Geekissimo

Keylogger Hardware: la nostra privacy non è mai al sicuro

 
Romolo Ganzerli (Seroban)
24 Gennaio 2008
14 commenti
Proprio recentemente abbiamo parlato del problema dei computer “pubblici”, e di come cercare di proteggere al meglio la nostra privacy quando si è costretti ad utilizzarli.
Abbiamo visto come sia importante cercare di lasciare sul computer in cui ci troviamo meno tracce possibili, per tenerci lontano dai guai la prudenza non è mai troppa, e mai proverbio è stato più indicato.

In questo interessantissimo articolo Etechs ci parla di un accessorio tanto piccolo quanto devastante, un keylogger hardware in grado di memorizzare fino a 262,000 battute.

Key Katcher si collega al jack della tastiera, un microcontroller interno interpreta i dati e memorizza tutte le sequenze di tasti battuti in una memoria interna in grado di conservare i dati anche in seguito a cali di tensione o ad una rimozione improvvisa.
Per accedere ai dati salvati basta semplicemente digitare la password impostata all’attivazione in un editor di testo, e verrà mostrato un menu dal quale è possibile visualizzare o eliminare dati, cercare parole chiave all’interno del testo, cambiare password e disattivare la periferica.

Inoltre sono presenti 4 versioni differenti, è compatibile con la maggior parte dei sistemi operativi, si installa automaticamente al primo collegamento, è disponibile anche una versione che si collega al pc via Usb e il suo prezzo è irrisorio.
E queste sono le caratteristiche di solo un Key Logger Hardware, chissà quanti e con che caratteristiche ne esistono sul mercato.

Il problema non è assolutamente da sottovalutare, considerando che i computer negli internet point sono utilizzati anche da coloro i quali hanno bisogno o di effettuare operazioni bancarie o di prenotare un volo, catturare i dati privati con un accessorio così piccolo e difficile da scovare diventa davvero semplice e risulta pericolosissimo per l’ignaro utente.

Come fare per girare alla larga da questo tipo di problemi?
Controllare bene anche le prese posteriori del computer prima di cominciare qualsiasi operazioni, oltre che seguire tutti i consigli che vi abbiamo dato in questo articolo, un piccolo fastidio che può evitare grossi guai.
Io personalmente non faccio un uso frequente di internet point o di computer pubblici, e non ho mai notato niente di simile, sinceramente non mi sarebbe mai venuto in mente di controllare tutti i collegamenti, ma penso che d’ora in poi uno darò sempre uno sguardo.
E voi? avete mai notato qualcosa di strano?

Sito del venditore:ThinkGeek

Via | ETechs
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Come essere sicuri quando si utilizzano PC e connessioni Wi-Fi pubbliche

Come essere sicuri quando si utilizzano PC e connessioni Wi-Fi pubbliche

Quasi ogni geek, almeno una volta nella vita, ha a che fare con dei computer pubblici che molte volte si appoggiano su reti Wi-Fi pubbliche. Una situazione del genere può […]

Creare una password sicura con Password Meter

Creare una password sicura con Password Meter

Password Meter è un tool online con il quale puoi testare la data del tuo compleanno, anniversario, nome dell’animale domestico per verificare che siano sicuri come pensi. Come molti di […]

Trovato il modo di decriptare facilmente informazioni cifrate

Trovato il modo di decriptare facilmente informazioni cifrate

Un brivido deve aver scosso i produttori dei sistemi operativi e software di sicurezza alla notizia diffusa dall’università di Princeton. Infatti Edward W.Felten, direttore del Center for Information Tecnhology Policy […]

Il sito della AvSoft Technologies “hackerato”

Il sito della AvSoft Technologies “hackerato”

Un avviso a tutti i naviganti (sembro la signorina del 1530 ), il sito web della compagnia d’antivirus AvSoft Technologies è stato “hackerato”, defacciato, crackato ditelo come vi pare, ma […]

Reti pubbliche Wi-Fi: dobbiamo davvero fidarci? Il pericolo è dietro l’angolo

Reti pubbliche Wi-Fi: dobbiamo davvero fidarci? Il pericolo è dietro l’angolo

Rispetto anche all’anno scorso ormai trovare una rete Wi-Fi libera, gratuita e senza password in giro per le città non è poi un’impresa così ardua. Utilissime quando siamo nei bar, […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1mauro

    prima che tutti i guru che affollano questo blog dicano lo sapevo gia’…volevo ringraziarvi,per dare costantemente un messaggio tra le righe….state attenti…state attenti.
    E questo del keylogger,e’ una cosa come dite voi devastante.Anche il piu’ a digiuno di informatica,ma disonesto,riesce a capire come interfacciare la tastiera con questo “coso”.Io personalmente NON utilizzerei mai un computer pubblico per scrivere dati sensibili…meno che mai credit card..
    Sarebbe interessante sapere se esiste un software su penna usb,capace di “accorgersi” SE quanto scritto da noi sia “copiato” in locale (cioe’ sul computer o lan)da parte di un programma e /o applicazione….Chiedo l’impossibile?

    24 Gen 2008, 6:24 pm Rispondi|Quota
  • #2mauro

    OOOOPPPSSS!!!
    c’e’ gia’ e l’avevate recensito…
    safekeys.Vi consiglio di completare l’articolo
    oltre che scrivendo del pericolo ripetendo ( repetita iuvant…) il link a questo software…
    per mia esperienza personale,aeroporto di Hong Kong…una fila di computer APPLE gratis per il pubblico…..persone che andando via lasciavano addirittura aperta la connessione alla posta elettronica..che ho prontamente richiuso….incredibile..

    24 Gen 2008, 6:33 pm Rispondi|Quota
  • #3Vict90

    grazie mille geek! starò + attento!

    24 Gen 2008, 7:16 pm Rispondi|Quota
  • #4moticanus

    che io sappia, se su un pc è in funzione un keylogger hardware…non è possibile tramite software rilevare quel compenente e di conseguenza essere sicuri di non regalare informazioni.

    24 Gen 2008, 9:26 pm Rispondi|Quota
  • #5Seroban

    beh violazione della privacy o meno, resta un bel problema..
    Per il discorso del software per rilevare componenti hardware, non so se effettivamente sia impossibile crearne uno apposito.
    Calcolate che questa viene letta come periferica esterna e riconosciuta dal computer al primo collegamento, dunque probabilmente..

    Si dovrebbe studiare bene il funzionamento, non sono molto ferrato in materia 🙂

    24 Gen 2008, 11:24 pm Rispondi|Quota
  • #6francesco

    in un paese come il nostro sarebbe violazione della privacy in piena regola : ma con le " leggi anti – terrorismo" tutto è possibile !

    25 Gen 2008, 12:06 am Rispondi|Quota
  • #7Ugo66

    io ce l’ho 🙂
    ma non pensate subito male, lo uso a casa come backup di super emergenza… cosi’ se si pianta il pc improvvisamente recupero comunque tutto quello che ho scritto!

    25 Gen 2008, 9:57 am Rispondi|Quota
  • #8TeddyBeer

    Bravo Ugo.
    Questa cosa del backup di emergenza è una bella idea.
    Peccato che 6 una mosca bianca, e l’uomo faccia sempre di tutto per sfruttare nel peggiore dei modi il potenziale di ciò che crea:
    – lettori OCR evoluto –> crackare i captcha
    – keylogger HW –> data stoling
    – fissione atomica –> la bomba atomica
    quando in un mondo con un po’ più di criterio potrebbero essere solo:
    – aiuto per i ciechi
    – backup
    – energia “pulita”

    (OMG, sembra una pubblicità progresso!)

    25 Gen 2008, 11:01 am Rispondi|Quota
  • #9nik24nik

    sarà una domanda strana, ma dove si compra e quanto costa questo keyloger? almeno la marca sapete dirmela?
    per curiosità eh..:P

    25 Gen 2008, 11:13 am Rispondi|Quota
  • #10Giovanni

    su questo sito http://www.keykatcher.it/ sono proprio del ladri..259euro….senza parole..

    25 Gen 2008, 11:28 am Rispondi|Quota
  • #11Seroban

    @nik24nik: Ho linkato nell’articolo il sito del venditore, se sei interessato puoi comprarlo da li 😛
    @Giovanni: beh tutti quei soldi sono davvero esagerati!

    25 Gen 2008, 1:37 pm Rispondi|Quota
  • #12moticanus

    già di per se è un macchinario infernale…poi voi voleto che lo vendano a tre euro…dove andremmo a finire?!?!??! 😀

    25 Gen 2008, 3:02 pm Rispondi|Quota
  • #13Slon

    Il problema rimane riguardo la privacy ma si può per lo meno attutirlo inserendo le nostre password non con la tastiera ma con il tastierino di windows 🙂

    3 Feb 2008, 4:15 pm Rispondi|Quota
  • #14Seroban

    @Slon: vero potrebbe essere un idea 🙂

    3 Feb 2008, 4:17 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Keylogger: cosa sono e come proteggersi - Geekissimo