Geekissimo

Spotify supererà presto iTunes in Europa

 
Andrea Guida (@naqern)
28 Aprile 2014
0 commenti

Spotify vs iTunes

Steve Jobs era una persona a dir poco lungimirante. Pochi nell’industria tecnologica (e non solo) hanno avuto il suo intuito ma su una cosa si sbagliava: la gente non vuole possedere la musica che ascolta. Non a tutti i costi, almeno.

Da quando è nata una vera alternativa all’acquisto di brani e album online, nonché al loro download illegale, e ci riferiamo naturalmente a Spotify, gli utenti hanno accettato volentieri l’idea di non essere proprietari della musica che ascoltano ma solo “noleggiatori” della stessa.

La musica in streaming, insomma, sta per prendere il sopravvento su quella scaricata in locale ed è solo questione di tempo prima che Spotify superi iTunes in molti mercati. In Europa, ad esempio, il servizio rappresentato dall’inconfondibile icona verde sta macinando revenue sempre maggiori proprio a scapito della piattaforma Apple che invece in USA rimane al primo posto fra gli store digitali e al terzo posto fra i servizi in streaming, grazie ad iTunes Radio.

Intervistato da Music Week, il dirigente di Spotify Kevin Brown ha annunciato che negli ultimi quattro mesi il servizio ha conquistato oltre 1 milione di nuovi iscritti nel Regno Unito, e di questi la maggior parte si è trasformata in utenti paganti.

Questo significa che non solo la fruizione di musica in streaming funziona, ma anche che promozioni come quella di Vodafone (disponibile anche in Italia) centrano il loro obiettivo portando le persone verso la sottoscrizione di un piano a pagamento nonostante – lo ricordiamo per quei pochi che non lo sapessero ancora – Spotify non presenti più limitazioni di tempo nella sua versione free, almeno su computer.

Questi numeri, come ovvio che sia, non fanno piacere ad Apple che già qualche mese fa aveva dimostrato la sua insofferenza nei confronti di Spotify e simili chiedendo alle major discografiche di lanciare esclusive temporanee dei propri prodotti su iTunes bypassando le piattaforme di streaming. Tuttavia per Brown il principale competitor di Spotify non abita a Cupertino, bensì a Mountain View.

«Non vedo iTunes come il nostro principale concorrente, ma piuttosto YouTube», ha dichiarato il dirigente spiegando come alcune etichette discografiche mettano in secondo piano sia Spotify che iTunes per poi pubblicare la propria musica sul portale dei video gestito da Google.

Via | The Guardian

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Apple non sospenderà i download musicali su iTunes

Apple non sospenderà i download musicali su iTunes

Apple ha fatto sapere che sospenderà il download di brani musicali a pagamento da iTunes Store. L’indiscrezione a riguardo è stato smentita.

Spotify integra Musixmatch, ora si visualizzano i testi dei brani

Spotify integra Musixmatch, ora si visualizzano i testi dei brani

Importanti ed interessanti novità per tutti gli utilizzatori di Spotify che amano canticchiare i brani in ascolto. La celebre piattaforma di streaming musicale ha infatti pubblicato un apposito post sul […]

Apple: in cantiere un rivale di Spotify e un’app iTunes per Android?

Apple: in cantiere un rivale di Spotify e un’app iTunes per Android?

Al momento la notizia non è stata ancora confermata in via ufficiale ma stando a quanto emerso in rete nel corso delle ultime ore sembra che Apple stia trattando con […]

Disponibile su iTunes il catalogo completo dei Radiohead!

Disponibile su iTunes il catalogo completo dei Radiohead!

Sicuramente è stata la più bella idea di Apple potesse avere. iTunes è il primo commerce di contenuti multimediali che piano piano sta modificando il modo di distribuire contenuti multimediali. […]

AIMP2 un alternativa ai soliti audio player

AIMP2 un alternativa ai soliti audio player

Esistono migliaia di audio players, ognuno con le sue caratteristiche, da più pesanti come iTunes e Windows Media Player, ai più leggeri come possono essere Winamp, MediaMonkey. Molto spesso a […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento