Geekissimo

Amazon presenta Cloud Drive e Cloud Player , i nuovi servizi di musical streaming

 
Denis Dosi
30 Marzo 2011
0 commenti

Nella giornata di ieri Amazon ha presentato Cloud Drive, il nuovo servizio di musical streaming, superando sullo scatto finale entrambe le concorrenti: Google, con il progetto Google Music, ma anche Apple, con l’espansione di iTunes nel mondo dello streaming.

Il servizio è accessibile da tutti i pc collegati alla rete (tramite Amazon Cloud Player for the web), ma anche da dispositivi mobile come Tablet e cellulari Android (tramite Amazon Cloud player for Android, all’interno di Amazon MP3). Oltre alla possibilità di poter usufruire dei brani anche da mobile, tale servizio offre uno spazio di archiviazione dati di ben 5GB, con l’opportunità di espanderlo fino a 20GB tramite l’acquisto di un intero album Mp3. E’ anche possibile acquistare altri 20GB di spazio al costo di 20 dollari annui.


Cloud Drive permette all’utente di memorizzare in rete la propria musica, ma anche quella acquistata su iTunes senza copyright digitale (DRM). I brani non vengono in alcun modo modificati, ovvero viene mantenuto il formato originale, sia esso AAC o Mp3; nello spazio dedicato è anche possibile memorizzare immagini, video e documenti.

Il nuovo servizio riprende in un qualche modo i meccanismi di Amazon S3 (storage per sviluppatori); attualmente non si è ancora a conoscenza del sistema di protezione dei dati che l’azienda desidera attuare, molto probabilmente rimarrà solamente il login dell’account collegato a tale servizio.

Dopo aver elencato moltissimi aspetti positivi, non resta che elencarne le negatività. Innanzitutto Amazon Cloud funziona con Blackberry, Palm e smartphone Android, ma non supporta alcuna versione dell’iOS. Esclusi quindi iPhone, iPod e iPad; risultato prevedibile, dato che le aziende sono concorrenti ed anche Apple sta creando il proprio servizio di streaming online.
L’altro aspetto, non da poco, è che, come l’appstore, i nuovi servizi Amazon sono disponibili solamente per gli utenti americani; pertanto, per poterne usufruire nel pieno delle loro potenzialità, è necessario accedervi con un account Amazon Statunitense (con residenza negli Usa).

Ad oggi non è dato possibile di sapere se e quando sarà disponibile anche per noi poveri italiani, non ci resta che attendere e sperare.

Via | Mashable

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Android VS iOS, Google Play ha più applicazioni di App Store

Android VS iOS, Google Play ha più applicazioni di App Store

In seguito alla crescita dell’ecosistema Android un numero sempre maggiore di sviluppatori ha scelto di concentrarsi sulla piattaforma Google Play. Il verificarsi di una situazione di questo tipo ha comportato […]

Amazon lavora ad una console Android, potrebbe arrivare a fine anno

Amazon lavora ad una console Android, potrebbe arrivare a fine anno

Stando a quanto emerso nel corso delle ultime ore Amazon, il colosso dell’e-commerce, pare abbia deciso di andare ben oltre il commercio online e la produzione dei device Kindle puntando, […]

Amazon, MP3 Store e Cloud Player disponibili anche per l’Italia

Amazon, MP3 Store e Cloud Player disponibili anche per l’Italia

Arrivano in Italia, a partire proprio da oggi, Amazon MP3 Store ed Amazon Cloud Player, due progetti made in Amazon lanciati già da qualche tempo che offrono agli utenti una nuova […]

Amazon AppStore for Android apre i battenti, Angry birds Rio in regalo

Amazon AppStore for Android apre i battenti, Angry birds Rio in regalo

Dopo tante voci e considerazioni, è finalmente realtà! Oggi apre le porte al mondo l’Amazon Android appstore e, per festeggiare, viene distribuita gratuitamente la famosa applicazione Angry Birds Rio.

Google Translate for Animals, interpretare il linguaggio degli animali utilizzando un applicazione per Android

Google Translate for Animals, interpretare il linguaggio degli animali utilizzando un applicazione per Android

Ad oggi, la comunicazione costituisce senz’altro uno degli elementi fondamentali ed universalmente accessibili mediante cui più individui hanno la possibilità di interagire tra loro, qualunque sia il mezzo utilizzato. Tuttavia, […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento