Geekissimo

Wi-Fi pubblico, nuovi ostacoli alla liberalizzazione

 
Andrea Guida (@naqern)
21 Luglio 2013
5 commenti

Wifi pubblico

Il tanto decantato Decreto del fare, che prometteva di normalizzare la situazione del Wi-Fi pubblico nel nostro Paese, si sta sgretolando giorno dopo giorno.
In principio, ne fu presentata una bozza che assicurava la totale rimozione delle assurde restrizioni imposte ai gestori dei locali pubblici dalla vecchia legge Pisanu, poi è arrivata la versione finale della normativa che ha disatteso completamente le aspettative ed ora – a conferma che non c’è mai limite al peggio – sono stati approvati in Commissione Trasporti, Poste e telecomunicazioni due emendamenti che rendono ancora più complessa la situazione.


Uno prevede “l’obbligo del gestore (del locale pubblico) di garantire la tracciabilità del collegamento attraverso l’assegnazione temporanea di un indirizzo IP e il mantenimento di un registro informatico dell’associazione temporanea di tale indirizzo IP al MAC address del terminale utilizzato per l’accesso alla rete Internet”, mentre l’altro afferma che “Il trattamento dei dati personali necessari per garantire la tracciabilità del collegamento è effettuato senza consenso dell’interessato […] e non comporta l’obbligo di notificazione del trattamento al Garante per la protezione dei dati personali”.

Questo – come sottolinea l’informatico e deputato di Scelta Civica Stefano Quintarelli sul suo blog – significa che chiunque voglia offrire una connessione Wi-Fi pubblica dovrà installare e mantenere un server syslog opportunamente “sicurizzato”, vista la presenza di dati sensibili.

Come se non bastasse, visto che negli emendamenti si parla chiaramente di tracciamento degli IP, ne consegue che ogni utente connesso alle reti Wi-Fi offerte da ristoranti, bar, ecc. dovrebbe avere un IP pubblico che lo identifichi in maniera univoca: una roba assurda e tecnicamente impercorribile.

supponi di avere lan interna 192.168.0.x ed IP pubblico 194.20.8.1,
supponi che un tuo cliente abbia mac AA:BB:CC:DD:EE:FF e tu gli assegni il 192.168.0.2
che un altro abbia mac FF:AA:BB:CC:DD:EE e tu gli assegni il 192.168.0.3
che un altro abbia mac EE:FF:AA:BB:CC:DD e tu gli assegni il 192.168.0.4
vengono da te le forze dell’ordine e ti chiedono di dare i dati che consentono la tracciabilita’ di qualcuno che ha fatto un commento diffamante su un blog.
cosa hanno in mano loro ? solo il log dell’IP pubblico, ovviamewnte.
quindi arrivano da te chiedendoti chi usava il 194.20.8.1 alle 12 del 1 luglio
l’unica cosa che puoi dirgli e’ “uno di questi 3”.
ovvero non stai garantendo la tracciabilita’ come richiesto dall’emendamento.
per garantire la tracciabilita‘, l’unica e’ avere IP pubblici
.

Dopo questo esempio fatto dallo stesso Quintarelli, crediamo che non ci sia bisogno di aggiungere altro. Solo il consueto "speriamo che venga corretto tutto prima dell’approvazione definitiva alla Camera”.

[Repubblica] [Photo Credits | Ed Yourdon]

Categorie: Internet
Tags: Decreto del fare,  leggi,  wi-fi, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Wi-Fi pubblico, un emendamento dell’ultimo minuto evita il peggio (ma vengono tagliati i fondi per la banda larga)

Wi-Fi pubblico, un emendamento dell’ultimo minuto evita il peggio (ma vengono tagliati i fondi per la banda larga)

Il presidente della Commissione Bilancio della Camera, Francesco Boccia, ha accolto le proteste degli utenti e delle associazioni a tutela della privacy modificando – con un emendamento dell’ultimo minuto – […]

Decreto del Fare, nuove norme sul Wi-Fi meno incisive del previsto

Decreto del Fare, nuove norme sul Wi-Fi meno incisive del previsto

A quanto pare, avevamo cantato vittoria troppo in fretta. La versione finale del cosiddetto “Decreto del fare”, quella approvata dal Consiglio dei Ministri, è abbastanza diversa dalle bozze che erano […]

“Decreto del fare”, nuove liberalizzazioni per il Wi-Fi in Italia

“Decreto del fare”, nuove liberalizzazioni per il Wi-Fi in Italia

Negli ottanta punti del cosiddetto decreto del fare, con il quale il Governo Letta intende rilanciare l’economia italiana, sono incluse anche varie norme riguardanti il Wi-Fi pubblico. Una volta tanto, […]

Togliere i collegamenti a internet dalle aule universitarie? Di certo non aumenterà l’interesse degli studenti nei confronti delle lezioni

Togliere i collegamenti a internet dalle aule universitarie? Di certo non aumenterà l’interesse degli studenti nei confronti delle lezioni

Nella maggior parte delle università italiane, ormai, sono presenti reti Wi-Fi gratuite per gli studenti, che permettono loro di collegarsi a internet, controllare la posta e fare ricerche da qualsiasi […]

Scoprire le password dei vari network Wi-Fi del pc con WirelessKeyView

Scoprire le password dei vari network Wi-Fi del pc con WirelessKeyView

Mi ricordo che quando ero più piccolo e avevo la connessione a 56KB, facevo di tutto per scoprire la password per collegarsi ad internet (i primi segni del geekismo). Fino […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Nycholas

    Si beh, tecnicamente si potrebbe tenere i log dei siti visitati da ciascun ip privato, attraverso un proxy nella stessa lan, ma in ogni caso va bene garantire la sicurezza, ma così ci distruggono la vita, già gli abbonamenti mobile in italia costano quanto un rene nel mercato nero.. in più fanno di tutto per vietare le reti wifi nei luoghi pubblici.. Sempre detto io che in italia si va indietro invece di andare avanti.. Vai così.. Poveri noi…

    21 Lug 2013, 11:15 am Rispondi|Quota
  • #2Lamantino

    dai su non lamentiamoci, in cuore nostro non ci potevamo aspettare nulla di meno, che sta schifezza di decreto. Lo sappiamo che le leggi le scrivono gli incompetenti.
    Perdonatemi il pessimismo

    21 Lug 2013, 12:05 pm Rispondi|Quota
    • #3Mario

      …gli incompetenti o le lobby. Se passa il wifi libero le compagnie di telecomunicazioni ci perderebbero un po’ di quattrini.

      21 Lug 2013, 4:28 pm Rispondi|Quota
  • #4Alessandro

    Ma guardatr che nella legge non si fa riferimento ad un ip pubblico ma ad un ip temporaneo che il router o server assegnerà appunto temporaneamente. . Insomma come funziona con le reti DHCP che assegnano un ip random. .. la sessione scade dopo un tot che non ci si collega più. .

    21 Lug 2013, 3:17 pm Rispondi|Quota
  • #5anonimo

    volendo tralasciare l’inutilità di assegnare un ip statico, mi permetto di precisare che l’indirizzo mac si cambia in un batter d’occhio, che poi non sarebbe neanche possibile assegnare ad ogni mac un ip statico, perché quando finisce la disponibilità di ip statici cosa si dovrebbe fare?

    22 Lug 2013, 10:01 am Rispondi|Quota