Geekissimo

L’evoluzione dei loghi delle grandi aziende informatiche

 
Romolo Ganzerli (Seroban)
27 Febbraio 2008
4 commenti
Riprendiamo a parlare delle compagnie e delle aziende che si sono sviluppate maggiormente grazie ad internet e più in generale in campo informatico, dopo avervi mostrato l’evoluzione e i significati nascosti del logo di Google, e della celebre “Silicon Valley”, cerchiamo insieme di dare uno sguardo a quelli che sono stati e che sono i loghi di aziende del calibro di Microsoft, IBM, Apple e Nokia.

Il logo è probabilmente una delle componenti più importanti e allo stesso tempo di più difficile realizzazione, deve essere semplice ma di effetto, deve identificare l’azienda alla sola vista e quindi deve rimanere ben impresso nella mente delle persone.
Dall’elenco che segue, vi potrete rendere conto anche voi di come nel tempo sia cambiata la concezione di “Logo”, e di come attualmente lo stile su cui si basano sia comune in molti casi.

Adobe Systems
L’ Adobe Systems nasce nel 1982 grazie ai programmatori John Warnock e Charles Geschke, dopo un primo periodo di gravi difficoltà economiche e di insuccessi, l’azienda si è proiettata con decisione all’interno del mercato divenendo oggi una delle realtà più affermate.
Il primo logo Adobe fu disegnato dalla moglie di Warnock


Apple Inc.
l’ Apple Nasce nel 1976 dai “due Steve”, Steve Wozniac e Steve Jobs, che direttamente da casa loro cominciarono a produrre e vendere i loro computer.
La creazione dell’ Apple ][ decretò ufficialmente il successo dell’azienda, da sempre rivale di Microsoft.
Il primo logo era simbolisticamente complesso, rappresenta infatti Isaac Newton seduto all’ombra di un albero di mele.
Convinto che la causa dell’iniziale insuccesso era da ricercarsi anche nel logo, Steve Jobs commissionò la creazione di un logo alternativo a Rob Janoff, che propose la “mela colorata”, rimasta in uso fino al 1999, quando fu sostituita dall’attuale “mela monocromatica”
La “leggenda” narra che mentre Wozniak e Jobs stavano scegliendo il nome della casa, videro, poggiata su un tavolo, una mela morsicata.

Canon
Il nome Canon deriva dal termine “Kwanon”, assegnato da Goro Yoshida e suo fratello alla loro prima creazione, una fotocamera di precisione.
Il primo logo riflette la “natura” orientale dell’azienda, e più si va avanti con gli anni più si nota il cambiamento legato all’espansione nei mercati occidentali.
Il nome “Canon” riveste una particolare importanza, in quanto indica “precisione”, una caratteristica che l’azienda intendeva associare ai propri prodotti.

IBM
L’ IBM è stata una delle prime aziende ad affermarsi e ad avviare la rivoluzione “informatica” del secolo scorso, nacque nel 1911 come azienda specializzata nella produzione di schede perforate.
Tutte le modifiche apportate ai loghi si devono a Paul Rand, figlio di Thomas Watson, e le righe orizzontali di quello attuale servono ad indicare “velocità e dinamismo”

Microsoft
L’azienda nasce nel 1975, quando Paul Allen e l’amico Bill Gates, studenti universitari, crearono l’ Altair 8800, il primo personal computer disponibile in commercio.
La creazione del linguaggio di programmazione Basic consacrò l’azienda, che dal 1977 è leader incontrastata nel campo informatico.
Il logo è cambiato soltanto 3 volte in tutti questi anni, e grosso modo ha mantenuto lo stile iniziale.

Nokia
La Nokia è nata addirittura nel lontano 1865, in Finlandia, e prima di divenire un azienda specializzate nelle telecomunicazioni e nei telefoni cellulari, produceva prodotti per ufficio, biciclette, scarpe, televisioni e generatori di corrente elettrica.
Il progressivo processo di specializzazione si può anche dedurre dall’evoluzione che nel tempo ha avuto il logo.

Xerox
Xerox Corporation è una delle più grandi aziende produttrici di stampanti e fotocopiatrici. È stata fondata a Rochester, New York, negli Stati Uniti, nel 1906 e si occupava principalmente della produzione di carta per ftografie.
Negli anni ’70 la Xerox cominciò anche la produzione di computer.
Ne è una prova il fatto che prima di brevettare l’interfaccia grafica nei computer e il mouse, Steve Jobs convinse il presidente dell’azienda a mostrargli i prodotti che avevano creato.
Successivamente Jobs comprò e brevettò le idee, applicandole nei propri prodotti, come nel fallimentare Apple Lisa e nel Macintosh.

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Read The Words: servizio Web 2.0 per la “lettura” dei file di testo

Read The Words: servizio Web 2.0 per la “lettura” dei file di testo

Subito dopo il post riguardante un servizio Web 2.0 che permette di “Twittare” con grafica dell’ iPhone , il famoso “smarthphone” di casa Apple, vi proponiamo un altro di questi […]

La “Silicon Valley” e i quartier generali dei colossi dell’informatica

La “Silicon Valley” e i quartier generali dei colossi dell’informatica

La maggior parte delle aziende che operano nel campo informatico sono situate nella zona meridionale di San Francisco, denominata “Silicon Valley” (in italiano “valle del silicio”) proprio per la grande […]

iPhone/iPod Touch vulnerabili ad un attaco DoS

iPhone/iPod Touch vulnerabili ad un attaco DoS

Attenzione, una notizia importante per tutti i possessori di iPhone ed iPod Touch, inclusi i due prodotti più recenti ovvero l’iPhone da 16GB e l’iPod Touch da 32GB, è stata […]

Come ascoltare Pandora, il miglior servizio radio on-line al mondo, utilizzando Tor

Come ascoltare Pandora, il miglior servizio radio on-line al mondo, utilizzando Tor

Pandora è un servizio web di radio on-line nato qualche tempo fa negli stati uniti, che ha conosciuto in pochissimo tempo uno sviluppo fuori dal comune. Come last.fm, il sito […]

I (primi) dieci anni di Mozilla

I (primi) dieci anni di Mozilla

Tanti auguri a Mozilla (l’azienda statunitense che produce il sempre più famoso browser Firefox) che proprio in questi giorni sta compiendo i suoi primi dieci anni di vita. Una storia […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1..::M)o(RpHeUs::..

    Posso contraddire? La Microsoft non ha creato l’Altair 8800, ma bensì ha creato il sistema operativo che permetteva di farlo funzionare, ovvero il Basic

    27 Feb 2008, 11:18 am Rispondi|Quota
  • #2axel

    Sono tutti molto belli!!

    27 Feb 2008, 1:46 pm Rispondi|Quota
  • #3Fabrizio Cinti

    Contraddico ulteriormente: Microsoft non ha creato nemmeno quello, così come non ha creato ms-dos. Ha comprato prodotti già fatti, li ha adattati e rivenduti.

    L’altra “imprecisione” è questa:
    “La creazione del linguaggio di programmazione Basic consacrò l’azienda, che dal 1977 è leader incontrastata nel campo informatico.”

    Da come è scritto sembra che Microsoft prima abbia inventato “il primo computer disponibile al pubblico”, e poi abbia inventato anche il Basic, cosa abbastanza ridicola.

    Strani e monodirezionali abbagli. Forse l’autore dell’articolo ha studiato su qualche vecchio cd-rom enciclopedico prodotto da Microsoft, dove l’azienda si era spacciata davvero come inventrice del personal computer.

    27 Feb 2008, 3:34 pm Rispondi|Quota
  • #4Fulgidus

    Scusate ma lisa è stato un progetto fallimentare?
    Ma sono l’unico a pensare che fosse uno dei primi e migliori calcolatori mai creati?
    Ah… prima che mi diciate che sono un ultras della mela: non lo sono… però lisa spaccava e qui si dice:

    Ne è una prova il fatto che prima di brevettare l’interfaccia grafica nei computer e il mouse, Steve Jobs convinse il presidente dell’azienda a mostrargli i prodotti che avevano creato.
    Successivamente Jobs comprò e brevettò le idee, applicandole nei propri prodotti, come nel fallimentare Apple Lisa e nel Macintosh.

    28 Feb 2008, 5:27 am Rispondi|Quota