Geekissimo

Root su Android: ecco come eseguirlo facilmente

 
Andrea Guida (@naqern)
16 giugno 2011
21 commenti

I vostri amici iPhone-muniti continuano a pavoneggiarsi perché sono riusciti a fare il jailbreak del loro telefonino? Dimostrategli che voi non siete da meno: prendete il vostro fido smartphone Android e correte a “rootarlo”. Ma no, posate quella birra! “Rootare” non significa costringere gli smartphone a scavalcare le limitazioni imposte dai costruttori a suon di rumorose emissioni corporee.

Il root su Android è una pratica che consente di acquisire il massimo dei diritti sul proprio telefonino, in modo da avere il pieno controllo sul sistema e compiere azioni che normalmente non sono consentite. Qualche esempio? La regolazione della potenza della CPU, l’utilizzo di tutti gli smartphone come hotspot Wi-Fi, lo spostamento delle applicazioni su memory card anche quando non sarebbe consentito, la cattura di screenshot dello schermo del telefono e molto altro ancora.

Allora, se siete d’accordo, noi inizieremo subito con la “lista della spesa” (ossia dell’occorrente per effettuare il root, non si deve comprare niente, tranquilli) e con la guida completa per rootare gli smartphone Android. La procedura è valida per quasi tutti i dispositivi e tutte le versioni di Android. Basta usare un programmino free!


Cosa serve

  • Uno smartphone Android (non si sa mai!)
  • Un PC Windows
  • Il driver del proprio smartphone installato sul PC (cercatelo con Google)
  • L’applicazione SuperOneClick (download | home page)
  • Il cavo USB per collegare lo smartphone Android al PC
  • Il .Net Framework 2.0 di Microsoft installato (solo se si usa Windows XP)

Come procedere

  • Scaricare SuperOneClick ed estrarre il contenuto dell’archivio del programma in una cartella qualsiasi;
  • Avviare l’applicazione SuperOneClick.exe;
  • Collegare lo smartphone Android al PC tramite cavo USB;
  • Espandere la barra di notifica di Android (basta trascinare verso il basso la barra degli strumenti collocata in alto), tappare sulla voce Debug USB connesso e disabilitare il debug USb togliendo la spunta dalla voce Debug USB;
  • Cliccare sul pulsante Root di SuperOneClick per avviare la procedura di root su Android;
  • Quando compare la scritta Waiting for Device nella finestra principale di SuperOneClick, riattivare il Debug USB mettendo la spunta sull’apposita voce di Android;

  • Quando compare la scritta Starting ADB Server, disattivare nuovamente il Debug USB, riattivarlo e disattivarlo nuovamente in rapida successione;
  • Attendere la fine della procedura.

Ecco fatto! In questo modo avete fatto il root su Android. Ora sarete liberi di installare e di usare le applicazioni Android che richiedono i privilegi più elevati. Qualche esempio delle più simpatiche? Eccolo:

Migliori applicazioni Android root free [via]

  • Superuser: una sorta di UAC per Android. Grazie ad esso, potrete dare le autorizzazioni root alle applicazioni singolarmente con degli avvisi mostrati in tempo reale all’avvio delle app.
  • Adfree: adblock per Android. Agisce sul file hosts del telefono per bloccare le pubblicità online.
  • SetCPU: permette di regolare in maniera intelligente la potenza del processore. Se usata bene, permette di aumentare un bel po’ l’autonomia della batteria del telefono.
  • Wireless Tether: trasforma lo smartphone in un hotspot Wi-Fi anche quando questa funzione non è supportata ufficialmente dal telefono.
  • Busybox: la linea di comando su Android!
  • Move2SD Enabler: permette di spostare su memory card anche le applicazioni che di default non lo permettono.
  • Quick Boot: permette di riavviare lo smartphone con un tap.
  • Autorun Manager: permette di gestire e disabilitare le applicazioni impostate per l’avvio automatico su Android.
  • ShotMe: per catturare screenshot di Android.
  • Titanium Backup: per effettuare backup di dati, applicazioni e impostazioni.

FAQ – Domande frequenti e risposte

  • Si rischia qualcosa a fare il root su Android? In genere no, comunque in questo tipo di operazioni c’è sempre un piccolo rischio di mandare il proprio smartphone a ramengo. Noi non ci assumiamo alcuna responsabilità a riguardo, sia inteso!
  • Quali sono gli smartphone compatibili e incompatibili con SuperOneClick? Date un’occhiata a questa lista.
  • Avete testato la guida? Certo, ed è andata ottimamente su un Samsung Galaxy Next con Android 2.2.1.
  • Il root causa crash o rallentamenti di Android? Non ci pare, ma non ci mettiamo la mano sul fuoco.
  • Dopo aver effettuato il root, è possibile tornare indietro? Sì, basta collegare il telefono al computer, avviare SuperOneClick e cliccare sul pulsante “Unroot”.
  • Facendo il root si perde la garanzia del telefono? Non sempre, comunque tornando indietro dal root non ci dovrebbero essere problemi con i centri di assistenza.

Per ora è tutto. Per consigli, critiche, suggerimenti, opinioni e aggiunte a questa guida, sfruttate pure i commenti.

[Photo Credits | jakemaymar]

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Unlock Root: root su Android con un click

Unlock Root: root su Android con un click

Sì, è vero. In passato vi abbiamo già proposto una guida su come eseguire il root su Android facilmente ma ora siamo piacevolmente costretti a tornare sull’argomento perché abbiamo trovato […]

Come avere la tastiera di Android Ice Cream Sandwich su Android Froyo e Gingerbread

Come avere la tastiera di Android Ice Cream Sandwich su Android Froyo e Gingerbread

Uno dei principali punti di forza di Android è sicuramente la sua versatilità. Nel sistemone mobile di Google si può personalizzare tutto: la home screen, gli sfondi, le icone, i […]

Guida: come usare uno smartphone Android come Webcam su Windows

Guida: come usare uno smartphone Android come Webcam su Windows

Vi si è rotta la webcam, non avete ancora trovato il tempo di comprarne una nuova e dovete realizzare una videochat con urgenza? Se avete uno smartphone Android, potete ovviare […]

Guida: come comandare il PC con uno smartphone Android

Guida: come comandare il PC con uno smartphone Android

Avete mai pensato di utilizzare il vostro smartphone Android come un telecomando tramite il quale comandare il PC a distanza, avendo l’opportunità di muovere il puntatore del mouse, scrivere testi […]

Guida: come trasformare uno smartphone Android in un hard disk Wi-Fi

Guida: come trasformare uno smartphone Android in un hard disk Wi-Fi

Con gli hard disk esterni e le penne USB abbiamo gli strumenti per portare sempre con noi i nostri file e programmi preferiti, ma può capitare di scordarseli a casa […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

 

Trackbacks & Pingback
  1. Sony Ericsson Xperai Mini e Mini Pro (2011) - Pagina 3 - Forum Android Italiano
  2. Anonimo
  3. Unlock Root: root su Android con un click « Pc-Informatica