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento