Geekissimo

smart ebike, pedalare non è mai stato così facile

 
Giuseppe Benevento
14 Aprile 2013
7 commenti

La Settimana Internazionale del Mobile di Milano che si chiude oggi è stata l’occasione per vedere in giro per il capoluogo meneghino davvero tante installazioni e tanti oggetti dal design accattivante. È stata l’occasione per vedere anche un mezzo di trasporto dal fascino intramontabile al quale è stata applicata la tecnologia.

smart ebike - Geekissimo.com
Come avrete intuito dall’immagine, il mezzo di trasporto in questione è una bicicletta. Non una qualsiasi, ma la smart ebike che di una bicicletta tradizionale ha solo l’aspetto perché design, materiali e tecnologia applicata la rendono unica nel suo genere.

La ebike è un mezzo di trasporto di design realizzato da smart, brand del gruppo Daimler conosciuto più per le quattro ruote e i due posti. Da un interessante esperimento di “dimezzamento” (due ruote e un posto) è nata questa bicicletta che in questi giorni è stata vista girare per Milano e che abbiamo avuto modo di provare. Che la ebike abbia un design accattivante è indiscutibile, ma le caratteristiche che rendono speciale questa bicicletta sono legate ai materiali, al motore elettrico di cui è dotata e agli optional.

Ciò che colpisce di più della ebike è sicuramente la “catena” che non è di tipo tradizionale. Questa è, infatti, sostituita da una cinghia in fibre di carbonio. La novità che stupisce sta proprio nel vedere le fibre di carbonio applicate per una parte meccanica in movimento. Fibre di carbonio solitamente applicate per la realizzazione di strutture leggere e resistenti (si pensi alle auto da Formula 1, ma rigide, .

L’altra grande caratteristiche è il motore BioniX integrato nel mozzo della ruota posteriore alimentato dalla batteria da 423 Wh nominali agli ioni di litio che garantisce un’autonomia fino a 100 Km. Nulla di nuovo, obietteranno alcuni. E invece, si. La novità sta nel fatto che il ciclista non è condotto dalla bici, ma assistito nella pedalata. Questo significa che non è necessario alcun tipo di patentino, non si può incorrere, poi, in multe per eccesso di velocità per il tipo di mezzo e, soprattutto, non è snaturato il mezzo di trasporto stesso. Il ciclista può decidere dall’unità di comando sul manubrio il livello di assistenza alla pedalata e di recupero dell’energia. Appena si accenna la pedalata, il motore BioniX offre sostegno al ciclista (sempre che questi lo desideri) evitandogli, così, fatica eccessiva soprattutto nelle salite. E durante le frenate è possibile recuperare l’energia cinetica per ricaricare la batteria. Il motore BioniX supporta il ciclista fino alla velocità di 25 Km/h, dopo di che tutta la velocità raggiunta è opera delle gambe.

Altre chicche sono le luci a led (con funzione di marcia diurna), i freni a disco idraulici e gli pneumatici Continental EcoContact Plus rinforzati e più resistenti alle forature rispetti a pneumatici normali da bicicletta.

Per offrire comodità al ciclista, sono poi disponibili optional come la porta USB per ricaricare, ad esempio, uno smartphone che, con un altro accessorio (il supporto per smartphone), può essere usato come navigatore satellitare durante le passeggiate senza rischiare che si scarichi. Non mancano ovviamente anche caschi, giubbotti, porta pacchi (la ebike può trasportare un carico massimo totale di 114 Kg) ed altro ancora.

La ebike realizzata da smart consente di godere della praticità della bicicletta ovunque (anche in luoghi dove le salite non mancano) persino a chi non è proprio un habitué delle due ruote. Anche dopo una giornata di pedalata si è certi di scendere dalla ebike senza dolori, senza affaticamento e senza aver versato una goccia di sudore. Utile soprattutto, quindi, al professionista che deve muoversi in contesti urbani dal traffico congestionato o soggetto a limitazioni anti inquinamento. Si, al professionista, perché oltre al peso non in linea con quello delle normali bici (Kg 26 ca. nonostante forcella e telaio in alluminio) anche il prezzo non è per nulla allineato con quello di una due ruote tradizionale. Parliamo di € 2900 ca.; non un prezzo democratico, ma sicuramente giustificato dalla soluzioni tecnologiche adottate. Perché la tecnologia non è solo software, ma anche “hardware”.

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
“Wake up your phone”, la nuova campagna di SanDisk per informare gli utenti sulle potenzialità delle schede di memoria per cellulari e fotocamere

“Wake up your phone”, la nuova campagna di SanDisk per informare gli utenti sulle potenzialità delle schede di memoria per cellulari e fotocamere

“La maggior parte dei teen-ager non sa nemmeno di avere in tasca un telefonino capace di compiere decine e decine di operazioni e di immagazzinare centinaia di ore di film […]

Come saranno fatti i computer del futuro? Probabilmente avranno microchip chimici, magnetici o ottici

Come saranno fatti i computer del futuro? Probabilmente avranno microchip chimici, magnetici o ottici

Come saranno i computer del futuro? Di quali materiali saranno costruiti? E quanto saranno veloci? Capita che ci poniamo spesso questa domanda, pensando agli anni a venire. Ebbene: alcune ricerche […]

Gli alti consumi della nuova Nvidia GeForce GTX 280

Gli alti consumi della nuova Nvidia GeForce GTX 280

E’ un argomento che ormai stiamo trattando parecchio in questi giorni. La componentistica Hardware dei pc, riguardante la parte video è quella che in questi giorni sta facendo sempre più […]

Ecco i monitor 3D di Philips.

Ecco i monitor 3D di Philips.

Giusto ieri vi segnalavo la nuova scheda video esterna targata ATI. Oggi vi segnalo il nuovo monitor targato Philips, che in accoppiata con quella scheda vi farà entrare, nel verso […]

Le informazioni contenute sui nostri computer sono molto più a rischio di quanto pensiamo

Le informazioni contenute sui nostri computer sono molto più a rischio di quanto pensiamo

È allarme sicurezza per i nostri fedeli computer. Secondo alcune nuove ricerche, infatti, i dati contenuti sarebbero molto più vulnerabili di quanto pensiamo. Ad esempio: lo sapevate che è possibile […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Francesco

    io l’ho usata un mesetto fa e vi assicuro che non è per niente comoda. Si sono dimenticati che le biciclette dovrebbero avere anche in minimo di sospensioni con il risultato che qualsiasi buchetto vi sembrerà un cratere (chiedete poi cosa ne pensano spalle e sedere, e ho fatto anche la rima).

    14 Apr 2013, 10:41 pm Rispondi|Quota
    • #2Giuseppe Benevento

      @Francesco:
      Bhé, non sono poi moltissime le bici con le sospensioni. Io non ho avuto alcun problema alle gambe (per la pedalata) e alle spalle (per la postura), ma effettivamente il sellino non è il massimo della comodità (anzi) e andrebbe assolutamente rivisto. 🙂

      15 Apr 2013, 8:55 am Rispondi|Quota
    • #3Francesco

      @Giuseppe Benevento:

      Si trovano un sacco di mountainbike elettriche (eMTB?), quindi ben ammortizzate almeno frontalmente. Certo, non hanno il nome e la line fi*a di questa.

      15 Apr 2013, 9:05 am Rispondi|Quota
    • #4Giuseppe Benevento

      @Francesco:
      Vero, ma la ebike è più una city bike che una mountain. Secondo me un sellino più comodo (molto più comodo, eh ^_^) risolverebbe tutto. 🙂

      15 Apr 2013, 9:09 am Rispondi|Quota
  • #5Alberto

    Non c’e nulla di rivoluzionario o tecnologicamente nuovo nella pedalata assistita. Tutte le e-bikes funzionano da anni esattamente con lo stesso principio ed anche la frenata a recupero esiste da sempre. Alcune soluzioni adottate, come la catena in fibre di carbonio, sono altamente discutibili in quanto l’unico effetto evidente che portano è quello di far lievitare il prezzo che secondo me è comunque troppo alto per essere giustificato dalle soluzioni tech utilizzate.

    15 Apr 2013, 9:15 am Rispondi|Quota
    • #6Giuseppe Benevento

      @Alberto:
      Concordo sul prezzo, tanto da aver indicato che non è affatto democratico. Design e nome, poi, hanno sicuramente contribuito a far lievitare ancora di più i costi.

      Non concordo tanto su ciò che dici sulle soluzioni tecnologiche adottate. Il fatto che la pedalata assistita o il motore elettrico o la batteria agli ioni di litio o altro esistano da tempo e siano adottate su altre bici non significa che su questa non possano essere state ottimizzate per migliorare l’esperienza dell’utente sulle due ruote. Poi, ovviamente, si tratta di un parere personale. 😉

      15 Apr 2013, 9:25 am Rispondi|Quota
  • #7Alberto Pepe

    Non c’e nulla di rivoluzionario o tecnologicamente nuovo nella pedalata assistita. Tutte le e-bikes funzionano da anni con lo stesso principio ed anche la frenata a recupero esiste da sempre. Alcune soluzioni adottate, come la catena in fibre di carbonio, sono discutibili in quanto l’unico effetto che portano è quello di far lievitare il prezzo che secondo me è comunque troppo alto per essere giustificato dalle soluzioni tech utilizzate.

    15 Apr 2013, 9:18 am Rispondi|Quota